Lavrov: Russia e Cina impegnate per "un ordine mondiale multipolare, giusto e democratico"

Lavrov: Russia e Cina impegnate per "un ordine mondiale multipolare, giusto e democratico"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Dal 2 gennaio la nostra pagina Facebook subisce un immotivato e grottesco blocco da "fact checker" appartenenti a testate giornalistiche a noi concorrenti. Aiutateci ad aggirare la loro censura e iscrivetevi al Canale Telegram de l'AntiDiplomatico

 

Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha discusso dell'andamento dell'operazione militare in Ucraina e dello sviluppo del dialogo con Kiev durante l'incontro con il suo omologo cinese Wang Yi alla vigilia della terza conferenza a livello ministeriale dei paesi limitrofi dell'Afghanistan, che si svolgerà domani a Tunxi. Oggi Lavrov terrà anche una serie di colloqui bilaterali con i ministri degli esteri degli altri paesi.

I ministri degli Esteri hanno sottolineato che le sanzioni unilaterali illegali imposte alla Russia dagli Stati Uniti e dai suoi alleati sono controproducenti. Inoltre, Lavrov ha richiamato l'attenzione sulle attività biologiche militari svolte in Ucraina dagli Stati Uniti.

Durante il suo discorso di apertura prima dell'incontro, il ministro degli Esteri russo ha osservato che il mondo sta attraversando una fase importante nella storia delle relazioni internazionali, al termine della quale la situazione globale dovrebbe essere "notevolmente chiarita". 

"Andremo avanti insieme a voi, insieme ad altre nazioni che la pensano allo stesso modo, verso un ordine mondiale multipolare, giusto e democratico", ha spiegato Lavrov al suo omologo cinese.

Per quanto riguarda le relazioni bilaterali tra Mosca e Pechino, l'alto diplomatico ha assicurato che la parte russa ha un grande interesse per la loro cooperazione "continuando a svilupparsi in modo costante e coerente" e ha annunciato che "vedranno misure concrete per attuare tutti gli accordi.

"Siamo felici di essere di nuovo in Cina. È il nostro secondo incontro quest'anno, [che] sottolinea l’intensità e l'affidabilità del nostro dialogo bilaterale regolare", ha affermato Lavrov.

I cancellieri di Russia e Cina hanno anche affrontato questioni relative alla situazione in Afghanistan, in Asia centrale in generale, al programma nucleare dell'Iran e della Corea del Nord , nonché ad altre questioni regionali e mondiali.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti