Argentina: le 20 menzogne sul caso 'Vialidad' denunciate da Cristina Kirchner

Argentina: le 20 menzogne sul caso 'Vialidad' denunciate da Cristina Kirchner

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La vicepresidente argentina Cristina Fernández de Kirchner ha denunciato la parzialità del tribunale che la sta processando per presunta corruzione, mentre rilasciava la sua ultima testimonianza nel processo giudiziario, ormai in dirittura d'arrivo, che la vede accusata di essere a capo di un'associazione illecita per frodare lo Stato.

"È un vero e proprio plotone d'esecuzione", ha dichiarato Fernandez, secondo il quale le accuse mosse contro di lei dai pubblici ministeri Diego Luciani e Sergio Mola nel corso del processo non possono nemmeno essere considerate un'accusa.

"Si sono dedicati a insultare, offendere, denigrare e ad agire non in conformità con la legge, ma come editorialisti dei quotidiani Clarín o La Nación, meritano davvero di essere giornalisti di punta per questi media", ha denunciato vicepresidente, dal momento che entrambi i gruppi mediatici guidano la stampa "anti-Kirchnerista" in Argentina.

Fernández de Kirchner ha criticato il disinteresse dei pubblici ministeri, sia in termini di regole che di sostanza del caso, e ha affermato che durante i 20 giorni in cui hanno presentato il loro caso, "hanno inventato fatti, hanno nascosto, hanno distorto, hanno mentito".

Ha anche ricordato che il 1° settembre ha subito un fallito attentato alla sua vita quando un uomo di nome Fernando Sabag Montiel ha tentato di spararle alla testa. Era accompagnato dalla sua fidanzata, Brenda Uliarte, che seguiva il procuratore Luciani sui social media.

"Direte che è esagerato parlare di plotone d'esecuzione, ma guardate, 12 giorni dopo quel 1° settembre, Clarín ci dà questa copertina: 'La pallottola che non è uscita e la sentenza che uscirà'. Guardate se non c'è identificazione con un plotone d'esecuzione e questo caso", ha argomentato.

Per quanto riguarda le accuse contro di lei, ha sottolineato che il concetto di "associazione illecita" e la detenzione preventiva riguardano solo il kirchnerismo e lei, in particolare, quando è l'accusata, ma non se è la vittima.

In riferimento all’indagine sull'attentato guidata da María Eugenia Capuchetti, il giudice che si è rifiutato di considerare "associazione illecita" sia coloro che hanno commesso l'attentato sia coloro che lo hanno presumibilmente istigato o finanziato.

"Forse si ritiene che la mia morte, il mio assassinio, non possa essere un atto di pubblica commozione", ha detto la vicepresidente, spiegando che questa è una delle considerazioni che la legge prende in considerazione quando imputa il reato di "associazione illecita".

Fernández de Kirchner ha insistito sul fatto che i procuratori Luciani e Mola non sono stati in grado di replicare o smentire nessuno dei fatti da lei esposti il 23 settembre, quando ha assunto la propria difesa e ha presentato il suo caso alla corte, il che dimostra, a suo avviso, che il loro unico intento era quello di stigmatizzare il kirchnerismo e, in particolare, lei stessa.

In questo senso, ha ribadito le sue accuse contro il "partito giudiziario che sostituisce il vecchio partito militare" dell'ultima dittatura e che, a suo avviso, agisce solo per disciplinare la classe politica, non per garantire che ci sia davvero giustizia.

Il caso e le 20 menzogne denunciate da Cristina Kirchner 

La vicepresidente è protagonista del cosiddetto "caso Vialidad", nato da un audit condotto dalla Direzione nazionale delle strade nel 2016, sotto il governo del suo successore, Mauricio Macri, e che indaga su 51 contratti ottenuti dall'imprenditore Lázaro Báez nella provincia di Santa Cruz, situata nell'estremo sud del Paese e che è stata il feudo politico della famiglia Kirchner.

A tal proposito Cristina Kirchner ha condiviso sui suoi social network un documento intitolato "las veinte mentiras de la causa vialidad" (le venti bugie della causa stradale).

1. NK e CFK hanno assegnato illegalmente e arbitrariamente fondi alla provincia di Santa Cruz per lavori stradali

a. Le decisioni sugli investimenti pubblici sono di esclusiva competenza degli organi politici e non esiste alcuna norma giuridica che ponga limiti alla loro distribuzione. Ciò è riconosciuto dalla dottrina degli autori, tra cui l'attuale presidente della CSJN, Horacio Rosatti, e dalla giurisprudenza emanata dalla nostra massima Corte (sentenza "Bustos"). 

b. L'investimento in opere stradali pubbliche a Santa Cruz era ampiamente giustificato dal deficit della rete stradale nel 2003, oltre che dalla necessità di garantire gli obiettivi di integrazione dei diversi centri abitati e di riaffermazione della sovranità, tra gli altri. Ciò è stato dimostrato nel processo non solo dalle dichiarazioni degli ex capi di gabinetto, ma anche dalle testimonianze dei revisori dei conti della DNV, che hanno lavorato addirittura durante l'amministrazione di Iguacel, e dei membri delle Camere di Commercio del settore.

c. Nessuna delle 51 opere indagate nel caso si è rivelata improduttiva o inutile, un fatto che non poteva essere negato nemmeno dai deputati dell'opposizione.

2. I disegni di legge di bilancio redatti dal ramo esecutivo sono stati concepiti in modo arbitrario e illegale da NK e CFK

a. Il processo di elaborazione dei disegni di legge di bilancio è stato accreditato da prove documentali e testimoniali che hanno rispettato tutti i controlli legali e finanziari e che hanno avuto l'intervento di tutti gli uffici competenti.

b. È stato inoltre dimostrato che la Presidenza della Nazione non ha mai emanato alcuna direttiva all'ONP che indicasse le modalità di svolgimento del suo compito.

c. La Procura non ha mai convocato come testimoni al processo né i ministri dell'Economia dal 2003 al 2015 né il personale tecnico che svolgeva funzioni all'interno del Sistema nazionale degli investimenti pubblici.

3. Il Congresso della Nazione ha partecipato marginalmente alla promulgazione delle leggi di bilancio

a. La legge di bilancio è nota come "legge delle leggi" ed è una delle leggi più discusse al Congresso. Lo dimostrano le testimonianze di ex Capi di Gabinetto, legislatori, membri delle commissioni consultive e funzionari tecnici dell'Esecutivo.

4. I legislatori sono stati costretti dal Potere Esecutivo Nazionale a votare in modo affermativo sui progetti di bilancio inviati al Congresso

a. È stato dimostrato nel processo, anche con le dichiarazioni di Margarita Stolbizer e Fernando Sánchez (tra gli altri), che i legislatori non hanno mai subito pressioni o costrizioni per votare a favore delle leggi di bilancio del periodo 2004-2015.

b. È stato dimostrato che anche la stessa opposizione nel 2010 e nel 2011 ha presentato proposte di bilancio alternative che includevano le stesse opere messe in discussione in questo caso.

c. Inoltre, le leggi di bilancio del periodo sono state votate positivamente da legislatori dell'opposizione, come Graciela Camaño, Federico Pinedo, Cristian Ritondo, Gerardo Morales e Pablo Tonelli. E, naturalmente, da Miguel Ángel Pichetto, che per tutto il periodo è stato a capo del blocco di senatori del partito al potere.

d. È stato inoltre dimostrato che non ci sono mai state voci di bilancio destinate alla provincia di Santa Cruz che andassero a beneficio di un particolare imprenditore.

e. A differenza della difesa di CFK, la Procura non ha mai richiesto la convocazione di alcun ex legislatore che potesse confermare di aver subito pressioni o minacce da parte della Presidenza della Nazione per votare a favore delle leggi di bilancio.

5. NK e CFK hanno aumentato gli stanziamenti di bilancio attraverso la DNU senza l'intervento del Congresso per favorire le aziende di Lázaro Báez

a. Tutte le DNU che hanno aumentato gli stanziamenti sono state espressamente convalidate dal Congresso nazionale.

b. Tutte le DNU sono state sottoposte ai controlli di legalità effettuati dai servizi legali.

c. Tutte le voci di bilancio della DNU sono state ampliate in modo generale.

d. Questo tipo di strumento giuridico è stato utilizzato da tutti i governi costituzionali a partire dalla riforma del 1994 e ha una chiara giustificazione economica (utilizzare i fondi di bilancio disponibili ottenuti da maggiori entrate nel corso dell'anno fiscale).

6. NK e CFK hanno utilizzato i fondi del fondo fiduciario creato dal decreto n. 976/2001 senza l'intervento del Congresso per finanziare illegittimamente opere stradali nella provincia di Santa Cruz

a.Il trust esisteva già prima del 2003 ed era stato creato durante la presidenza di Fernando De la Rúa, con lo scopo di finanziare progetti di investimento stradale.

b. In conformità con le disposizioni legali in materia, l'uso dei fondi fiduciari è stato riportato in ogni disegno di legge di bilancio e la sua allocazione è stata convalidata dal Congresso della Nazione.

c. L'uso di questi fondi è stato periodicamente comunicato al Congresso dai capi di gabinetto e infine approvato nei Conti degli investimenti.

d. I DNU 104 e 508 del 2004, emessi da NK e messi in discussione dai pubblici ministeri, sono stati utilizzati per lo scopo previsto dal decreto di costituzione del trust (finanziamento di opere stradali), avevano carattere generale ed erano stati espressamente convalidati dal Congresso della Nazione.

7. CFK ha emesso il decreto n. 54/2009 che incorpora la DNV come beneficiario del trust creato dal decreto n. 976/2001, nonostante il parere contrario dei servizi legali e con lo scopo di destinare fondi alle società di Lázaro Báez

a. È stato dimostrato nel processo che questo decreto era una semplice norma di assegnazione di funzioni, come Sergio Massa ha espressamente spiegato nelle domande poste dalla Procura.

b. Il decreto è stato controfirmato da diversi ministri dell'Esecutivo ed è stato sottoposto a tutti i controlli di legalità effettuati dai diversi servizi legali in ambito amministrativo.

c. Non c'è mai stato alcun parere legale che consigliasse di non firmare questo decreto.

d. Il decreto non aveva nulla a che fare con l'assegnazione di fondi per particolari opere stradali.

8. NK e CFK si sono avvalsi di decisioni amministrative, la cui competenza spetta ai capi di gabinetto, per reindirizzare le risorse economiche a favore di Lázaro Báez

a. Da una semplice lettura del CN (art. 100) e delle leggi approvate di conseguenza (legge 26.124) risulta che l'esecuzione del bilancio della nazione è una competenza esclusiva del Capo di Gabinetto, che sulla base di questa competenza detta le decisioni amministrative necessarie per aprire le voci e rispettare la legge di bilancio. Tutto questo è stato spiegato nel dettaglio dagli ex Capi di Gabinetto e dai funzionari tecnici delle aree competenti.

b. Le decisioni amministrative contestate nel caso erano di carattere generale e comprendevano i diversi settori dello Stato, tra cui la magistratura e la Procura.

c. Le decisioni amministrative del Capo di Gabinetto non solo hanno aumentato gli stanziamenti, ma li hanno anche diminuiti quando necessario, come è accaduto per i fondi destinati alle opere nella provincia di Santa Cruz.

d. Tutti gli ex capi di gabinetto hanno dichiarato sotto giuramento di non aver mai ricevuto istruzioni da NK o CFK per indirizzare gli stanziamenti di bilancio al finanziamento di progetti stradali nella provincia di Santa Cruz.

e. La falsità di quanto sostenuto dalla Procura è stata dimostrata, in quanto le decisioni amministrative in questione avevano come organo promotore esclusivo il Ministero della Pianificazione, demolendo così l'argomentazione secondo cui tali atti erano stati stabiliti dal Ministero della Pianificazione.

9. Il Ministero della Pianificazione e la Direzione Nazionale delle Strade, per ordine di NK e CFK, hanno aumentato illegalmente gli importi corrispondenti ai lavori assegnati alle società di Lázaro Báez

a. Le decisioni adottate nell'ambito della Pianificazione e della DNV corrispondono alle autorizzazioni espressamente concesse dal Capo del Consiglio dei Ministri attraverso decisioni amministrative e non alle direttive emanate dalla Presidenza della Nazione.

b. Tali decisioni sono state notificate all'ONP, che ha effettuato un controllo di ragionevolezza e legalità prima della loro approvazione.

c. Tutti i testimoni convocati al processo hanno escluso che ci sia stata un'interferenza da parte della Presidenza della Nazione per far sì che queste decisioni amministrative andassero a beneficio di Santa Cruz, tanto meno di un imprenditore in particolare.

d. Questi atti non solo hanno aumentato gli stanziamenti, ma li hanno anche diminuiti quando necessario, come è avvenuto per i fondi destinati alle opere nella provincia di Santa Cruz.

10. Negli anni 2003 e 2015, il Potere esecutivo nazionale ha impedito al Congresso nazionale di conoscere la destinazione delle voci di bilancio incluse nelle leggi di bilancio (blackout informativo)

a. Il processo ha dimostrato che durante i governi NK e CFK sono state promosse molteplici iniziative per rafforzare tutti i sistemi informativi corrispondenti ai conti pubblici. In questo senso, è stato implementato lo strumento informatico E-SIDIF ed è stato lanciato il programma BAPIN II, che ha un registro dettagliato delle opere, delle loro scadenze, dei costi e degli studi di impatto.

b. I testimoni convocati al processo hanno confermato che tutte queste iniziative costituiscono una politica statale iniziata prima dei governi NK e CFK e proseguita fino a oggi.

c. Le leggi di bilancio incorporate come prova documentale nel caso dimostrano che le opere oggetto dell'indagine sono state presentate al Congresso seguendo la stessa tecnica legislativa adottata e utilizzata prima e dopo i governi NK e CFK.

d. È stato dimostrato che la Procura ha deliberatamente nascosto gli stanziamenti di bilancio approvati dal Congresso per ciascuna di queste opere nelle successive leggi di bilancio, il che smentisce la tesi della loro sottovalutazione.

e. È stato dimostrato che la Procura ha deliberatamente nascosto tutti gli atti dell'Esecutivo attraverso i quali sono stati ridotti gli stanziamenti destinati alle opere stradali di Santa Cruz.

f. Il Congresso ha avuto informazioni dettagliate su tutte le opere stradali realizzate a Santa Cruz, non solo al momento dell'approvazione delle leggi di bilancio, ma anche durante la fase di esecuzione.

g. Le opere realizzate nell'ambito degli accordi con la Provincia di Santa Cruz erano previste anche nelle leggi di bilancio approvate dalla legislatura provinciale.

11. Il Congresso Nazionale ha approvato i Conti degli Investimenti senza alcuna seria valutazione, essendo il risultato della semplice imposizione di maggioranze politiche

a. I conti degli investimenti contengono un dettaglio esaustivo di ogni singolo pagamento effettuato con fondi pubblici.

b. Il personale amministrativo della DNV ha spiegato che non sono stati effettuati pagamenti alle società di Lázaro Báez o a qualsiasi altro contraente che non fosse regolarmente registrato nei sistemi dell'agenzia e nei sistemi informatici gestiti dall'ONP (sistema SIDIF).

c. Prima della loro approvazione, i conti degli investimenti sono stati valutati dalla Commissione Congiunta per la Revisione dei Conti, a sua volta consigliata dall'AGN.

d. La Procura non ha mai richiesto alcuna prova per dimostrare che almeno un legislatore abbia votato a favore dei Conti di investimento contro la sua volontà.

12. Alla fine di novembre 2015, CFK ha ordinato di aumentare le voci di bilancio dei lavori assegnati a Lázaro Báez per farsi pagare una somma di oltre 500 milioni di pesos

a. Nel corso del 2015, l'Esecutivo Nazionale ha ridotto notevolmente gli stanziamenti di bilancio assegnati dal Congresso alla provincia di Santa Cruz per la realizzazione di opere stradali.

b. Alla fine di novembre 2015 non sono stati effettuati pagamenti a favore delle società di Lázaro Báez.

c. Le prove incorporate nel caso e in particolare le informazioni fornite dalla DNV durante l'amministrazione di Iguacel dimostrano che le aziende di Lázaro Báez avevano un gran numero di certificati di lavoro non pagati.

13. Il 30 novembre 2015, CFK si è recata nella provincia di Santa Cruz per incontrare Lázaro Báez e progettare il piano di risanamento, che consisteva nell'abbandono delle opere realizzate a Santa Cruz e nel licenziamento di tutti i dipendenti delle aziende di Báez

a. La notizia giornalistica fornita dalla Procura che tendeva ad accreditare tale incontro non corrispondeva al 30/11/2015 ma al 29/11/2015.

b. Il 30/11/2015, nello stesso momento in cui secondo la Procura CFK ha avuto un incontro con Báez, CFK ha partecipato a un evento pubblico a Río Negro che è stato trasmesso in diretta per tutto il Paese.

c. I messaggi estratti in modo distorto dal telefono di José López, sulla base dei quali la Procura ha cercato di basare una falsa accusa contro CFK, hanno dimostrato, tra l'altro, che López aveva una relazione molto più che fluida con l'"anima gemella" di Mauricio Macri, Nicolás Caputo - sia nella sfera pubblica che in quella privata -, così come con un altro importante imprenditore edile, collaboratore della campagna elettorale di Cambiemos e nella cui casa, inoltre, López viveva. Tutte queste informazioni sono state deliberatamente nascoste durante l'arringa di Mola e Luciani.

14. Le relazioni commerciali tra Lázaro Báez e NK e CFK erano atti illegali che coprivano il ritorno dei profitti illeciti prodotti dall'aggiudicazione di lavori pubblici stradali a Santa Cruz

a. I contratti commerciali elencati dalla Procura come prova di un reato erano già stati denunciati molti anni prima e i tribunali hanno stabilito che non costituivano un atto illegale.

b. È falso che tali contratti rappresentino presunti ritorni a favore della famiglia Kirchner, poiché si tratta di atti in cui vengono scambiati benefici reciproci (ad esempio, il pagamento del prezzo di un affitto o l'acquisto di un bene).

c. Una semplice lettura dei documenti inclusi nel caso dimostra che non è mai esistito un rapporto di collaborazione tra NK, CFK e Lázaro Báez.

d. La magistratura ha stabilito, con autorità di cosa giudicata, che le relazioni commerciali tra la famiglia Kirchner e una persona o un'impresa che aveva contratti di lavori pubblici con lo Stato non comportavano alcun conflitto di interessi, tanto meno un reato penale.

15. CFK ha dato gli ordini per l'assegnazione illegittima di lavori stradali nella provincia di Santa Cruz all'imprenditore Lázaro Báez

a. La Presidenza della Nazione non ha alcuna competenza nelle gare d'appalto, nell'esecuzione o nel pagamento dei progetti stradali oggetto del caso o di qualsiasi altro progetto realizzato tra il 2003 e il 2015.

b. La pratica di stipulare accordi tra il DNV e gli enti provinciali è assolutamente legittima, è stata portata avanti nel corso della storia del DNV e in tutto il Paese e aveva una particolare giustificazione in relazione alla provincia di Santa Cruz. Questo è stato spiegato in dettaglio non solo dai tecnici DNV, ma anche dal principale consulente legale di Javier Iguacel, Ricardo Stoddart.

c. Tutti i testimoni che hanno deposto al processo, senza eccezioni, hanno affermato di non aver mai ricevuto da NK o da CFK alcun ordine a favore di Lázaro Báez o di qualsiasi altro appaltatore statale.

d. Le nomine dei funzionari dell'Esecutivo Nazionale sono atti legittimi e non si possono trarre criteri per ritenere la Presidenza responsabile di eventuali irregolarità commesse da questi funzionari.

e. Sebbene l'ipotesi dell'accusa fosse che NK e CFK avessero dato tali ordini illegali, per tutta la durata del processo l'accusa si è opposta a che venisse posta tale domanda.

16. CFK ha omesso di effettuare controlli per prevenire irregolarità nei lavori assegnati alle aziende di Lázaro Báez, nonostante gli avvertimenti dell'ex ministro Lavagna e dell'AGN

a. Non esiste alcuna disposizione costituzionale, legale o regolamentare che imponga alla Presidenza della Nazione il dovere di controllare gli atti amministrativi compiuti dal DNV, tanto meno quelli elaborati da un organo provinciale (AGVP).

b. L'ex ministro Lavagna ha spiegato che la sua denuncia è stata inoltrata attraverso la Commissione per la Difesa della Concorrenza e che NK non avrebbe dovuto intervenire in alcun modo in questo processo. Ha inoltre affermato che il presunto collegamento tra questa denuncia e la richiesta di dimissioni di NK è una mera speculazione giornalistica.

c. Nel processo è stato dimostrato che quello che la Procura ha chiamato "allarme AGN" non è altro che un'opinione personale di Leandro Despouy.

d. Sebbene Alejandro Nieva (Controllore Generale della Nazione) abbia avanzato delle domande davanti ai media su presunti prezzi eccessivi, discrezionalità nell'assegnazione di fondi a Santa Cruz e sulla concessione di lavori alle aziende di Lázaro Báez, non è stato in grado di corroborare nessuna di queste dichiarazioni nel processo; ha espressamente indicato di non esserne a conoscenza.

17. NK e CFK hanno abusato dell'apparato statale in modo da concentrare i lavori pubblici stradali a Santa Cruz nelle mani di un unico gruppo imprenditoriale, il cui proprietario (Báez) ha potuto rilevare altre imprese situate nella provincia di Santa Cruz

a. La concentrazione di opere pubbliche nelle mani di imprenditori locali è un fenomeno diffuso nel resto del Paese.

b. I testimoni che sono intervenuti al processo hanno spiegato dettagliatamente le ragioni per cui si verificano tali concentrazioni, senza che ciò implichi alcun tipo di irregolarità (è quanto ha testimoniato, tra gli altri, Ángelo Calcaterra).

c. I proprietari delle aziende acquisite da Lázaro Báez hanno escluso l'esistenza di pressioni per vendere le loro aziende e hanno affermato di averlo fatto per offerte di cui erano soddisfatti.

18. Per ordine di NK e CFK, sono state approvate leggi provinciali fondamentali (lavori pubblici) con lo scopo esclusivo di permettere alle imprese di Báez di vincere le gare d'appalto a Santa Cruz

a. Il processo ha stabilito che quasi tutte le province argentine hanno una propria legge sui lavori pubblici.

b. Il Congresso di Santa Cruz ha votato liberamente tali leggi.

c. Le preferenze per gli imprenditori locali stabilite in tali leggi esistono anche in altre province e sono solitamente incluse nei documenti di gara. Questo è stato dichiarato da diversi imprenditori e tecnici DNV.

19. In tutte le gare d'appalto vinte dalle aziende di Lázaro Báez sono stati pagati prezzi eccessivi e milionari

a. La Procura non ha mai richiesto una perizia per dimostrare questa accusa.

b. La perizia è stata effettuata esclusivamente su richiesta della difesa ed è stata limitata dalla Corte a sole 5 opere scelte secondo i criteri stabiliti dai pubblici ministeri.

c. Una persona attiva sui social network con opinioni contro la famiglia Kirchner è stata autorizzata a partecipare al caso come perito ufficiale (Eloy Pablo Bona).

d. Il criterio utilizzato da questo esperto, così come quello proposto su richiesta della Procura (Roberto Panizza), era manifestamente illogico e contrario alle più elementari regole della loro professione. Questo è stato stabilito quando sono stati chiamati a testimoniare al processo.

e. L'unica esperta che ha condotto uno studio serio sull'esistenza o meno dell'overpricing è stata Adriana Alperovich, che ha respinto l'accusa di overpricing in modo fondato.

20. Nonostante Baez abbia riscosso tutti i pagamenti in modo tempestivo e legale, i lavori hanno subito ritardi ingiustificati, hanno presentato carenze costruttive o non sono stati realizzati affatto

a. Gli elementi di prova incorporati nel processo (prove documentali, testimoniali e peritali) hanno dimostrato che i ritardi nei lavori erano debitamente giustificati nei diversi fascicoli amministrativi in materia.

b. Le prove incorporate nel processo (prove documentali, testimoniali e peritali) hanno dimostrato che non sono state riscontrate carenze costruttive rilevanti e che tutti i pagamenti effettuati alle società di Báez corrispondevano a lavori effettivamente eseguiti (non sono stati effettuati pagamenti per lavori non eseguiti).

c. Gli auditor di DNV hanno confermato che quanto riportato nel programma PPT sui lavori che non hanno portato a nulla era falso.

d. Le opere sono state deliberatamente abbandonate durante il governo di Mauricio Macri, che ha generato il vero danno allo Stato. 

 
 
 
 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Sa(n)remo arruolati in guerra di Giorgio Cremaschi Sa(n)remo arruolati in guerra

Sa(n)remo arruolati in guerra

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'(ancien) Regime di Antonio Di Siena L'(ancien) Regime

L'(ancien) Regime

I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara di Michelangelo Severgnini I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara

I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano di Pasquale Cicalese Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente di Damiano Mazzotti Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente