Il discorso di Xi all'APEC incarna le aspettative comuni della regione Asia-Pacifico per la cooperazione invece del confronto

Il discorso di Xi all'APEC incarna le aspettative comuni della regione Asia-Pacifico per la cooperazione invece del confronto

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il presidente cinese Xi Jinping ha tenuto un discorso al vertice dei CEO della Cooperazione economica Asia-Pacifico (APEC) a San Francisco nella giornata di giovedì, durante il quale ha invitato a rimanere impegnati nella “missione fondante” dell’APEC che enfatizza l’apertura, l’inclusività, lo sviluppo per tutti e cercare un terreno comune accantonando le differenze. Ha sottolineato che l’Asia-Pacifico non può e non deve essere un’arena di rivalità geopolitica, e ancor meno dovrebbe essere precipitata in una nuova Guerra Fredda o in un confronto tra campi..

Nel discorso, Xi ha anche affermato l'incrollabile spinta della Cina verso un'ulteriore apertura ad alto livello e la fiducia e la capacità del Paese di raggiungere una crescita economica stabile e a lungo termine. La "prossima Cina" è ancora la Cina", ha detto, sottolineando che il Paese è diventato sinonimo di migliore destinazione per gli investimenti e che, attraverso lo sviluppo, la Cina continuerà a fornire al mondo nuovi slanci e opportunità di crescita.

Questo il discorso di Xi Jinping tradotto in italiano: 

Rappresentanti della comunità imprenditoriale,

Signore e Signori,

Amici,

È per me un grande piacere essere invitato a parlare al Vertice degli Amministratori Delegati dell'APEC. Ho visitato San Francisco molti anni fa e sono rimasto profondamente colpito dall'apertura, dall'inclusività e dalla creatività per cui questa bella città è famosa.

Tre decenni fa, la direzione che l'umanità avrebbe dovuto prendere nell'era post-Guerra Fredda era la domanda del mondo, della storia e dei tempi di fronte ai leader dell'Asia-Pacifico. In risposta, hanno seguito la tendenza verso la pace e lo sviluppo e hanno convocato la riunione inaugurale dei leader economici dell'APEC. Hanno deciso all'unanimità di superare la mentalità obsoleta del confronto tra blocchi e del gioco a somma zero, di approfondire la cooperazione e l'integrazione economica nella regione e di costruire una comunità Asia-Pacifico dinamica, armoniosa e prospera. Questa importante decisione ha permesso allo sviluppo e alla globalizzazione economica dell'Asia-Pacifico di intraprendere una rapida crescita, trasformando la regione in un motore per la crescita economica mondiale, in un'ancora di stabilità per lo sviluppo globale e in un pioniere della cooperazione internazionale. Possiamo trarre molti insegnamenti da questo straordinario percorso di cooperazione nell'Asia-Pacifico.

L'apertura e l'inclusione sono le caratteristiche che definiscono la cooperazione nell'Asia-Pacifico. Lo sviluppo della nostra regione non è stato raggiunto provocando antagonismi e scontri, perseguendo una politica di "beggar-thy-neighbor" o erigendo alte recinzioni intorno a un piccolo cortile, ma rimanendo aperti e inclusivi e attingendo ai reciproci punti di forza. Abbiamo mantenuto il nostro impegno per un regionalismo aperto, abbiamo formulato congiuntamente gli Obiettivi di Bogor e la Visione di Putrajaya, abbiamo promosso la liberalizzazione e la facilitazione del commercio e degli investimenti e abbiamo sostenuto l'integrazione economica della regione. Negli ultimi tre decenni, l'Asia-Pacifico ha ridotto il suo tasso tariffario medio dal 17% al 5% e ha contribuito al 70% della crescita economica globale.

Lo sviluppo per tutti è l'obiettivo principale della cooperazione Asia-Pacifico. Lo sviluppo è un obiettivo eterno nella nostra regione. Abbiamo mantenuto l'attenzione sullo sviluppo e approfondito continuamente la cooperazione economica e tecnica, rafforzando così la capacità dei membri in via di sviluppo di raggiungere l'autosviluppo. Abbiamo sviluppato congiuntamente "l'approccio APEC" basato sui principi del volontarismo, della costruzione del consenso e del progresso incrementale, e rispettiamo il diritto allo sviluppo di tutti i membri. Negli ultimi tre decenni, il reddito pro capite nell'Asia-Pacifico è più che quadruplicato e un miliardo di persone è uscito dalla povertà. Questo è un importante contributo al progresso umano e allo sviluppo sostenibile globale.

Cercare un terreno comune accantonando le differenze è la migliore pratica di cooperazione dell'Asia-Pacifico. Le economie della regione hanno storie e culture diverse e si trovano in stadi di sviluppo differenti.

Forzare l'uniformità non farà progredire la cooperazione nella regione; cercare un terreno comune accantonando le differenze è la strada giusta da seguire. Negli ultimi tre decenni, abbiamo affrontato in modo adeguato sfide importanti come la crisi finanziaria asiatica e quella internazionale e abbiamo sostenuto lo slancio dello sviluppo economico nell'Asia-Pacifico. Il nostro successo è stato possibile perché abbiamo seguito la tendenza di fondo, tenuto conto di un quadro più ampio e sfruttato lo spirito di partenariato caratterizzato da armonia senza uniformità, solidarietà e assistenza reciproca. Questo ci ha permesso di trasformare la diversità dei membri in uno slancio per la cooperazione e di compiere progressi collettivi sfruttando la complementarità.

Signore e signori,

Amici,

Il mondo è entrato in un nuovo periodo di turbolenza e cambiamento. Lo slancio della crescita economica mondiale è lento. Aumentano i fattori destabilizzanti, incerti e imprevedibili. Dove andrà la cooperazione Asia-Pacifico nei prossimi 30 anni? Questa è una nuova questione dei tempi che ci attendono. Come osservò un antico studioso cinese, "le piante con radici forti crescono bene e gli sforzi con la giusta attenzione garantiscono il successo". Dovremmo restare impegnati nella missione fondatrice dell’APEC, non dimenticare mai la missione conferitaci dalla storia e impegnarci a rilanciare la cooperazione Asia-Pacifico.

San Francisco, dove è stata firmata la Carta delle Nazioni Unite, incarna la nobile aspirazione di tutti i popoli alla pace in tutto il mondo. La pace non si ottiene facilmente e lo sviluppo è un compito lungo e arduo. Dovremmo sostenere congiuntamente gli scopi e i principi della Carta delle Nazioni Unite e seguire le giuste norme per le relazioni da stato a stato per mantenere la prosperità e la stabilità dell’Asia-Pacifico attraverso il dialogo e la partnership piuttosto che il confronto e l’alleanza. La regione non può e non deve essere un’arena di rivalità geopolitica, tanto meno se dovesse essere precipitata in una nuova guerra fredda o in uno scontro basato sui campi.

La storia della prosperità e dello sviluppo dell’Asia-Pacifico dimostra che lo sviluppo è possibile solo con la cooperazione, che l’assenza di cooperazione è il rischio maggiore e che il disaccoppiamento e l’interruzione della catena di approvvigionamento non sono nell’interesse di nessuno. Dovremmo restare impegnati a favore del regionalismo aperto e portare avanti con fermezza la costruzione di un’area di libero scambio dell’Asia-Pacifico. Dovremmo rispettare le leggi che regolano lo sviluppo economico, tirare fuori il meglio da ognuno di noi, rendere le nostre economie più interconnesse, rafforzare la sinergia tra i pertinenti accordi commerciali regionali e le strategie di sviluppo e costruire un’economia aperta dell’Asia-Pacifico caratterizzata da una cooperazione vantaggiosa per tutti. .

Di fronte a una nuova ondata di rivoluzione scientifica e tecnologica e di trasformazione industriale, dovremmo guardare oltre l’orizzonte, cogliere le opportunità e seguire la tendenza a promuovere la transizione verso uno sviluppo digitale, intelligente e verde. Dovremmo promuovere congiuntamente l’innovazione e l’applicazione sul mercato dei progressi scientifici e tecnologici e promuovere la piena integrazione delle economie digitale e fisica. Dovremmo migliorare congiuntamente la governance globale della scienza e della tecnologia, rafforzare il sostegno alla transizione verde e digitale e allo sviluppo sostenibile attraverso l’innovazione e costruire un ambiente aperto, giusto, giusto e non discriminatorio per lo sviluppo della scienza e della tecnologia.

Dieci anni fa, ho chiesto la costruzione di una comunità con un futuro condiviso per l’umanità. L’APEC Putrajaya Vision espone esplicitamente la sua visione per una comunità dell’Asia-Pacifico entro il 2040, tracciando il percorso per un’ulteriore cooperazione nella nostra regione. Negli ultimi anni, in risposta ai bisogni urgenti in tutto il mondo, ho proposto la Global Development Initiative (GDI), la Global Security Initiative (GSI) e la Global Civilization Initiative (GCI). Hanno lo scopo di motivare tutte le parti interessate ad affrontare le sfide globali, promuovere lo sviluppo comune e migliorare il benessere dell’umanità. La Cina lavorerà con tutti nella regione Asia-Pacifico per portare avanti e attuare queste iniziative e costruire un mondo aperto, inclusivo, pulito e bello, caratterizzato da una pace duratura, da una sicurezza universale e da una prosperità condivisa.

Signore e signori,

Amici,

Quest'anno l'economia cinese ha registrato una ripresa costante e una svolta positiva. Il suo tasso di crescita è tra i più alti tra le principali economie del mondo. E sono stati ottenuti notevoli progressi nel perseguimento di uno sviluppo di alta qualità. La Cina rimane il motore più potente della crescita globale e quest’anno genererà un terzo della crescita globale. Proprio come hanno affermato alcuni leader della comunità imprenditoriale, la Cina è diventata sinonimo della migliore destinazione per gli investimenti e che la "prossima Cina" è ancora la Cina. Invitiamo gli amici delle comunità imprenditoriali di tutto il mondo a investire e ad approfondire la propria presenza in Cina.

La Cina gode di punti di forza distinti come un’economia di mercato socialista in termini sistemici, un mercato enorme in termini di domanda, un sistema industriale a pieno titolo in termini di offerta e abbondanti forze di lavoro e imprenditori di alto livello in termini di risorse umane. Lo sviluppo economico della Cina è autogenerativo, resiliente e presenta numerose potenzialità. In passato, la Cina ha superato numerose difficoltà e ostacoli disinnescando i rischi e affrontando le sfide, ottenendo risultati storici. Oggi, l’economia cinese nel suo insieme, benedetta dalla sua forte resilienza, dall’enorme potenziale e dall’ampio spazio di manovra, rimane promettente, e rimarrà tale nel lungo periodo. Abbiamo la fiducia e ancor più la capacità di raggiungere una crescita stabile e a lungo termine e, attraverso il nostro sviluppo, continueremo a fornire al mondo nuovi slanci e opportunità di crescita.

La Cina è impegnata ad applicare la nuova filosofia di sviluppo concentrandosi sul raggiungimento di uno sviluppo innovativo, coordinato, verde e aperto per tutti, e sta perseguendo uno sviluppo di alta qualità e una crescita economica verde e ad alto valore aggiunto. Gli ultimi anni hanno visto una rapida crescita delle esportazioni cinesi dei “nuovi tre”, vale a dire veicoli a nuova energia, batterie agli ioni di litio e prodotti fotovoltaici. Presto sarà lanciato un mercato nazionale di scambio volontario per la riduzione delle emissioni di gas serra, che creerà enormi opportunità di mercato verde. La Cina accelererà i suoi sforzi per modernizzare il sistema industriale, fornire migliori garanzie istituzionali per consentire alle entità imprenditoriali di tutti i tipi di condividere i vantaggi dello sviluppo, promuovere nuovi motori di crescita e creare più spazio per lo sviluppo.

Rimaniamo impegnati a perseguire lo sviluppo con le porte aperte. Promuoveremo risolutamente l’apertura di standard elevati e amplieremo ulteriormente l’accesso al mercato. La Cina ha annunciato la rimozione di tutte le misure restrittive sugli investimenti esteri nel settore manifatturiero. Di recente si è tenuta la sesta China International Import Expo, mentre la seconda Global Digital Trade Expo si terrà alla fine di questo mese. Tutti questi passi amplieranno l’apertura della Cina e creeranno maggiori opportunità di sviluppo e vantaggi per altri paesi. La Cina sta applicando standard elevati per l’attuazione dell’accordo di partenariato economico globale regionale. Sta lavorando per allinearsi alle norme economiche e commerciali di alto livello dell’Accordo globale e progressista di partenariato transpacifico e dell’Accordo di partenariato per l’economia digitale per far avanzare il processo di adesione a questi due accordi ed espandere una rete orientata a livello globale di aree di libero scambio di alto livello. Quest’anno ricorre il decimo anniversario dell’iniziativa Belt and Road da me proposta. Il mese scorso, la Cina ha ospitato il terzo Forum Belt and Road per la cooperazione internazionale con 458 risultati. Le istituzioni finanziarie cinesi hanno stabilito una finestra di finanziamento di 780 miliardi di RMB per i progetti della Belt and Road e le società cinesi e straniere hanno raggiunto accordi commerciali per un valore di 97,2 miliardi di dollari. Tutto ciò contribuirà a una cooperazione di alta qualità sulla Belt and Road e darà un forte slancio alla connettività, allo sviluppo e alla prosperità in tutto il mondo.

Indipendentemente da come si evolve la situazione internazionale, la determinazione della Cina di promuovere un ambiente imprenditoriale orientato al mercato, basato sul diritto e di livello mondiale non cambierà. E la nostra politica di fornire servizi uguali e di qualità agli investitori stranieri non cambierà. Continueremo a migliorare i meccanismi per proteggere i diritti e gli interessi degli investitori stranieri, accorceremo ulteriormente la lista negativa sugli investimenti esteri, garantiremo pienamente il trattamento nazionale per gli investitori stranieri e continueremo a rafforzare la protezione dei diritti di proprietà intellettuale. Ci impegneremo ad abbattere le barriere al flusso dei fattori di innovazione, ad approfondire la riforma dell’economia digitale e a promuovere il flusso libero e ordinato dei dati nel rispetto della legge. Adotteremo anche misure più “commoventi”, come il miglioramento delle politiche sull’ingresso e il soggiorno dei cittadini stranieri in Cina e l’eliminazione dei punti di strozzatura nei servizi finanziari, medici, di pagamento elettronico e di altro tipo. Tutto ciò è progettato per rendere più semplice per le aziende straniere investire e operare in Cina.

Desidero sottolineare che la modernizzazione cinese richiede naturalmente uno sviluppo di alta qualità superando le sfide economiche e realizzando progressi costanti. Il suo obiettivo immutabile è offrire una vita migliore a oltre 1,4 miliardi di cinesi. Per il mondo, ciò significa un mercato più ampio e opportunità di cooperazione senza precedenti. Inoltre, darà un forte impulso allo sforzo di modernizzazione globale.

Signore e signori,

Amici,

La comunità imprenditoriale dell'Asia-Pacifico è sempre stata un coraggioso pioniere della cooperazione tra Asia e Pacifico e dello sviluppo globale. Spero che sfrutterete appieno la vostra imprenditorialità e contribuirete ancora di più alla costruzione di un'economia aperta dell'Asia-Pacifico e alla promozione dello sviluppo economico globale. Spero anche di vedere una parte attiva della comunità imprenditoriale globale nella spinta alla modernizzazione cinese, per beneficiare delle enormi opportunità offerte dallo sviluppo di alta qualità della Cina!

Grazie.

 

 

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Public enemy di Giuseppe Giannini Public enemy

Public enemy

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

LE SANZIONI INDEBOLISCONO IL POTERE DEL DOLLARO di Andrea Puccio LE SANZIONI INDEBOLISCONO IL POTERE DEL DOLLARO

LE SANZIONI INDEBOLISCONO IL POTERE DEL DOLLARO

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti