Il nuovo drone kamikaze della Turchia debutta nell'esercitazione dell'Egeo

Il nuovo drone kamikaze della Turchia debutta nell'esercitazione dell'Egeo

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Dal 2 gennaio la nostra pagina Facebook subisce un immotivato e grottesco blocco da "fact checker" appartenenti a testate giornalistiche a noi concorrenti. Aiutateci ad aggirare la loro censura e iscrivetevi al Canale Telegram de l'AntiDiplomatico

 

La Turchia aspira a diventare una vera e propria superpotenza nel campo dei droni. Dopo il grande successo del TB1 Bayraktar, utilizzato con buon esito in diversi scenari di guerra, l’industria della difesa di Ankara continua a sviluppare altri velivoli senza pilota. 

L’ultimo arrivato è il drone kamikaze Kargi mostrato per la prima volta nell'ambito dell'esercitazione militare EFES-2022, come riferisce il quotidiano turco Daily Sabah. 

Una delle più grandi esercitazioni programmate dalle Forze Armate turche (TSK), l'esercitazione EFES-2022 è in corso nel distretto di Seferihisar, nella parte occidentale di Izmir, con la partecipazione di elementi di Paesi amici e alleati.

Nell'ambito dell'esercitazione, l'azienda locale di difesa Lentatek sta mostrando gli UAV che ha sviluppato con risorse nazionali.

Il progetto Kargi è stato avviato da Lentatek con il sostegno del Consiglio per la ricerca scientifica e tecnologica della Turchia (TÜBITAK).

Quali sono le caratteristiche di questo nuovo drone? Kargi è in grado di sopprimere e distruggere i radar dei sistemi di difesa aerea integrata e dei sistemi d'arma terra-aria del nemico. Dopo aver completato i preparativi, Lentatek si appresta a produrre l’UAV in serie.

La progettazione e la produzione dei sistemi di terra, di navigazione e di controllo automatico del volo sono state tutte sviluppate a livello nazionale, così come il software del sistema.

Nel 2018, il Kargi ha effettuato il suo volo inaugurale con il velivolo e i sistemi di terra sviluppati a livello nazionale da Lentatek, grazie alla localizzazione di componenti stranieri, che ha riguardato anche il sistema di ricerca e distruzione RF, il motore di volo e il motore di lancio (motore a razzo), il sistema di collegamento, l'elica e i sottosistemi del serbatoio del carburante, anch'essi sviluppati all'interno del Paese.

Il progetto Kargi viene portato avanti sotto la guida di Lentatek in collaborazione con altre aziende leader dell'industria della difesa, ovvero Aselsan, Turkish Aerospace Industries (TAI) e TÜBITAK's Defense Industries Research and Development Institute (SAGE).

Il velivolo monta il motore PG50 sviluppato dalla TUSA? Engine Industries (TEI), filiale di TAI che produce motori.

Il velivolo viene lanciato da ‘canister’, utilizzati anche come deposito, grazie al motore a razzo. Il Kargi costringe i radar della difesa aerea a rimanere passivi navigando a lungo nello spazio aereo nemico e sarà in grado di trovare il suo bersaglio e distruggerlo con successo grazie al sistema di ricerca e distruzione RF.

L'UAV kamikaze dovrebbe sostituire l'Harpy di fabbricazione israeliana già presente nell'inventario del TSK.

L'Harpy della IAI è un munizionamento da vagabondaggio prodotto dalla Israel Aerospace Industries ed è progettato per attaccare i sistemi radar e ottimizzato per la soppressione delle difese aeree nemiche.

Trasporta una testata ad alto potenziale esplosivo.

L'Harpy è stato venduto a diversi Paesi, tra cui Corea del Sud, Turchia, India e Cina.

 

Dal 2 gennaio la nostra pagina Facebook subisce un immotivato e grottesco blocco da "fact checker" appartenenti a testate giornalistiche a noi concorrenti. Aiutateci ad aggirare la loro censura e iscrivetevi al Canale Telegram de l'AntiDiplomatico

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*       di Geraldina Colotti Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*      

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*  

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi" di Michelangelo Severgnini Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti