La Russia abbandona il dollaro USA nel commercio con gli alleati

La Russia abbandona il dollaro USA nel commercio con gli alleati

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

La Russia annuncia che sta riducendo la sua dipendenza dal dollaro, aumentando così l'uso delle valute nazionali per commerciare con altri paesi.

“La Russia sta gradualmente riducendo la sua dipendenza dal dollaro. Pertanto, le transazioni in valute nazionali nello spazio dell'Unione economica eurasiatica (EAEU) sono cresciute del 74% ", ha annunciato giovedì scorso il presidente della Camera bassa del parlamento russo (Duma), Viacheslav Viktorovich Volodin, durante una conferenza stampa, riportata dal quotidiano locale Kommersant .

Allo stesso modo, Volodin ha sottolineato che, con questa misura, Mosca cerca di aumentare l'uso delle valute nazionali negli scambi con altri paesi, in particolare con la Turchia e la Cina.

Sulla stessa linea, ha sottolineato che il Fondo nazionale di previdenza sociale (FBN) russo ha ridotto la quota del dollaro USA e dell'euro dal 45 al 35% nelle sue riserve, mentre la quota della sterlina britannica è rimasta al dieci per cento.

All'inizio di questo mese, il presidente della camera alta del parlamento russo, Valentina Matvienko, ha affermato che la politica di de-dollarizzazione, applicata per ordine del presidente russo Vladimir Putin, ha ridotto il peso della valuta statunitense nel riserva valuta del paese, quindi il processo è in corso, può sembrare lento per alcuni, ma si sta sviluppando progressivamente ", ha spiegato.

Cosa c'è dietro la politica di de-dollarizzazione?

Questa idea, in particolare nel caso della Russia, è nata nel 2014 dopo che gli Stati Uniti hanno sanzionato la Russia per la riunificazione della Crimea al suo territorio.

Inoltre, nel corso degli anni, l'idea è diventata più forte, a causa della pratica di Washington di imporre sanzioni per costringere i paesi sovrani a soccombere alle sue richieste illegali.

Per questo motivo, diversi paesi come Iran, Venezuela, Angola, Indonesia, Malaysia, Thailandia e Pakistan hanno espresso il desiderio di abbandonare il dollaro o ridurne l'uso nel commercio di petrolio e in altre transazioni finanziarie.

 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

L'opposizione al capitale che non c'è di Paolo Desogus L'opposizione al capitale che non c'è

L'opposizione al capitale che non c'è

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer di Francesco Santoianni Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Caffè: i prezzi andranno alle stelle di  Leo Essen Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Caffè: i prezzi andranno alle stelle

In Cina i salari crescono più del Pil di Pasquale Cicalese In Cina i salari crescono più del Pil

In Cina i salari crescono più del Pil

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Paolo Mieli e la dittatura antifascista di Antonio Di Siena Paolo Mieli e la dittatura antifascista

Paolo Mieli e la dittatura antifascista

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund di Gilberto Trombetta "Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti