La modernizzazione cinese al centro della Understanding China Conference 2023

La modernizzazione cinese al centro della Understanding China Conference 2023

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La Conferenza Understanding China 2023 (Guangzhou), conclusasi domenica scorsa, si è rivelata una piattaforma di rilievo per affrontare un significativo "deficit di comprensione" tra diversi paesi e civiltà, contribuendo a promuovere la fiducia reciproca. Particolare enfasi è stata posta sull'importanza di comprendere la modernizzazione cinese, diversa da quella occidentale, specialmente considerando il ruolo dei media statunitensi e occidentali nel creare un'ostilità che ha approfondito tale deficit, come riferisce il quotidiano Global Times.

La conferenza, che ha attirato 70 ospiti internazionali provenienti da oltre 30 paesi, si è incentrata sul tema "Nuovi sforzi della Cina in mezzo a cambiamenti globali senza precedenti - Espandere la convergenza degli interessi e costruire una comunità di futuro condiviso".

Il presidente Xi Jinping ha inviato una lettera di congratulazioni alla conferenza, sottolineando che la chiave per comprendere la Cina risiede nella comprensione della sua modernizzazione, un processo che contribuisce al progresso del paese e alla costruzione di un futuro condiviso con l'umanità.

Zheng Bijian, presidente fondatore dell'Istituto cinese per l'innovazione e lo sviluppo strategico, ha evidenziato che la conferenza ha costantemente sostenuto il principio delle "tre comprensioni": comprendere la Cina, comprendere il mondo e comprendere i cambiamenti del secolo.

Gli esperti presenti hanno sottolineato le differenze fondamentali tra la modernizzazione cinese e occidentale. Mentre la modernizzazione occidentale si basa sulla colonizzazione e sfruttamento del resto del mondo, la modernizzazione cinese si distingue per una relazione costruttiva e stretta con il mondo in via di sviluppo.

Alcuni partecipanti hanno evidenziato che la modernizzazione cinese si focalizza sulla condivisione dello sviluppo, distinguendosi dall'approccio occidentale incentrato sull'exploit di classi lavoratrici impoverite per arricchire una piccola élite.

La conferenza ha anche affrontato le relazioni tra la Cina e l'Occidente, in particolare tra la Cina e gli Stati Uniti. Gli esperti hanno discusso la necessità di affrontare il deficit di comprensione, notando che alcune narrazioni attuali su China sono fraintendimenti o distorsioni intenzionali.

Cui Tiankai, ex ambasciatore cinese negli Stati Uniti, ha sottolineato che comprendere la Cina implica affrontare le questioni legate alla percezione, poiché alcune narrazioni correnti sono fraintendimenti o distorsioni intenzionali.

Nonostante il recente incontro tra i capi di Stato di Cina e Stati Uniti a San Francisco abbia rappresentato un passo positivo, alcuni esperti ritengono che sia difficile colmare il deficit di comprensione, soprattutto quando gli Stati Uniti alimentano deliberatamente ostilità nei confronti della Cina. Alcuni suggeriscono che la Cina dovrebbe concentrarsi su un pubblico più recettivo, comunicando con le persone comuni negli Stati Uniti per dissipare l'immagine di nemico.

In conclusione, la Understanding China Conference 2023 si è affermata come un'importante piattaforma per affrontare il crescente "deficit di comprensione" tra diverse nazioni e civiltà, con particolare attenzione alla necessità di comprendere la specificità della modernizzazione cinese rispetto a quella occidentale. Con il presidente Xi Jinping che sottolinea l'importanza della comprensione della modernizzazione cinese, la conferenza ha evidenziato il ruolo chiave della Cina nel contribuire al progresso globale e alla costruzione di un futuro condiviso con l'umanità. Gli esperti hanno sottolineato le differenze fondamentali nella modernizzazione cinese, caratterizzata da una relazione costruttiva con il mondo in via di sviluppo e da un impegno per la condivisione dello sviluppo. Tuttavia, le discussioni sulla relazione tra la Cina e l'Occidente, in particolare gli Stati Uniti, hanno evidenziato la persistenza di malintesi e distorsioni nella percezione della Cina.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti