Israele a Gaza ha toccato con mano la strategia di Soleimani

Israele a Gaza ha toccato con mano la strategia di Soleimani

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

In due settimane di guerra a Gaza, Israele ha affrontato parte della strategia militare dell'eminente generale iraniano Qasem Soleimani, secondo un ex generale israeliano.

"Durante la recente guerra a Gaza, Israele è stato esposto per la prima volta alla strategia di Qasem Soleimani: accerchiamento in un cerchio di fuoco su tutti i fronti, compreso quello interno " , ha affermato Gershon Hacohen, in un articolo pubblicato dal centro di Israeli Strategic Studi Begin-Sadat (Besa, con il titolo "Lezioni dalla guerra di Gaza".)

Nel porre la domanda 'Cosa c'è di sorprendente in questa guerra?', il comandante in pensione, che attualmente è il principale ricercatore del suddetto istituto, ha sottolineato che, in termini di prontezza operativa, l'esercito del regime israeliano era pronto a combattere, ma, confessa che all'intelligenza delle forze israeliane, il Movimento di resistenza islamica palestinese (HAMAS) ha dato una sorpresa in questa battaglia .

Questa sorpresa è stata realizzata nel quadro di nuove forme e obiettivi, e ha mostrato i piani e gli obiettivi che i gruppi della Resistenza Palestinese avevano in mente per questa guerra, ha aggiunto.

A tal proposito, ha spiegato che, contrariamente alle strutture militari classiche, HAMAS e altri gruppi come il Movimento di Resistenza Islamico del Libano (Hezbollah), hanno una specifica strategia d'azione che consente loro di entrare nella fase di guerra nel minor tempo possibile: lanciamissili e proiettili sono regolarmente presenti nella stessa area di servizio designata.

I battaglioni Shuyaiya e Yebaliya, ad esempio, sono formati da residenti di quegli stessi quartieri, dai combattenti ai comandanti, osserva Hacohen, sostenendo che questo rende molto rapido il passaggio dalla routine alle condizioni di emergenza e sorprende la controparte.

A suo avviso, gli eventi della guerra degli 11 giorni con Gaza e l'analisi delle prestazioni dell'esercito di fronte a una guerra multilaterale, inclusi conflitti interni e disordini all'interno della società israeliana, mostrano che, nonostante tutta la superiorità operativa dell'esercito israeliano, le sue frequenti ritirate rappresentano un pericolo esistenziale per Israele.

Per concludere, ha ricordato che gli eventi delle ultime settimane hanno indicato che le forze belliche israeliane, se dovessero combattere anche nelle aree settentrionali, potrebbero non difendere la stretta fascia costiera con i confini pre-1967.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi di Giorgio Cremaschi I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi

I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi

Manifestazioni contro il green pass. Cosa bisogna fare adesso di Francesco Santoianni Manifestazioni contro il green pass. Cosa bisogna fare adesso

Manifestazioni contro il green pass. Cosa bisogna fare adesso

Thomas Piketty, la Cina e Noi   di Bruno Guigue Thomas Piketty, la Cina e Noi

Thomas Piketty, la Cina e Noi

Alcune note scomode sul ddl Zan Alcune note scomode sul ddl Zan

Alcune note scomode sul ddl Zan

L'agenda politica dietro il "lasciapassare" di Antonio Di Siena L'agenda politica dietro il "lasciapassare"

L'agenda politica dietro il "lasciapassare"

Covid-19(84) : il conflitto orizzontale definitivo di Gilberto Trombetta Covid-19(84) : il conflitto orizzontale definitivo

Covid-19(84) : il conflitto orizzontale definitivo

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti