La Russia continuerà a rafforzare la cooperazione con i paesi del sud e dell’est del mondo

La Russia continuerà a rafforzare la cooperazione con i paesi del sud e dell’est del mondo

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La Russia continuerà a rafforzare i legami in tutti i settori con i Paesi del Sud e dell'Est globale, che condividono l'impegno per i principi della Carta delle Nazioni Unite e sostengono il rispetto per il diritto dei popoli di determinare il proprio destino, ha dichiarato il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov in un messaggio letto dall'ambasciatore russo a Dushanbe Semyon Grigoryev in occasione del Forum internazionale culturale e di civiltà "I valori tradizionali dei popoli orientali e il mondo moderno", secondo quanto riporta l'agenzia TASS.

"La Russia continua i suoi intensi sforzi per rafforzare i principi legali e morali della comunicazione internazionale, che è una condizione essenziale per la formazione di un ordine mondiale multipolare più equo", ha affermato il ministro.

A questo proposito, Mosca "continuerà a costruire una cooperazione globale con i Paesi del Sud e dell'Est del mondo" che, come la Russia, "sono fermamente impegnati nei principi della Carta delle Nazioni Unite, sostengono il rispetto per la diversità culturale e di civiltà dei popoli del mondo e il loro diritto di determinare il proprio destino".

"Siamo tutti uniti nell'inammissibilità dell'imposizione aggressiva di pseudo-valori neoliberali che minano le fondamenta spirituali delle nostre comunità e possono danneggiare la salute morale dei nostri cittadini. Sono certo che il forum farà molto per rafforzare l'amicizia e la fiducia tra i popoli e permetterà di elaborare utili raccomandazioni pratiche", ha concluso Lavrov.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

L'UE e quel "lei deve stare molto attento!" di Marinella Mondaini L'UE e quel "lei deve stare molto attento!"

L'UE e quel "lei deve stare molto attento!"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Il mio messaggio a Bengasi di Michelangelo Severgnini Il mio messaggio a Bengasi

Il mio messaggio a Bengasi

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa di Giuseppe Masala Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa

Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti