La Russia sta trovando nuove soluzioni alla crisi siriana

La Russia sta trovando nuove soluzioni alla crisi siriana

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Alexandr Svaranc*

La destabilizzazione della situazione politico-militare e la guerra civile provocata in Siria, in corso dal marzo 2011, sono diventate un'altra conseguenza della politica regionale degli Stati Uniti di ridisegnare la regione del Medio Oriente e stabilire il proprio monopolio. La strategia del "caos controllato" con l'uso di forze radicali e contraddizioni politiche interne era un prodotto banale della diplomazia e dell'intelligence americana.

Il conflitto siriano è un'eco della "primavera araba" e un riflesso di contraddizioni etnico-religiose a più livelli, che, partendo da uno scontro civile locale, si sono infine trasformate in una rivolta contro il regime di Bashar al-Assad e hanno coinvolto i principali paesi della regione e potenze mondiali. Le parti in conflitto ricevono sostegno militare e politico da vari attori esterni. In particolare, Russia e Iran forniscono supporto alle forze filogovernative e ai gruppi sciiti, alle forze della variegata opposizione dei paesi occidentali (in particolare, gli stessi curdi), della Turchia e delle monarchie arabe del Golfo Persico (compresi i turcomanni e gli arabi sunniti).

Il grado di coinvolgimento di stati stranieri nella crisi siriana si è rivelato così elevato che gli esperti spesso la caratterizzano come una guerra per procura tra potenze regionali. La radicalizzazione delle contraddizioni religiose ha portato gruppi e organizzazioni terroristiche internazionali in prima linea nel teatro siriano, dove l'ISIS ha mostrato in particolare la sua crudeltà ed espansionismo. Tale frammentazione dell'opposizione siriana unita e la svolta degli eventi sono diventati la ragione dell'ingresso nel conflitto di forze esterne (Stati Uniti, Russia, Iran, Turchia) nel 2014. La guerra in Siria ha generato milioni di esercito di rifugiati e una crisi migratoria in Turchia e in Europa.

Per ragioni oggettive, i paesi del Medio Oriente (Iran, Turchia in primis, le monarchie arabe del Golfo Persico e Israele) mostrano un'attenzione particolare al conflitto siriano. Quest'ultima è motivata da considerazioni di prossimità geografica, contraddizioni religiose tra sunniti e sciiti, differenze etniche (soprattutto riguardo al destino della questione curda nella regione), possibili trasformazioni territoriali e ridisegno dei confini.

Dall'autunno del 2015, la Russia è stata costretta a entrare in questo conflitto su invito del governo siriano, perché Mosca ha tradizionalmente svolto un ruolo di stabilizzazione nella regione e ha agito come partner strategico della Repubblica araba siriana (SAR). Gli obiettivi dell'operazione di mantenimento della pace russa in Siria erano:

– la lotta contro le forze del terrorismo internazionale e la soppressione della loro attività ai lontani approcci ai nostri confini;

– fornire assistenza amichevole al popolo siriano per ripristinare l'integrità territoriale del paese e la stabilità politica nella regione;

– conservazione della base navale e aerea delle Forze Armate della Federazione Russa nella RAS come garante della pace e della sicurezza.

Tenendo conto dei successi della missione di mantenimento della pace russa in Siria, l'autorità della Russia in Medio Oriente è notevolmente aumentata, Mosca ha avviato la formazione di una nuova piattaforma per i negoziati politici sulla crisi siriana ad Astana e Sochi con la partecipazione del Medio Oriente interessando Siria, Turchia e Iran.

Il dramma del conflitto siriano è aggravato, come sapete, dai problemi del controllo delle risorse petrolifere locali e delle comunicazioni strategiche di transito che passano attraverso la Siria. La guerra dà spesso luogo a processi caotici e incontrollabili di saccheggio delle risorse economiche del territorio occupato e controllato. Oltre a ciò, la questione etno-politica curda, la prospettiva della separazione di parte della SAR e la formazione di una nuova autonomia curda (o di uno stato indipendente) nel nord e nel nord-est del paese sono particolarmente acute per i paesi la vicina Siria (in particolare, per la Turchia).

Ankara è obiettivamente preoccupata per un simile scenario della questione curda in Siria con il sostegno militare, politico e finanziario esterno di Stati Uniti e Israele. I turchi ritengono che le formazioni curde della Siria (in particolare, l'alleanza militare "Forze democratiche siriane" - SDF) stiano cooperando attivamente con il Partito dei lavoratori del Kurdistan bandito in Turchia, che Ankara ha elencato come organizzazione terroristica internazionale, e possano trasferire la fiamma del conflitto locale in Anatolia.

È noto che proprio con questa motivazione la Turchia ha condotto quattro operazioni militari in Siria dal 2016 in coordinamento con la Russia ("Euphrates Shield", "Olive Branch", "Peace Spring", "The Claw-Lock"). L'obiettivo di Ankara è formare una zona cuscinetto di 30 km lungo il confine turco-siriano in profondità nelle aree popolate dai curdi, respingendo i gruppi locali e stabilendo il proprio controllo e il pattugliamento turco-russo. Di conseguenza, un certo numero di insediamenti siriani passò sotto il controllo dell'esercito turco (tra cui Jarablus, El-Bab, Afrin, Ras al-Ain e altri).

La Turchia, con il pretesto di contraddizioni con gli Stati Uniti in termini di prospettive della questione curda in Siria, sta cercando di continuare a spingere per nuove acquisizioni territoriali e pulizia etnica in termini di sfollamento dei curdi dalla zona di confine. Allo stesso tempo Ankara mostra un'attenzione speciale ai turcomanni di lingua turca e ai gruppi sunniti filoturchi al fine di cambiare l'etnografia dei territori occupati nel nord della Siria, che si inserisce nel quadro della dottrina turca del neo-pan-turchismo.

Tuttavia, la resistenza dei curdi, sostenuta in parte dal governo siriano e in parte dagli Stati Uniti, ha creato una disposizione delle forze alquanto diversa, con l'intero nord-est di fatto sotto il controllo del gruppo curdo delle SDF e gran parte del nord e nord-ovest controllati congiuntamente da formazioni filogovernative e curde.

Di recente, nel quadro della lotta preelettorale e della retorica radicale, il ministro dell'Interno turco Suleyman Soylu, annoverato tra i sostenitori del neopanturkismo, ha accusato gli Stati Uniti di sostenere le forze del terrorismo internazionale e di creare uno stato terrorista con un’enfasi sul fattore curdo in Siria. In questo caso Soylu, che si candiderà alle elezioni parlamentari per conto dell'AKP al governo (come sapete, il presidente Recep Erdogan ha annunciato che tutti i ministri del suo gabinetto si sarebbero candidati per il parlamento), ha detto che la Turchia, continuando la lotta contro le forze del terrorismo, stava infatti combattendo gli Stati Uniti.

Ma il giorno dopo un'accusa così forte contro gli americani, il presidente Recep Erdogan si è ammalato improvvisamente per motivi al momento sconosciuti, ha dovuto interrompere una diretta della televisione locale e il giorno successivo ha cancellato diversi eventi legati a questioni elettorali. Le condizioni di Erdogan, secondo i dati ufficiali della sua amministrazione, sono stabili. Sebbene ci siano state notizie contrastanti per tutta la serata del 26 aprile: alcuni di loro hanno affermato che Erdogan aveva una leggera influenza allo stomaco, mentre altre fonti hanno reso pubbliche informazioni su un infarto miocardico e il ricovero urgente di Erdogan.

Auguriamo al presidente turco buona salute e pronta guarigione. A questo proposito, è una strana e casuale coincidenza che il crollo di Erdogan sia avvenuto per qualche motivo alla vigilia del lancio del combustibile pesante per la prima centrale nucleare turca di Akkuyu a Mersin, costruita dalla Russia. Questo attacco inaspettato non è una conseguenza del sabotaggio americano contro il presidente fuori controllo Recep Erdogan, i cui ministri (ad esempio, Suleyman Soylu) stanno già combattendo gli Stati Uniti e accusandoli di terrorismo? Di conseguenza, due presidenti (Erdogan in Turchia e Putin in Russia) per motivi diversi (in particolare, uno per un leggero raffreddore, l'altro per un intenso programma di lavoro) prenderanno parte a questo evento, che ha un importante significato politico significato alla vigilia delle elezioni generali, tramite un collegamento video online.

Nel frattempo, i ripetuti tentativi della Turchia nel 2022 di lanciare una nuova operazione militare in Siria (sia aerea che terrestre) sono stati localizzati principalmente dagli sforzi della diplomazia russa. Grazie alla Russia, il 25 aprile di quest'anno si sono svolti a Mosca i colloqui quadrilateri dei ministri della Difesa di Russia, Iran, Siria e Turchia, che sono stati molto apprezzati dal ministro della Difesa turco Hulusi Akar.

Il tema dell'incontro di Mosca è stato i "passi pratici" per rafforzare la sicurezza in Siria, l'ulteriore lotta contro i gruppi estremisti e la normalizzazione dell'intero complesso delle relazioni siro-turche (compresa la conservazione dell'integrità territoriale della Siria e il ritorno anticipato dei rifugiati siriani dalla Turchia). Riconoscendo l'integrità territoriale della Siria, i partecipanti all'incontro di Mosca (comprese Ankara e Damasco) escludono qualsiasi opzione per la formazione di uno stato curdo indipendente.

L'incontro dei ministri della difesa può essere considerato solo l'inizio di un più ampio dialogo turco-siriano all'interno del Quartetto mediorientale (Russia, Iran, Siria, Turchia). Colloqui simili sono previsti a livello dei capi dell'intelligence straniera e del ministero degli Esteri, che consentiranno di esaminare l'intera gamma di questioni e preparare una riunione dei capi di stato. Tale dinamica e intensità del processo negoziale con l'iniziativa di Mosca testimonia il successo della diplomazia russa, capace di trovare nuove soluzioni alla prolungata crisi siriana.

*Docente di scienze politiche e editorialista per la rivista online New Eastern Outlook.

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi" di Michelangelo Severgnini Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti