La Cina smentisce le fake news occidentali sulla questione ucraina

La Cina smentisce le fake news occidentali sulla questione ucraina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Oltre alla Russia, anche la Cina è stata vittima delle fake news diffuse in Occidente circa la questione ucraina. Un articolo dell’agenzia stampa Xinhua, tradotto di seguito, analizza e smentisce tutte le falsità sulla posizione cinese circa il conflitto.

 

https://giuliochinappi.wordpress.com/2022/05/05/la-cina-smentisce-le-fake-news-occidentali-sulla-questione-ucraina/

 

Da qualche tempo, gli Stati Uniti e alcuni altri paesi, nonché l’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO), stanno diffondendo disinformazione sulla posizione della Cina sulla situazione dell’Ucraina e lanciano accuse infondate per attaccare e diffamare la Cina. Le falsità, che confondono il bene con il male, sono un tentativo di fuorviare il mondo. La posizione della Cina sulla questione ucraina è trasparente, obiettiva ed equa.

Alcuni esempi della disinformazione e della realtà sono presentati di seguito per aiutare il mondo a capire cosa sta realmente accadendo.

Falsità 1: un rapporto dell’intelligence statunitense ha affermato che la Cina ha detto alla Russia che non avrebbe impedito alla Russia di intraprendere azioni in Ucraina, chiedendo al contempo alla Russia di non farlo prima della fine delle Olimpiadi invernali di Pechino. Ha anche affermato che la Russia ha chiesto assistenza alla Cina, comprese armi e altre attrezzature.

Verifica della realtà: la Russia è un Paese sovrano che pesa, decide e attua in modo indipendente la propria politica estera in base alla propria strategia e ai propri interessi. Non è necessario chiedere in anticipo il consenso della Cina. In effetti, i funzionari statunitensi hanno ammesso che non ci sono prove che la Cina fornisca assistenza militare alla Russia.

Il 14 marzo 2022, il segretario stampa presidenziale russo Dmitrij Peskov ha detto ai giornalisti che la Russia aveva il potenziale per condurre un’operazione in Ucraina e non aveva richiesto assistenza ad altri Paesi.

Secondo i media, le informazioni riportate dal New York Times sulla base di una fonte anonima sono state effettivamente fornite da un alto funzionario per gli affari indo-pacifici del Consiglio di sicurezza nazionale della Casa Bianca. Era una notizia falsa diffusa deliberatamente dagli Stati Uniti per screditare la Cina, distogliere l’attenzione del pubblico e scaricare la colpa.

Secondo NBC News, gli ufficiali dell’intelligence statunitense hanno rilasciato informazioni sul conflitto Russia-Ucraina anche quando non erano “solide come una roccia” e alcune affermazioni, come la Cina che considerava di fornire aiuto militare alla Russia, sono state inventate. Ciò dimostra che gli Stati Uniti stavano intraprendendo un’azione preventiva per vincere la “guerra dell’informazione” contro la Russia.

Parlando ai media il 22 marzo 2022, il consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti Jake Sullivan ha ammesso di non aver visto alcuna prova che la Cina fornisse equipaggiamento militare alla Russia.

Il 30 marzo 2022, il portavoce del Pentagono John F. Kirby ha affermato che gli Stati Uniti non vedono indicazioni di assistenza militare cinese alla Russia.

Falsità 2: la dichiarazione congiunta rilasciata da Cina e Russia il 4 febbraio di quest’anno fornisce la prova del sostegno della Cina alla Russia sulla questione dell’Ucraina. La dichiarazione congiunta è un “velato sostegno” all'”invasione” russa dell’Ucraina.

Verifica della realtà: lo scorso febbraio, la Cina ha rilasciato dichiarazioni congiunte con un certo numero di leader presenti alla cerimonia di apertura delle Olimpiadi invernali di Pechino. L’interpretazione degli Stati Uniti della dichiarazione congiunta Cina-Russia è fuori contesto e fa parte di una campagna diffamatoria.

Durante le Olimpiadi invernali di Pechino, molti leader stranieri hanno visitato la Cina. La Cina ha rilasciato dichiarazioni congiunte con Kirghizistan, Argentina, Ecuador, Mongolia, Pakistan, Papua Nuova Guinea e altri Paesi per esprimere sostegno reciproco su questioni riguardanti i reciproci interessi fondamentali ed evidenziare gli sforzi congiunti per sostenere il multilateralismo.

Nella loro dichiarazione congiunta, Cina e Russia invitano tutti gli Stati a difendere i valori comuni dell’umanità di pace, sviluppo, equità, giustizia, democrazia e libertà, a rispettare i diritti dei popoli di determinare in modo indipendente i percorsi di sviluppo dei loro paesi e la sovranità e il gli interessi di sicurezza e di sviluppo degli Stati, per proteggere il sistema internazionale incentrato sulle Nazioni Unite e l’ordine internazionale basato sul diritto internazionale, cercare un vero multilateralismo con le Nazioni Unite e il suo Consiglio di Sicurezza che svolgono un ruolo centrale e di coordinamento, promuovere relazioni internazionali più democratiche, e garantire pace, stabilità e sviluppo sostenibile in tutto il mondo.

Nella dichiarazione congiunta, Cina e Russia chiedono l’istituzione di un nuovo modello di relazioni tra i principali Paesi sulla base del rispetto reciproco, della coesistenza pacifica e della cooperazione vantaggiosa per tutti e riaffermano che le nuove relazioni interstatali tra Cina e Russia sono superiori alle alleanze militari e politiche dell’era della Guerra Fredda e il rafforzamento della cooperazione strategica bilaterale non è né mirato contro Paesi terzi né influenzato da cambiamenti circostanziali nei Paesi terzi o dal mutevole contesto internazionale.

La relazione Cina-Russia prevede la non alleanza, il non confronto e il non prendere di mira qualsiasi terza parte. Si differenzia dalla pratica degli Stati Uniti e di un piccolo numero di altri Paesi occidentali che si attengono al pensiero della Guerra Fredda e alla dicotomia amico o nemico per tracciare linee ideologiche, formare cosiddette “alleanze” e “cricche” e perseguire politiche di blocco per creare confronto e divisione.

Falsità 3: la Cina aiuta la Russia a diffondere la disinformazione secondo cui “gli Stati Uniti possiedono armi biologiche in Ucraina”.

Verifica della realtà: gli Stati Uniti lo stanno facendo allo scopo di distogliere l’attenzione del pubblico. Secondo le informazioni pubbliche, gli Stati Uniti hanno condotto più attività biomilitari di qualsiasi altro Paese al mondo. Sono anche l’unico Paese che ha utilizzato armi biologiche e chimiche in molteplici guerre e l’unico Paese che si oppone all’istituzione di un meccanismo di verifica multilaterale per la Convenzione sulle armi biologiche (BWC), una presa di posizione pubblica tenuta dagli Stati Uniti per più di due decenni.

Il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti controlla 336 laboratori biologici in 30 Paesi. Ereditando “l’eredità del diavolo” dall’Unità 731, il famigerato ramo dell’esercito giapponese durante la guerra di aggressione contro la Cina, gli Stati Uniti hanno condotto la ricerca e lo sviluppo di armi biologiche a Fort Detrick. Nonostante l’entrata in vigore della BWC nel 1975, gli Stati Uniti hanno continuato con tali attività. Da più di 20 anni, è l’unico Paese che si oppone all’istituzione di un meccanismo di verifica multilaterale per la BWC, sostenendo che “l’approccio tradizionale… non è una struttura praticabile per le armi biologiche” e che “(la bozza di Protocollo alla BWC ) metterebbe a rischio la sicurezza nazionale e le informazioni commerciali riservate“. In quanto Stato parte della BWC, gli Stati Uniti sono obbligati a fornire chiarimenti su questioni che preoccupano la comunità internazionale in conformità con l’articolo V della Convenzione.

Nel documento di lavoro presentato dagli Stati Uniti alla riunione degli Stati parti della BWC nel novembre 2021, gli Stati Uniti hanno ammesso di avere 26 bio-laboratori in Ucraina. Secondo la scheda informativa rilasciata dal Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti nel marzo 2022, gli Stati Uniti supportano 46 strutture in Ucraina.

L’accordo tra il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti d’America e il Ministero della Salute dell’Ucraina sulla cooperazione nell’area della prevenzione della proliferazione di tecnologia, agenti patogeni e competenze che potrebbero essere utilizzate nello sviluppo di armi biologiche il 29 agosto 2005 stabilisce chiaramente che i rappresentanti del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti hanno il diritto di partecipare a tutte le attività correlate presso le strutture in Ucraina; tutti gli agenti patogeni pericolosi in Ucraina devono essere conservati in laboratori designati; l’Ucraina condividerà con gli Stati Uniti i dati generati dalla rete di sorveglianza pertinente, trasferirà alla parte statunitense le copie richieste di ceppi patogeni pericolosi e tratterà le informazioni designate dalla parte statunitense come “sensibili” per la divulgazione al pubblico.

L’8 marzo 2022, il sottosegretario di Stato americano per gli affari politici Victoria Nuland ha ammesso in un’audizione al Senato che “l’Ucraina ha strutture di ricerca biologica, di cui, in effetti, ora siamo piuttosto preoccupati che le forze russe stiano cercando di ottenere il controllo, quindi stiamo lavorando con gli ucraini su come possono impedire che uno qualsiasi di quei materiali di ricerca cada nelle mani delle forze russe se si avvicinano“.

Il 10 marzo 2022, Tucker Carlson, conduttore di Fox News Channel, ha affermato che il governo degli Stati Uniti stan finanziando bio-laboratori segreti in Ucraina per condurre ricerche su agenti patogeni pericolosi. Secondo lui, il governo degli Stati Uniti ha ripetutamente negato l’affermazione, definendola disinformazione russa, e ha mentito al popolo americano. Ma il funzionario del governo statunitense responsabile dell’Ucraina ha confermato che le informazioni sui finanziamenti statunitensi ai bio-laboratori in Ucraina sono semplicemente vere.

Il 18 marzo 2022, la giornalista bulgara Diljana Gajtandžieva ha pubblicato un “materiale investigativo” sulla cooperazione USA-Ucraina, rivelando una notevole quantità di dettagli sulla cooperazione nella ricerca biologica tra i due Paesi. Ad esempio, al governo ucraino è vietato divulgare pubblicamente informazioni sensibili sul programma del Pentagono per i laboratori biologici; al Pentagono è stato concesso l’accesso ad alcuni segreti di Stato dell’Ucraina in relazione ai progetti nell’ambito del loro accordo; e l’Ucraina è obbligata a trasferire al Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti agenti patogeni pericolosi per la ricerca biologica.

William Scott Ritter, un ex ispettore delle armi delle Nazioni Unite in Iraq ed ex ufficiale dell’intelligence del Corpo dei Marines degli Stati Uniti, ha dichiarato in un’intervista che “esiste un requisito assoluto per rigorose indagini di rafforzamento della fiducia su ciò che gli Stati Uniti stavano facendo (nei laboratori controllati dagli USA in Ucraina), in modo che il mondo possa essere fiducioso che gli Stati Uniti operino nel quadro (della BWC)“.

Durante la guerra di Corea, le forze armate statunitensi condussero operazioni segrete di guerra batteriologica nella Repuubblica Popolare Democratica di Corea settentrionale e in alcune parti della Cina nord-orientale. Gli aerei americani hanno lanciato vettori di virus come insetti e ratti infettati da yersinia pestis e vibrio cholerae. Durante la guerra del Vietnam, gli Stati Uniti hanno spruzzato circa 20 milioni di galloni di defoliante (sostanze chimiche tossiche come l’Agente Arancio) in Vietnam, uccidendo 400.000 vietnamiti e lasciandone 2 milioni affetti da cancro e altre malattie.

Gli Stati Uniti hanno diffuso pubblicamente o tramite ONG finanziate dagli Stati Uniti la disinformazione sull’uso di armi chimiche e biologiche da parte dell’Iraq e della Siria. In un’intervista con Al Jazeera nel 2011, l’ex Segretario di Stato americano Colin Powell ha ammesso davanti al pubblico che il possesso da parte dell’Iraq di armi chimiche e biologiche era una falsa informazione. Il governo degli Stati Uniti è stato a lungo lo sponsor principale dei Caschi Bianchi e ha incaricato l’organizzazione di rilasciare numerosi video falsi del governo siriano che utilizza armi chimiche.

Falsità 4: La Cina amplifica la propaganda russa affermando che “gli Stati Uniti e la NATO hanno causato la crisi in Ucraina“.

Verifica della realtà: persone di buonsenso nella comunità internazionale hanno pubblicamente messo in guardia molte volte sulle possibili ripercussioni della continua spinta degli Stati Uniti per l’espansione della NATO verso est.

Nel 1990, l’allora segretario di Stato americano James Baker, durante il suo incontro con Michail Gorba?ëv, promise chiaramente che la NATO non si sarebbe spostata “di un centimetro verso est“. Tuttavia, sotto il dominio degli Stati Uniti, la NATO si è espansa cinque volte verso est dal 1999, ha aumentato i suoi membri da 16 a 30 ed e è avanzata di oltre 1.000 chilometri verso est fino ai confini della Russia, creando un accerchiamento a forma di C del Mar Nero.

Un documento divulgato dagli Archivi Nazionali della Gran Bretagna ha mostrato che il rappresentante degli Stati Uniti aveva promesso nei negoziati di allora che la NATO non si sarebbe dovuta espandere a est né formalmente né ufficiosamente.

La Russia propone da anni un dialogo con gli Stati Uniti su un’iniziativa di sicurezza europea, solo per essere ignorata dalla parte statunitense. Nel 2021, la Russia si è offerta più volte di negoziare e firmare un accordo di pace con la NATO, ma è stata respinta dagli Stati Uniti e dalla NATO.

Gli Stati Uniti e la NATO, pur essendo pienamente consapevoli delle preoccupazioni della Russia in materia di sicurezza, hanno rafforzato l’assistenza militare all’Ucraina e l’hanno aiutata a formare il personale militare.

Secondo i resoconti dei media statunitensi, ex funzionari statunitensi hanno affermato che gli Stati Uniti hanno fornito una grande quantità di addestramento militare avanzato per le truppe d’élite ucraine e le forze operative speciali. Dal 2015, la CIA ha condotto una serie di addestramento militare intensivo in Ucraina coinvolgendo armi, navigazione terrestre e tecniche di mimetizzazione. Il programma, iniziato sotto il presidente Obama, è stato ampliato una prima volta sotto il presidente Trump e ulteriormente ampliato sotto l’amministrazione Biden.

Secondo i media canadesi, le forze armate canadesi (CAF) hanno speso più di 890 milioni di dollari USA per addestrare soldati ucraini dal 2014, comprese più di 30.000 truppe ucraine addestrate a Zolo?iv tra febbraio 2019 e febbraio 2022.

Il 12 aprile 2022, il ministro delle Forze Armate britanniche James Heappey ha confermato che l’esercito britannico avrebbe addestrato i soldati ucraini nel Regno Unito.

La CIA ha addestrato a lungo i membri del “Battaglione Azov” in un luogo segreto nel sud degli Stati Uniti. Dal 2014, Stati Uniti e Ucraina hanno costantemente votato contro i progetti di risoluzione sulla lotta al “neo-nazismo” alle Nazioni Unite. Nel 2015, la Camera dei rappresentanti del Congresso degli Stati Uniti ha revocato il divieto di finanziamento del “Battaglione Azov” e ha fornito una grande quantità di assistenza militare all’Ucraina. Un rapporto pubblicato nel 2018 dall’Atlantic Council, un think tank statunitense, affermava che il “Battaglione Azov” era tra i destinatari di armi e attrezzature fornite dagli Stati Uniti all’Ucraina.

L’ex segretario di Stato Henry Kissinger ha affermato in un editoriale pubblicato sul Washington Post nel 2014 che “troppo spesso la questione ucraina viene presentata come una resa dei conti: se l’Ucraina si unisce all’Est o all’Ovest. Ma se l’Ucraina deve sopravvivere e prosperare, non deve essere l’avamposto di nessuna delle due parti contro l’altra: dovrebbe fungere da ponte tra di loro”.

George Kennan, compianto diplomatico americano e osservatore dell’Unione Sovietica, scrisse sul New York Times nel 1997 che “l’espansione della NATO sarebbe l’errore più fatale della politica americana nell’intero periodo successivo alla Guerra Fredda“.

L’ex senatore degli Stati Uniti Bill Bradley ha affermato che “l’errore fondamentale commesso dagli Stati Uniti tra la fine degli anni ’80 e l’inizio degli anni ’90 è stato l’espansione della NATO“.

John Mearsheimer, un politologo americano, ha sottolineato che “l’Occidente ha la responsabilità primaria di ciò che sta accadendo oggi. Ciò è stato in gran parte il risultato della decisione dell’aprile 2006 di rendere l’Ucraina e la Georgia parte della NATO“. Ha detto: “Qui sto parlando dell’Occidente, abbiamo preso un bastone e abbiamo dato un’occhiata all’orso… e quell’orso non sorriderà e riderà di quello che state facendo. Probabilmente quell’orso reagirà, ed è esattamente quello che sta succedendo ora“.

In un articolo del New York Times del 21 febbraio 2022, Thomas Friedman ha sottolineato che gli Stati Uniti e la NATO non erano spettatori innocenti nella crisi ucraina e che la decisione degli Stati Uniti sull’espansione della NATO ha aggiunto un “enorme ceppo incendiario” a il conflitto in Ucraina.

In un discorso del 28 febbraio 2022, il senatore statunitense Bernie Sanders ha citato come esempio la crisi missilistica cubana del 1962, affermando che l’amministrazione Kennedy considerava il dispiegamento di missili dell’Unione Sovietica a Cuba a 90 miglia dalla costa degli Stati Uniti una minaccia inaccettabile per gli Stati Uniti sicurezza nazionale. Ha chiesto se qualcuno crede davvero che gli Stati Uniti non avrebbero qualcosa da dire se il Messico, Cuba o qualsiasi paese dell’America centrale o Latina volessero formare un’alleanza militare con un avversario degli Stati Uniti e che i membri del Congresso si alzerebbero e direbbero , ‘beh, sai, il Messico è un Paese indipendente e hanno il diritto di fare tutto ciò che vogliono‘”.

L’ex membro del Congresso degli Stati Uniti Tulsi Gabbard ha detto in un’intervista se Joe Biden avesse semplicemente promesso di non includere l’Ucraina nella NATO, la guerra sarebbe stata prevenuta.

Dopo la seconda guerra mondiale, le “guerre per procura” divennero un’opzione importante per gli Stati Uniti per intervenire negli affari di altri Paesi. La crisi ucraina manipolata dagli Stati Uniti e dalla NATO è una “guerra per procura”. L’ex parlamentare britannico George Galloway ha affermato che gli Stati Uniti sono pronti a lasciare che l’Ucraina combatta fino all’ultima goccia del suo sangue.

Il ministro degli Esteri turco Mevlüt Çavu?o?lu ha dichiarato in un’intervista alla CNN che ci sono Paesi nella NATO che vogliono che la crisi ucraina continui, vedono la continuazione della crisi come un indebolimento della Russia e non si preoccupano molto della situazione in Ucraina.

Francis Boyle, professore di diritto internazionale all’Università dell’Illinois negli Stati Uniti, ha affermato che il problema fondamentale del conflitto Russia-Ucraina risiede nella costante espansione verso est della NATO guidata dagli Stati Uniti. Biden dovrebbe annunciare pubblicamente che l’Ucraina non aderirà alla NATO e la NATO non si espanderà, il che potrebbe portare a una svolta nella situazione attuale.

L’11 aprile 2022, Martin Jacques, un noto studioso del Regno Unito, ha affermato che l’attuale situazione in Ucraina è un prodotto della mentalità della Guerra Fredda degli Stati Uniti e della continua promozione dell’espansione della NATO. Ha spinto non solo l’Ucraina ma l’intera Europa in prima linea nello scontro USA-Russia.

Kishore Mahbubani, preside fondatore della Lee Kuan Yew School of Public Policy presso l’Università Nazionale di Singapore, ha sottolineato che la tragedia del conflitto in Ucraina è che il conflitto armato avrebbe potuto e dovuto essere prevenuto e che le decisioni sull’espansione della NATO erano guidate dagli interessi a breve termine della politica interna statunitense.

L’analista politico spagnolo Manolo Monereo ha affermato che il conflitto in Ucraina è stato sempre dominato dagli Stati Uniti, mentre i suoi alleati europei svolgono il loro ruolo solo come parte della NATO.

Yunus Sonnell, un esperto turco di questioni internazionali, ha affermato che in superficie è scoppiata la crisi tra Russia e Ucraina, ma la sua radice sta nel tentativo degli Stati Uniti di mantenere l’ordine internazionale unipolare come potenza egemonica globale, e di spremere lo spazio vitale della Russia attraverso l’espansione verso est della NATO.

Il presidente sudafricano Cyril Ramaphosa ha affermato che la guerra avrebbe potuto essere evitata se la NATO avesse ascoltato gli avvertimenti dei suoi stessi leader e funzionari nel corso degli anni che la sua espansione verso est avrebbe portato a una maggiore, non minore, instabilità nella regione.

Doraisamy Raja, segretario generale del Partito Comunista dell’India, ha sottolineato in un articolo dell’Indian Express che l’attuale conflitto tra Russia e Ucraina è radicato nella logica espansiva dell’alleanza militare della NATO.

Nel 1992, quando l’allora presidente russo Boris El’cin fece le sue prime visite in Cina e negli Stati Uniti dopo la disintegrazione sovietica, i Paesi concordarono di non considerarsi avversari, il che fondamentalmente mise sullo stesso piano le relazioni bilaterali della Russia con la Cina e gli Stati Uniti. Negli ultimi trent’anni le relazioni Cina-Russia hanno fatto grandi progressi, ma sono ancora basate sulla non alleanza, sul non confronto e sul non prendere di mira i Paesi terzi. Allo stesso tempo, le relazioni USA-Russia stanno scivolando in una nuova Guerra Fredda.

Falsità 5: la Cina sta cercando di distogliere l’attenzione affermando che “gli Stati Uniti, in particolare gli appaltatori della difesa statunitensi, sono i maggiori beneficiari della crisi ucraina“.

Verifica della realtà: è un fatto indiscutibile che le imprese militari statunitensi abbiano raccolto enormi profitti dall’inizio del conflitto Russia-Ucraina.

Da quando le tensioni che circondano l’Ucraina hanno iniziato a crescere nell’ottobre 2021, i prezzi delle azioni dei giganti militari statunitensi sono aumentati alle stelle. Negli ultimi sei mesi, le azioni di Lockheed Martin sono cresciute di circa il 35%, mentre quelle di Northrop Grumman hanno guadagnato il 27% e Raytheon del 14,5%. James Taiclet, amministratore delegato di Lockheed Martin, ha affermato che la competizione tra le maggiori potenze porterebbe più affari all’azienda.

Secondo il rapporto Trends in International Arms Transfer pubblicato il 14 marzo 2022 dallo Stockholm International Peace Research Institute (SIPRI), il volume dei trasferimenti internazionali di armi principali nel 2017-21 è stato del 4,6% inferiore rispetto al 2012-16. Tuttavia, le esportazioni di armi statunitensi sono cresciute del 14% tra il 2012-16 e il 2017-21, spingendo la loro quota globale dal 32% al 39%.

Le statistiche pubblicate dal SIPRI nel dicembre 2021 hanno elencato 41 società statunitensi tra le prime 100 società di produzione di armi e servizi militari al mondo, rappresentando il 54% delle vendite combinate di armi delle prime 100.

Le statistiche della Banca Mondiale mostrano che il budget militare statunitense è aumentato anno dopo anno, rappresentando più di un terzo della spesa militare totale mondiale dal 2000. Il 28 marzo 2022, l’amministrazione statunitense ha presentato al Congresso una proposta di bilancio per l’anno fiscale 2023 di 813,3 miliardi di dollari per la difesa nazionale. La richiesta del Dipartimento della Difesa per l’anno fiscale 2023 è un aumento del 4,1% rispetto all’importo emanato per l’anno fiscale 2022. La spesa militare statunitense rappresenta quasi la metà del totale mondiale ed è equivalente alla spesa militare di oltre 100 Paesi messi insieme.

La CNN ha riferito che gli Stati Uniti dovrebbero annunciare che stanno inviando centinaia di milioni di dollari in nuova assistenza militare all’Ucraina. Se approvata, l’aggiunta di circa 700 milioni di dollari americani in aiuti alla sicurezza porterebbe il totale degli aiuti all’Ucraina a più di 3 miliardi di dollari dall’inizio dell’amministrazione Biden, inclusi quasi 2,5 miliardi di dollari dall’inizio del conflitto Russia-Ucraina.

Boaventura de Sousa Santos, un esperto portoghese di questioni internazionali, ha affermato che la politica estera e la democrazia degli Stati Uniti sono dominate da tre oligarchie: il complesso militare-industriale; il complesso del gas, del petrolio e delle miniere; e il complesso bancario e immobiliare. Uno dei loro modi per ottenere enormi profitti è mantenere il mondo in guerra e dipendono sempre più dalla vendita di armi degli Stati Uniti.

Tulsi Gabbard, un’ex membro del Congresso degli Stati Uniti, ha affermato in un’intervista che l’industria bellica statunitense ha ottenuto benefici dalla crisi ucraina mentre i popoli degli Stati Uniti, dell’Ucraina e della Russia ne hanno pagato il prezzo. Ciò mina la sicurezza nazionale degli Stati Uniti, ma il complesso militare-industriale che controlla i politici statunitensi incassa.

Franklin Spinney, che ha lavorato per 26 anni presso l’Ufficio del Segretario alla Difesa degli Stati Uniti, ha affermato che la guerra russo-ucraina ha fatto stappare lo champagne al Pentagono, in K Street (strada di Washington dove hanno sede numerose lobby, ndt), nell’industria bellica e in tutte le sale del Congresso, che stanno facendo bei soldi.

Erik Sperling, direttore esecutivo dell’organizzazione contro la guerra Just Foreign Policy, ha affermato che tutti a Washington DC sanno che i produttori di armi stanno contribuendo a deviare la politica statunitense verso il militarismo. Stanno guadagnando dalle tensioni sull’Ucraina mentre gli Stati Uniti riversano armi nella regione e molti Paesi europei stanno inondando gli Stati Uniti di ordini di armi.

Tunç Akkoç, un esperto professionista dei media, ha affermato che gli Stati Uniti sono il paese che ha creato la crisi russo-ucraina, nonché il principale beneficiario.

Il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha convocato un incontro con i capi dei principali appaltatori della difesa del Paese, chiedendo loro di aumentare la produzione per soddisfare la domanda di armi dell’Ucraina.

Falsità 6: la Cina non ha svolto un ruolo costruttivo nella risoluzione della questione ucraina.

Verifica della realtà: la Cina si è sempre impegnata a promuovere i colloqui di pace. La posizione della Cina è obiettiva ed equa e rappresenta ciò che la maggior parte dei Paesi spera di vedere su questo tema. Il ruolo costruttivo della Cina è stato lodato da molti nella comunità internazionale.

Il 25 febbraio 2022, il presidente Xi Jinping ha tenuto una conversazione telefonica con il presidente russo Vladimir Putin e ha affermato che la Cina sostiene la Russia nella risoluzione del problema attraverso i negoziati con l’Ucraina.

L’8 marzo, il presidente Xi Jinping ha tenuto un vertice virtuale con il presidente francese Emmanuel Macron e il cancelliere tedesco Olaf Scholz. Il presidente Xi ha esposto quattro punti sull’Ucraina, sottolineando che la sovranità e l’integrità territoriale di tutti i Paesi devono essere rispettate, gli scopi e i principi della Carta delle Nazioni Unite devono essere pienamente rispettati, le legittime preoccupazioni di sicurezza di tutti i Paesi devono essere prese sul serio e tutti gli sforzi che sono favorevoli alla soluzione pacifica della crisi devono essere sostenute.

Il 18 marzo, il presidente Xi Jinping ha avuto una videochiamata con il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, sottolineando ancora una volta che tutte le parti devono sostenere congiuntamente Russia e Ucraina nel dialogo e nei negoziati che producano risultati e portino alla pace, e che gli Stati Uniti e la NATO dovrebbe anche dialogare con la Russia per affrontare il nodo cruciale della crisi ucraina e alleviare le preoccupazioni in materia di sicurezza sia della Russia che dell’Ucraina.

Il 1° aprile, il presidente Xi Jinping ha incontrato il presidente del Consiglio europeo Charles Michel e la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen tramite collegamento video, durante il quale il presidente Xi ha condiviso i suoi quattro punti di vista su come risolvere la crisi ucraina nelle circostanze attuali: primo, promuovere i colloqui di pace; secondo, prevenire una crisi umanitaria su scala più ampia; terzo, promuovere una pace duratura in Europa e nel continente eurasiatico; quarto, impedire che il conflitto regionale si ingrandisca.

Il 31 marzo 2022, il consigliere di Stato e ministro degli Esteri Wang Yi ha presentato i cinque impegni della Cina sulla questione ucraina a Tunxi, nella provincia dell’Anhui. In primo luogo, la Cina si impegna a promuovere i colloqui di pace come giusta direzione. La Cina chiede un cessate il fuoco e la cessazione delle ostilità e sostiene Russia e Ucraina nello svolgimento del dialogo diretto. In secondo luogo, la Cina è impegnata a sostenere le norme di base che regolano le relazioni internazionali e si oppone a mettere i Paesi di piccole e medie dimensioni in prima linea nella rivalità geopolitica. In terzo luogo, la Cina è impegnata a prevenire la rinascita della mentalità della Guerra Fredda. La Cina sostiene la visione di una sicurezza comune, globale, cooperativa e sostenibile e rispetta e accoglie le preoccupazioni legittime e ragionevoli di tutte le parti. In quarto luogo, la Cina si impegna a difendere i diritti e gli interessi legittimi di tutti i Paesi e si oppone a sanzioni unilaterali che non hanno fondamento nel diritto internazionale. In quinto luogo, la Cina è impegnata a consolidare la pace e la stabilità nell’area Asia-Pacifico.

Il 7 marzo 2022, il consigliere di Stato e ministro degli Esteri Wang Yi ha presentato l’iniziativa cinese in sei punti sulla situazione umanitaria in Ucraina durante la conferenza stampa annuale: primo, assicurarsi che le operazioni umanitarie rispettino i principi di neutralità e imparzialità ed evitino di politicizzare le questioni umanitarie; secondo, prestare la massima attenzione agli sfollati in e dall’Ucraina e fornire loro un riparo adeguato; terzo, garantire la protezione dei civili e prevenire disastri umanitari secondari in Ucraina; quarto, provvedere ad attività di aiuto umanitario sicure e agevoli, compresa la fornitura di un accesso umanitario rapido, sicuro e senza ostacoli; quinto, provvedere alla sicurezza dei cittadini stranieri in Ucraina, consentire loro una partenza sicura e aiutarli a tornare nei loro Paesi d’origine; e sesto, sostenere il ruolo di coordinamento delle Nazioni Unite nella canalizzazione degli aiuti umanitari e il lavoro del coordinatore delle crisi delle Nazioni Unite per l’Ucraina.

Nel marzo 2022, la Società della Croce Rossa cinese ha annunciato un’assistenza umanitaria in natura per un valore di cinque milioni di yuan all’Ucraina. Sempre a marzo, il governo cinese ha deciso di fornire all’Ucraina forniture umanitarie per un valore di 10 milioni di yuan.

Molti leader stranieri hanno riconosciuto il ruolo costruttivo della Cina sulla questione ucraina nei loro incontri virtuali o conversazioni telefoniche con il presidente Xi Jinping.

L’8 marzo, in un vertice virtuale tra i leader di Cina, Francia e Germania, il presidente francese Emmanuel Macron e il cancelliere tedesco Olaf Scholz hanno espresso il loro sostegno a una soluzione negoziata, il loro apprezzamento per l’iniziativa della Cina sulla situazione umanitaria e la disponibilità a migliorare la comunicazione e coordinamento con la Cina per promuovere i colloqui di pace.

Il 16 marzo, il presidente indonesiano Joko Widodo ha affermato di condividere il punto di vista della Cina secondo cui tutte le parti dovrebbero rimanere impegnate nella promozione dei colloqui di pace e lavorare per prevenire una massiccia crisi umanitaria e contenere l’impatto negativo delle sanzioni sull’economia mondiale al fine di evitare di ostacolare l’economia globale recupero.

Il 18 marzo, il presidente sudafricano Cyril Ramaphosa ha affermato che Cina e Sudafrica detengono posizioni molto simili sulla questione ucraina ed entrambe le parti sostengono la Russia e l’Ucraina nel mantenere lo slancio dei colloqui di pace e nella risoluzione delle controversie attraverso il dialogo e la negoziazione.

Il 18 marzo, il primo ministro cambogiano Samdech Techo Hun Sen ha parlato della necessità di mantenere una posizione equilibrata ed equa e di compiere sforzi attivi per promuovere i colloqui di pace.

Molti ministri degli Esteri, alti funzionari del governo e capi di importanti organizzazioni internazionali hanno riconosciuto il ruolo costruttivo della Cina sulla questione ucraina.

Il 19 marzo, il ministro degli Esteri dello Zambia Stanley Kasongo Kakubo ha convenuto che i conflitti dovrebbero essere risolti attraverso negoziati diplomatici e ha apprezzato gli sforzi attivi della Cina per promuovere i colloqui di pace.

Il 22 marzo, il segretario generale dell’Organizzazione per la cooperazione islamica (OIC) Hussein Ibrahim Taha ha apprezzato la posizione coerente della Cina nel difendere la giustizia, affermando che la pace e la stabilità non possono essere raggiunte senza il sostegno della Cina. Ha espresso la disponibilità a lavorare con la Cina per rafforzare il dialogo e gli scambi, promuovere la comprensione reciproca e affrontare insieme le sfide.

Il ministro degli Esteri pakistano Shah Mehmood Qureshi ha affermato che il Pakistan è pronto a collaborare con la Cina per adottare una posizione comune e fare una voce unita. Il capo di stato maggiore dell’esercito pachistano, il generale Qamar Javed Bajwa, ha espresso apprezzamento per la posizione della Cina nel sostenere la giustizia e l’equilibrio e nel promuovere i colloqui di pace.

Il 29 marzo, il presidente e ministro degli Esteri della Confederazione svizzera Ignazio Cassis ha affermato che anche la parte svizzera crede che la diplomazia sia l’unico approccio giusto e che rappresenti la risoluzione delle divergenze attraverso dialoghi e negoziati. La Svizzera è pronta a esplorare modi per rafforzare la cooperazione con la Cina e svolgere insieme un ruolo costruttivo nella ricerca di una soluzione diplomatica.

Il 2 aprile, il vice primo ministro e ministro degli Esteri thailandese Don Pramudwinai ha espresso apprezzamento e comprensione della posizione obiettiva ed equa della Cina sulla questione ucraina.

Il 4 aprile, il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba ha aderito alle opinioni della Cina e ha espresso apprezzamento per l’assistenza umanitaria della Cina all’Ucraina.

Il 7 aprile, il ministro degli Esteri mongolo Batmunkh Battsetseg ha applaudito il senso di responsabilità della Cina in quanto Paese importante sulla questione ucraina e ha espresso un giudizio positivo sull’impegno della Cina nel promuovere colloqui di pace, risolvere le divergenze e fornire assistenza umanitaria.

L’8 aprile, il ministro degli Esteri serbo Nikola Selakovi? ha elogiato la posizione coerente della Cina nel sostenere l’equità e la giustizia negli affari internazionali e gli sforzi attivi per promuovere i colloqui di pace.

Il 14 aprile, il ministro degli Esteri vietnamita Bùi Thanh S?n ha affermato che il Vietnam accoglie favorevolmente gli sforzi della Cina per promuovere i colloqui di pace, porre fine ai conflitti e prevenire la crisi umanitaria. Il Vietnam condivide molte somiglianze con la Cina nella sua posizione.

Esperti stranieri ed eminenti personalità hanno parlato molto bene dell’approccio cinese.

Xulio Rios, direttore dell’Osservatorio della politica cinese in Spagna, credeva che la Cina stesse conducendo sforzi diplomatici basati sulla propria filosofia, che è un approccio indipendente ed elimina la difficoltà di schierarsi.

Hussain S. Alshammari, direttore dell’International Reporters Department del Ministero dei Media dell’Arabia Saudita, ha affermato che la mossa della Cina mostra che la Cina ha sempre sostenuto la risoluzione delle controversie attraverso la negoziazione e che la Cina è una potenza responsabile.

Il dottor Mehmood Ul Hassan Khan, direttore del Centro per l’Asia meridionale e gli studi internazionali a Islamabad, ha affermato che la Cina sostiene la stabilità e la sicurezza durature nella regione e che la Cina ha sempre avanzato proposte per smorzare la situazione in Ucraina. In qualità di membro permanente del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite e di uno dei principali Paesi responsabili, la Cina adempie sempre fedelmente ai propri obblighi internazionali e svolge un ruolo costruttivo nel mantenimento della pace e della stabilità nel mondo.

  1. R. Deepak, professore e sinologo presso la Jawaharlal Nehru University in India, ha affermato che la Cina sostiene una visione di sicurezza comune, completa, cooperativa e sostenibile, che può fornire risposte al dilemma della sicurezza dei Paesi della regione.

Cavince Adhere, uno studioso di relazioni internazionali con sede in Kenya, ha affermato che in qualità di membro permanente del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, la Cina ha svolto un ruolo importante nel mantenimento della pace e della sicurezza nel mondo. Nel processo di promozione di un sistema di governance globale più equo e ragionevole, la Cina è impegnata nel percorso di sviluppo pacifico, che riflette il suo senso di missione come Paese importante.

Falsità 7: la posizione della Cina sull’Ucraina è contraria al suo impegno di lunga data nei confronti del principio del rispetto della sovranità e dell’integrità territoriale ed è contraria agli scopi della Carta delle Nazioni Unite e alle norme di base che regolano le relazioni internazionali.

Verifica della realtà: la Cina ha sempre seguito gli scopi e i principi della Carta delle Nazioni Unite. Il rispetto della sovranità, dell’indipendenza e dell’integrità territoriale di tutti i Paesi è un principio fondamentale del diritto internazionale e una norma fondamentale che disciplina le relazioni internazionali, che si applica a tutti i Paesi in ogni circostanza. Le regole e le norme internazionali sono come i semafori: sono efficaci solo quando tutti le rispettano e solo allora può essere garantita la sicurezza comune.

La Cina è del parere che la sovranità e l’integrità territoriale di tutti i Paesi, compresa l’Ucraina, dovrebbero essere rispettate, che le controversie tra Paesi dovrebbero essere gestite in conformità con gli scopi e i principi della Carta delle Nazioni Unite e che le legittime preoccupazioni di sicurezza di tutti i Paesi dovrebbero essere preso sul serio e seriamente affrontato.

Il passato della Cina in materia di pace e sicurezza è migliore di qualsiasi altro grande Paese. Dalla sua fondazione decenni fa, la Repubblica Popolare Cinese non ha mai iniziato una singola guerra contro altri o invaso altri Paesi.

La Cina è profondamente e fortemente interessata alla sovranità e all’integrità territoriale. Nessuno ama la sovranità e l’integrità territoriale più del governo e del popolo cinese; e nessuno segue questa norma fondamentale che regola le relazioni internazionali e il principio sancito dalla Carta delle Nazioni Unite in modo più incrollabile e coerente di noi.

Nei tempi moderni, la Cina ha sofferto profondamente l’aggressione delle potenze straniere e ha ricordi dolorosi delle passate umiliazioni. Circa 20 anni fa, l’Ambasciata cinese nella Repubblica Federale di Jugoslavia è stata bombardata dalle forze NATO guidate dagli Stati Uniti, lasciando tre giornalisti cinesi uccisi e molti altri feriti. Ancora oggi, gli Stati Uniti e alcuni altri Paesi stanno interferendo arbitrariamente negli affari interni della Cina e minando la sovranità e la sicurezza della Cina con il pretesto di questioni relative allo Xinjiang, al Tibet, a Hong Kong, a Taiwan e ai diritti umani. A causa di interferenze esterne, la Cina è l’unico membro permanente del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite che non ha ancora raggiunto la riunificazione completa.

Se gli Stati Uniti rispettano veramente il principio di sovranità e integrità territoriale, dovrebbero prima smettere di applicare i doppi standard, smettere di interferire negli affari interni della Cina e di altri Paesi e rispettare seriamente la sovranità e l’integrità territoriale della Cina e di altri Paesi.

Il 10 febbraio 2022, il senatore statunitense Bernie Sanders ha sottolineato che negli ultimi 200 anni gli Stati Uniti hanno operato secondo la dottrina Monroe, abbracciando la premessa che in quanto potenza dominante nell’emisfero occidentale, hanno il diritto di intervenire contro qualsiasi Paese che potrebbe minacciare i suoi presunti interessi. Secondo questa dottrina, gli Stati Uniti hanno minato e rovesciato almeno una dozzina di governi in America Latina e nei Caraibi.

Nel 2018, l’allora Segretario di Stato americano Rex Tillerson definì la Dottrina Monroe “importante oggi come lo era il giorno in cui è stata scritta“.

Nei suoi quasi 250 anni di storia, ci sono stati solo meno di 20 anni in cui gli Stati Uniti non stavano conducendo operazioni militari contro altri.

La guerra ventennale in Afghanistan lanciata dagli Stati Uniti nel 2001 ha ucciso 174.000 persone tra cui più di 30.000 civili afgani, sfollato 3,5 milioni di afgani e lasciato 23 milioni di persone in condizioni di fame acuta.

Nel 2003, utilizzando prove fabbricate e aggirando palesemente il Consiglio di Sicurezza dell’ONU, gli Stati Uniti hanno lanciato la guerra in Iraq. È stato riferito che la guerra in Iraq in otto anni abbia ucciso più di 650.000 iracheni, spostato almeno 5,1 milioni di rifugiati iracheni e lasciato 10 milioni di iracheni, che rappresentano circa un terzo della popolazione del Paese, a vivere al di sotto della soglia di povertà.

Gli Stati Uniti hanno effettuato numerosi attacchi aerei contro la Siria per un presunto incidente con armi chimiche. Le statistiche mostrano che 3.833 persone sono state uccise direttamente negli attentati della coalizione guidata dagli Stati Uniti tra il 2016 e il 2019, metà delle quali donne e bambini. Invece di porre fine ai conflitti e al caos, il cosiddetto intervento umanitario degli Stati Uniti ha solo esacerbato i disastri umanitari in Siria.

Il 18 marzo 2022, il presidente della Serbia Aleksandar Vu?i? si è chiesto perché quelli dell’Unione Europea e dell’Occidente, che oggi fanno il lavaggio del cervello ad altri, non pensavano al principio di sovranità e integrità territoriale nel 1999. E sul Kosovo, ha detto che non ci sono dubbi su chi ha violato il diritto internazionale senza una decisione del Consiglio di Sicurezza dell’ONU e preso decisioni difficili a scapito della Serbia.

Alfred de Zayas, un alto esperto delle Nazioni Unite, ha affermato in una recente intervista esclusiva con la CGTN che dal punto di vista del diritto internazionale, le azioni militari della Russia in Ucraina hanno violato la Carta delle Nazioni Unite, ma gli Stati Uniti e la NATO hanno infranto così spesso il diritto internazionale nel corso degli anni che quindi sono stati fissati “precedenti di ammissibilità” per le attuali azioni della Russia in termini di diritto internazionale consuetudinario.

Falsità 8: Non appoggiando il voto per condannare la Russia all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, la Cina si trova dalla parte sbagliata della storia.

Verifica della realtà: la maggior parte dei Paesi del mondo, inclusa la Cina e altri Paesi in via di sviluppo, hanno preoccupazioni legittime e condividono posizioni simili sull’Ucraina. La maggior parte dei Paesi disapprova l’affrontare le controversie attraverso guerre e sanzioni.

Nella recente comunicazione con la Cina, leader e ministri degli Esteri di paesi tra cui Francia, Germania, Indonesia, Sud Africa, Cambogia, Italia, Paesi Bassi, Spagna, Pakistan, Zambia, Algeria, Egitto, Arabia Saudita, India, Svizzera e Myanmar hanno tutti sostenuto che la crisi ucraina dovrebbe essere risolta attraverso il dialogo per la pace.

Il 2 marzo 2022, quando l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha votato la bozza di risoluzione intitolata “Aggressione contro l’Ucraina” sponsorizzata dall’Ucraina e da un certo numero di Paesi, i Paesi che hanno votato a favore hanno una popolazione complessiva di 3,3 miliardi, meno della metà della popolazione mondiale totale. Un’analisi di Der Spiegel, un settimanale tedesco, suggerisce che mentre il risultato può sembrare chiaro Paese per Paese, è stato sorprendente in un’altra prospettiva: i Paesi che si sono astenuti, tra cui India e Sudafrica, rappresentano una popolazione combinata di oltre quattro miliardi, e alcuni dei Paesi che hanno votato sì si sono rifiutati di aderire alle sanzioni occidentali.

Sudheendra Kulkarni, ex stretto collaboratore dell’ex primo ministro indiano Atal Bihari Vajpayee, ha scritto in un articolo che il conflitto in Ucraina ha creato una situazione che richiede a India e Cina di coordinare le loro prospettive e azioni poiché entrambe hanno relazioni amichevoli con Mosca e che la politica estera indipendente dell’India e l’esercizio della sua “autonomia strategica” si vedono nel suo rifiuto di essere corteggiata dall’amministrazione statunitense per prendere una posizione anti-russa.

Gli Stati Uniti hanno da tempo imposto un embargo e sanzioni economiche a Cuba, a dispetto delle risoluzioni adottate dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite. Il 23 giugno 2021, un totale di 184 Paesi hanno votato a favore di una risoluzione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite per chiedere la fine dell’embargo statunitense e delle sanzioni economiche a Cuba, per il 29° anno consecutivo, con solo gli Stati Uniti e Israele che hanno votato contro. Gli Stati Uniti non hanno ancora completamente revocato il blocco contro Cuba.

Nel dicembre 2021, l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha adottato una risoluzione, co-sponsorizzata dalla Russia e da più di 30 altri Paesi, che condanna il nazismo, il neonazismo e tutte le forme di razzismo. Solo gli Stati Uniti e l’Ucraina hanno votato contro. Dal 2015, gli Stati Uniti hanno costantemente votato contro risoluzioni simili presentate dalla Russia.

In un’intervista con la CBS nel 1996, l’ex segretario di Stato americano Madeleine Albright, allora ambasciatore degli Stati Uniti presso le Nazioni Unite, ha risposto alla notizia che 500.000 bambini erano morti in Iraq a causa delle sanzioni statunitensi dicendo che “pensiamo che il prezzo ne valga la pena.

Negli ultimi due decenni circa, gli Stati Uniti hanno condotto decine di migliaia di attacchi aerei in luoghi tra cui Afghanistan, Iraq, Somalia e Siria. Il numero di civili innocenti uccisi potrebbe essere compreso tra 22.000 e 48.000.

Nel marzo 1999, le forze NATO guidate dagli USA hanno bombardato la Repubblica Federale di Jugoslavia per 78 giorni consecutivi senza l’autorizzazione del Consiglio di Sicurezza dell’ONU, uccidendo almeno 2.500 civili innocenti e ferendo circa 10.000 persone, la maggior parte delle quali erano civili.

Il 29 agosto 2021, un attacco di droni statunitensi contro un’auto a Kabul ha ucciso 10 civili, tra cui sette bambini. Il 13 dicembre 2021, il Pentagono ha annunciato che nessun membro del personale militare statunitense avrebbe dovuto affrontare alcun tipo di punizione o essere ritenuto responsabile per l’attacco.

Falsità 9: È un errore per la Cina non sostenere le sanzioni statunitensi contro la Russia.

Verifica della realtà: sia la storia che la realtà hanno dimostrato che invece di portare pace e sicurezza, le sanzioni porterebbero solo a una situazione di sconfitta o di non vittoria. Le sanzioni non sono mai una soluzione fondamentale o efficace ai problemi. Al contrario, imporre sanzioni è come “spegnere il fuoco con la legna”, e non farà che peggiorare le cose. Il dialogo e la negoziazione sono l’unico modo per risolvere la crisi ucraina.

Dei 233 stati e regioni sovrani del mondo, 185 non hanno partecipato alle sanzioni contro la Russia. Più di 140 dei circa 190 Stati membri delle Nazioni Unite, inclusa la Turchia, membro della NATO, non hanno aderito a tali sanzioni. I paesi BRICS, gli stati membri dell’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai e gli stati osservatori e i membri dell’OPEC sono tutti contrari alle sanzioni contro la Russia avviate dagli Stati Uniti e da alcuni altri Paesi della NATO.

6,5 miliardi contro 1,1 miliardi, questa è la popolazione dei Paesi e delle regioni che non hanno partecipato alle sanzioni legate alla Russia contro coloro che lo hanno fatto. Tra questi, 4,8 miliardi di persone si sono esplicitamente opposte a tali sanzioni.

Il ministro degli Esteri brasiliano Carlos França ha recentemente criticato le sanzioni statunitensi ed europee contro la Russia e ha espresso il parere che le sanzioni unilaterali e selettive sono illegali ai sensi del diritto internazionale. Secondo lui, queste sanzioni estenderanno i conflitti regionali a livello globale e causeranno gravi danni secondari ad altri Paesi, in particolare ai Paesi in via di sviluppo, mentre anche le economie europee sviluppate soffriranno e affronteranno gravi sfide come la carenza di energia.

Secondo un articolo intitolato “The Messy Middle” pubblicato dal New York Times, il sostegno della maggior parte dei Paesi occidentali all’Ucraina, compreso l’invio di armi e l’imposizione di sanzioni alla Russia, potrebbe dare l’impressione di una risposta globale unita all’operazione militare russa. Ma non è così. La maggior parte dei Paesi del mondo, comprese molte “democrazie”, non ha inviato aiuti all’Ucraina né ha aderito alle sanzioni, occupando la via di mezzo.

Alla fine del 2021, negli Stati Uniti erano in vigore più di 9.400 sanzioni, un aumento di quasi dieci volte rispetto a 20 anni fa. L’Ufficio per la responsabilità del governo degli Stati Uniti ha concluso che nemmeno il governo federale era a conoscenza se e quando le sanzioni fossero in vigore e che funzionari dei Dipartimenti di Stato, Commercio e Tesoro hanno affermato di non aver condotto valutazioni dell’agenzia sull’efficacia delle sanzioni nel raggiungere più ampi obiettivi di politica estera degli Stati Uniti.

Nell’aprile 2019, uno studio del Center for Economic Policy Research con sede a Washington ha rivelato che le sanzioni statunitensi contro il Venezuela hanno causato più di 40.000 morti dal 2017 al 2018.

Si stima che le sanzioni economiche statunitensi contro l’Afghanistan dopo il suo ritiro dal Paese potrebbero uccidere più civili rispetto ai due decenni di guerra.

L’OCSE ha stimato che la crescita economica globale sarà inferiore di oltre 1 punto percentuale quest’anno a causa del conflitto tra Russia e Ucraina e delle sanzioni, mentre l’inflazione potrebbe aumentare di circa altri 2,5 punti percentuali complessivamente in tutto il mondo. L’Europa dovrebbe affrontare un inverno freddo e picchi nei prezzi del gas naturale.

L’inflazione USA ha raggiunto di recente il massimo da 40 anni. Il segretario al Tesoro statunitense Janet Yellen ha affermato che gli americani probabilmente vedranno un altro anno di inflazione “molto scomodamente alta” a causa del conflitto tra Russia e Ucraina. Un economista di Allianz, la più grande compagnia assicurativa europea, ha stimato che il tasso di inflazione negli Stati Uniti raggiungerà il picco “molto vicino o superiore al 10% a causa della crisi.

I prezzi dell’energia in Europa sono ai massimi storici, con l’aumento delle bollette di elettricità, riscaldamento e trasporti in molti Paesi, così come i prezzi dei generi alimentari e di alcune necessità quotidiane. Secondo i media tedeschi, l’attuale situazione in Europa è molto simile alla crisi petrolifera degli anni ’70, poiché il conflitto tra Russia e Ucraina ha portato all’impennata dei prezzi del petrolio e ad un alto rischio di inflazione e recessione economica.

I dati diffusi l’8 aprile dall’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura suggeriscono che il prezzo globale degli alimenti ha registrato un balzo da gigante a marzo a causa del conflitto in Ucraina, in aumento del 12,6% rispetto a febbraio, raggiungendo un nuovo massimo. I combattimenti hanno lasciato gran parte della terra arabile ucraina incolta. Ad aprile, l’aratura primaverile è iniziata solo nel 30-50% dell’area pianificata, il che significa che saranno interessati 50 milioni di tonnellate di forniture globali di grano.

Secondo il primo rapporto di ricerca sulle sanzioni statunitensi contro la Russia pubblicato dal Chongyang Institute for Financial Studies dell’Università Renmin cinese, le sanzioni statunitensi contro la Russia hanno avuto un grave impatto negativo sul mondo, comprese Europa e Russia, portando a inflazione globale, shock della catena di approvvigionamento e rallentamento della ripresa economica.

Gita Gopinath, vicedirettore generale del FMI, ha affermato che le sanzioni finanziarie imposte alla Russia diluiranno gradualmente il predominio del dollaro USA, il che potrebbe in una certa misura frammentare il sistema monetario internazionale.

L’esperto di diritto internazionale greco Sarigiannidis ha affermato che “i governi occidentali non hanno bisogno di un popolo russo che demonizzi l’Occidente. Penso che sia nel loro interesse porre fine a queste sanzioni il prima possibile“.

Falsità 10: Il conflitto Russia-Ucraina è “democrazia contro autocrazia”.

Verifica della realtà: il conflitto tra Russia e Ucraina è una rivalità geopolitica causata dalla mentalità della Guerra Fredda. La narrativa “democrazia contro autocrazia” prodotta dagli Stati Uniti sul conflitto Russia-Ucraina è un perfetto esempio della loro mentalità da guerra fredda.

Il 1 aprile 2022, il primo ministro Lee Hsien Loong di Singapore ha dichiarato durante il suo dialogo con il comitato editoriale del Wall Street Journal che “il rapporto USA-Cina, è una delle cose che sarà complicata dall’Ucraina. L’America si chiede perché la Cina non li sostiene. Bisogna stare molto attenti a non definire il problema con l’Ucraina in modo tale che automaticamente la Cina sia già dalla parte sbagliata, ad esempio trasformandola in una battaglia delle democrazie contro le autocrazie“.

In un articolo pubblicato sul sito web dell’East Asia Forum il 7 dicembre 2021, Baogang He, professore detentore della cattedra di relazioni internazionali alla Deakin University, ha scritto: “… inquadrare la concorrenza strategica USA-Cina in termini di democrazia contro autocrazia è un strategia scadente. Intensificherà la polarizzazione globale e alimenterà la concorrenza geopolitica in un momento in cui la solidarietà internazionale è un disperato bisogno di affrontare i cambiamenti climatici e altre sfide condivise. Il quadro democrazia contro autocrazia fornisce una scarsa base per la “nuova guerra fredda” tra Stati Uniti e Cina“.

In nome della “diffusione della democrazia”, ??gli Stati Uniti hanno promosso la “Dottrina Neo-Monroe” in America Latina, hanno incitato “rivoluzioni colorate” in Eurasia e hanno diretto da dietro le quinte la “Primavera araba” in Asia occidentale e Nord Africa, portando caos e disastri in molti Paesi e minando gravemente la pace e la stabilità nel mondo. Ora, sempre in nome della “democrazia”, ??gli Stati Uniti stanno di fatto dividendo la comunità internazionale, creando divisione e minando il progresso verso una maggiore democrazia nelle relazioni internazionali.

Nel maggio 2021, la società tedesca di sondaggi Latana e la Fondazione Alliance of Democracies (fondata da Anders Rasmussen, ex primo ministro danese e segretario generale della NATO) hanno pubblicato un rapporto sull’indice di percezione della democrazia 2021, basato su un sondaggio condotto tra oltre 50.000 intervistati in 53 Paesi. Secondo il rapporto, il 44% degli intervistati è preoccupato che gli Stati Uniti minaccino la democrazia nel loro Paese.

Shakeel Ramay, amministratore delegato dell’Istituto asiatico per la ricerca e lo sviluppo dell’eco-civiltà, ha scritto che “l‘Occidente ha lanciato una campagna per mostrare solidarietà con l’Ucraina. Gli slogan della sovranità, dei diritti umani e di un sistema globale basato sulle regole sono tornati in vigore. L’Occidente sta cercando di agire come un fedele protettore dei valori, dei diritti umani e della sovranità. Sta abilmente elaborando una campagna e una narrativa che si adattano alla sua agenda geopolitica e geoeconomica“.

Il regista statunitense Oliver Stone ha affermato in un’intervista che l’essenza della democrazia statunitense è la politica monetaria. Gli Stati Uniti si sono definiti il modello di democrazia, eppure stanno deliberatamente violando le regole internazionali e creando divisioni. Quando occorrono 14 miliardi di dollari per eleggere un presidente, ti chiedi che tipo di democrazia sia. Non puoi nemmeno convincere un membro del Congresso a parlare con te a meno che tu non paghi o non abbia un interesse commerciale. Il governo degli Stati Uniti è “totalmente corrotto”.

Il membro del Congresso degli Stati Uniti Mo Brooks ha rivelato che le presidenze dei principali comitati del Congresso degli Stati Uniti devono essere acquistate, con il prezzo addebitato da entrambe le parti, a seconda dell’importanza del comitato e di un’offerta minima di un milione di dollari USA. Gruppi di interesse speciale guidano Washington e i dibattiti di politica pubblica sono molto corrotti, il che è un motivo importante per cui il governo degli Stati Uniti non è stato in grado di rispondere efficacemente a molte sfide.

I vincitori del 91% delle elezioni del Congresso negli Stati Uniti sono i candidati con un maggiore sostegno finanziario. Gli elettori ordinari vengono corteggiati solo quando i loro voti sono richiesti. Vengono ignorati una volta terminate le elezioni. I difetti del sistema elettorale sono fin troppo evidenti. Ad esempio, il gerrymandering, la pratica prevalente di ridisegnare i distretti elettorali, mina l’equità e la giustizia.

Falsità 11: l’Ucraina oggi diventerebbe Taiwan domani. Se la Cina continentale “perseguirà con la forza la riunificazione con Taiwan”, gli Stati Uniti imporranno sanzioni alla Cina proprio come ha fatto alla Russia, e la Cina dovrà affrontare gravi conseguenze.

Verifica della realtà: la questione di Taiwan e la questione dell’Ucraina sono di natura diversa. La questione di Taiwan è un’eredità della guerra civile cinese. Taiwan è sempre stata una parte inalienabile del territorio cinese e la questione di Taiwan è interamente un affare interno della Cina.

Un totale di 181 Paesi, compresi gli Stati Uniti, hanno stabilito e sviluppato relazioni diplomatiche con la Cina sulla base del principio di “una sola Cina”. Ma pur sottolineando il rispetto della sovranità e dell’integrità territoriale dell’Ucraina, gli Stati Uniti hanno palesemente calpestato la linea rossa del principio di “una sola Cina” sulla questione di Taiwan. Questo non è altro che puro doppio standard.

Nel 1943, i leader di Cina, Regno Unito e Stati Uniti hanno emesso la Dichiarazione del Cairo, affermando chiaramente che tutti i territori che il Giappone aveva sottratto ai cinesi, come Taiwan e le isole Penghu, sarebbero stati restituiti alla Cina. Nel 1945, la Dichiarazione di Potsdam ha ribadito che i termini della Dichiarazione del Cairo devono essere rispettati. Tutto ciò dimostra inequivocabilmente che nella comunità internazionale non vi è alcuna controversia sulla sovranità territoriale della Cina su Taiwan.

Nell’ottobre 1971, l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha adottato a stragrande maggioranza la risoluzione 2758, che ha deciso di ripristinare il seggio legale della Repubblica Popolare Cinese presso le Nazioni Unite. La risoluzione ha risolto una volta per tutte la questione della rappresentanza della Cina all’ONU in termini politici, legali e procedurali. I pareri legali ufficiali dell’Office of Legal Affairs del Segretariato delle Nazioni Unite affermavano chiaramente che “le Nazioni Unite considerano ‘Taiwan’ come una provincia della Cina senza status separato“, “si ritiene che le autorità di Taipei… godano di qualsiasi forma di stato governativo“, e che la regione dovrebbe essere denominata “Taiwan, Provincia della Cina“.

Il principio di “una sola Cina” e i tre comunicati congiunti sino-americani costituiscono il fondamento politico delle relazioni Cina-USA. Nel 1971, gli Stati Uniti hanno dichiarato di “riconoscere la posizione cinese secondo cui esiste una sola Cina e Taiwan fa parte della Cina“, che non avrebbero ripetuto la frase che lo status di Taiwan è indeterminato e che non sostenevano e non avrebbero sostenuto i movimenti per “l’indipendenza di Taiwan”. Il presidente Richard Nixon affermò i suddetti principi al premier Zhou Enlai durante la sua visita in Cina nel 1972.

Nel comunicato congiunto della Repubblica Popolare Cinese e degli Stati Uniti d’America (il comunicato di Shanghai) firmato il 27 febbraio 1972, gli Stati Uniti hanno dichiarato di “riconoscere che tutti i cinesi su entrambi i lati dello Stretto di Taiwan sostengono che c’è una sola Cina e che Taiwan fa parte della Cina. Il governo degli Stati Uniti non contesta tale posizione” e che “afferma l’obiettivo ultimo del ritiro di tutte le forze e installazioni militari statunitensi da Taiwan. Nel frattempo, ridurrà progressivamente la sua forze e le sue installazioni militari a Taiwan mentre la tensione nell’area diminuisce“.

Nel comunicato congiunto sull’instaurazione delle relazioni diplomatiche tra la Repubblica Popolare Cinese e gli Stati Uniti d’America firmato il 16 dicembre 1978, gli Stati Uniti hanno affermato di “riconoscere il governo della Repubblica Popolare Cinese come unico governo legale della Cina. In questo contesto, il popolo degli Stati Uniti manterrà relazioni culturali, commerciali e altre relazioni non ufficiali con il popolo di Taiwan” e che “il governo degli Stati Uniti Gli Stati d’America riconosce la posizione cinese secondo cui esiste una sola Cina e Taiwan fa parte della Cina“.

Nel comunicato congiunto tra la Repubblica Popolare Cinese e gli Stati Uniti d’America firmato il 17 agosto 1982 (il comunicato del 17 agosto), gli Stati Uniti hanno ribadito che “non hanno intenzione di violare la sovranità e l’integrità territoriale cinesi, o di interferire negli affari interni della Cina, o di perseguire una politica di “due Cine” o di “una Cina, un Taiwan”” e che “non cercano di attuare una politica a lungo termine di vendita di armi a Taiwan, che le sue vendite di armi a Taiwan non supereranno, né in termini qualitativi né in termini quantitativi, il livello di quelle fornite negli ultimi anni dall’instaurazione delle relazioni diplomatiche tra Stati Uniti e Cina, e che intendono ridurre progressivamente la vendita di armi a Taiwan, guardando, a lungo termine, ad una risoluzione definitiva”.

Dall’instaurazione delle relazioni diplomatiche, le successive amministrazioni statunitensi hanno promesso di attenersi ai tre comunicati congiunti sino-americani. Tuttavia, non molto tempo dopo aver stabilito legami diplomatici con la Cina, gli Stati Uniti hanno approvato il cosiddetto “Taiwan Relations Act“, seguito da un’offerta interna di “Six Assurances” a Taiwan, entrambi in violazione degli impegni statunitensi assunti nei tre comunicati congiunti e del principio di “una sola Cina” stabilito dalla risoluzione 2758 dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite e ampiamente rispettato dalla comunità internazionale. Quindi questi sono illegali e nulli sin dall’inizio.

Da qualche tempo gli Stati Uniti si piegano, cambiano e fanno marcia indietro sul loro impegno sulla questione taiwanese in termini di parole e fatti, cercando di svuotare il principio di “una sola Cina”.

Politicamente, gli Stati Uniti hanno introdotto una serie di atti relativi a Taiwan e aumentato il livello di coinvolgimento con Taiwan. Nel 2018, l’allora presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha firmato il “Taiwan Travel Act“, incoraggiando visite di alto livello tra funzionari statunitensi e di Taiwan. Il “Consolidated Appropriations Act 2022” degli Stati Uniti chiede all’amministrazione di distinguere Taiwan dalla Cina continentale quando realizza mappe della Cina, una flagrante sfida al principio di “una sola Cina”.

Dal punto di vista militare, gli Stati Uniti non hanno mai smesso di vendere armi a Taiwan e hanno spesso inviato navi da guerra attraverso lo stretto di Taiwan. Dal 1979, gli Stati Uniti hanno consegnato 107 colpi di armi a Taiwan, comprese armi offensive come missili anti-radiazioni, siluri pesanti e caccia F-16V. Sotto la presidenza Trump, le vendite di armi statunitensi a Taiwan sono state di quasi 20 miliardi di dollari USA. Da poco più di un anno in carica, l’amministrazione Biden ha annunciato tre round di vendita di armi a Taiwan. Nel 2020, le navi da guerra statunitensi hanno attraversato lo Stretto di Taiwan 13 volte, il record più alto in 14 anni.

A livello internazionale, gli Stati Uniti hanno lavorato per aiutare Taiwan ad espandere il suo cosiddetto “spazio internazionale”. Nell’ottobre 2021, il Segretario di Stato americano Antony Blinken ha rilasciato una dichiarazione in cui gli Stati Uniti incoraggiano tutti i membri delle Nazioni Unite a unirsi a loro nel sostenere la partecipazione attiva e significativa di Taiwan al sistema delle Nazioni Unite e alla comunità internazionale e ha invitato i cosiddetti “leader” di Taiwan al “Vertice per la democrazia” ospitato dagli Stati Uniti. Tutti gli altri partecipanti al vertice erano stati sovrani.

Sotto l’attuale amministrazione degli Stati Uniti, un certo numero di membri del Congresso degli Stati Uniti ed ex leader politici hanno visitato Taiwan. Nell’agosto 2020, l’allora segretario alla salute e ai servizi umani degli Stati Uniti Alex Azar ha visitato Taiwan. Nel settembre 2020, l’allora sottosegretario di Stato americano Keith Krach ha visitato Taiwan. Dopo lo scoppio del conflitto Russia-Ucraina, Mike Mullen, ex presidente del Joint Chiefs of Staff, ha guidato una delegazione di ex alti funzionari della difesa e della sicurezza a Taiwan. Subito dopo, l’ex segretario di Stato americano Mike Pompeo ha visitato Taiwan. Gli Stati Uniti hanno anche programmato una visita a Taiwan di Nancy Pelosi, Presidente della Camera dei Rappresentanti. Una delegazione bipartisan del Congresso statunitense guidata dal presidente della commissione per le relazioni estere del Senato Bob Menendez ha visitato Taiwan, cosa che ha suscitato molto clamore mediatico da parte delle forze dell’indipendenza di Taiwan. Ciò che gli Stati Uniti hanno fatto è una provocazione maliziosa contro la sovranità cinese e una grossolana interferenza negli affari interni della Cina, e invia un segnale politico estremamente pericoloso.

La “strategia indo-pacifica” statunitense sta diventando sinonimo di politica di blocco. Dal rafforzamento dei Five Eyes all’instaurazione del Quad, dal mettere insieme AUKUS al rafforzamento delle alleanze militari bilaterali, gli Stati Uniti stanno organizzando una formazione “cinque-quattro-tre-due” nell’Asia-Pacifico, mirando a una versione indo-pacifica della NATO e alla ripetizione della “crisi ucraina” in Asia.

I tentativi statunitensi di sfondamento sulla questione di Taiwan non mostrano alcun riguardo per la volontà comune dell’adesione all’ONU incarnata nella risoluzione 2758, contravvengono al consenso della comunità internazionale, minano gli scopi e i principi della Carta delle Nazioni Unite e mettono a repentaglio la pace e la stabilità nel Stretto di Taiwan.

La Cina deve essere riunificata e sarà sicuramente riunificata. La parte cinese si adopererà per la prospettiva di una riunificazione pacifica con la massima sincerità e i massimi sforzi. Detto questo, se le forze dell'”indipendenza di Taiwan” dovessero fare provocazioni, forzarci le mani o addirittura oltrepassare la linea rossa, la Cina sarà costretta a prendere misure risolute.

"Attuare la Costituzione" sull'autonomia differenziata di Paolo Maddalena "Attuare la Costituzione" sull'autonomia differenziata

"Attuare la Costituzione" sull'autonomia differenziata

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Odessa, la strage che l'occidente vuole censurare di Francesco Santoianni Odessa, la strage che l'occidente vuole censurare

Odessa, la strage che l'occidente vuole censurare

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani di Giacomo Gabellini Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

La fine di un mito: la Russia scudo dell'Occidente   di Bruno Guigue La fine di un mito: la Russia scudo dell'Occidente

La fine di un mito: la Russia scudo dell'Occidente

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare? di Alberto Fazolo Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo di Pasquale Cicalese La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

Bce e criptovalute. Lettera aperta al Prof. Panetta di Giuseppe Masala Bce e criptovalute. Lettera aperta al Prof. Panetta

Bce e criptovalute. Lettera aperta al Prof. Panetta

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Apocalisse epidemica di Damiano Mazzotti Apocalisse epidemica

Apocalisse epidemica