"Il 70° anniversario della Repubblica popolare cinese dimostra che il comunismo di Pechino potrebbe essere quello più praticabile"

"Il 70° anniversario della Repubblica popolare cinese dimostra che il comunismo di Pechino potrebbe essere quello più praticabile"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Segue articolo di George Galloway, membro del parlamento britannico per quasi 30 anni. Presenta programmi TV e radio (anche su RT). È regista, scrittore e oratore di fama.


 
Mentre gli errori dell'Unione Sovietica l'hanno messa nel museo, la capacità della Cina di adattarsi e reinventarsi potrebbe presto renderlo il paese più importante del mondo.
 
Lo scorso fine settimana, ho partecipato a una commemorazione per il 70° anniversario della vittoria della rivoluzione cinese. Ho scherzato con i diplomatici cinesi presenti parlando anche del 70° anniversario della Rivoluzione d'Ottobre in Russia e guardate cosa è successo dopo!
 
Carte sul tavolo, ho trascorso i migliori anni della mia vita difendendo le prospettive dell'URSS e, anche dove divergevano, opponendomi alla linea maoista su questioni di politica nazionale e internazionale.
 
Ora è chiaro tuttavia che la Cina aveva la leadership più sagace e lungimirante. E che la miriade di errori del modello sovietico lo hanno riposto nel museo mentre la Cina va sempre più rafforzandosi. Sono felice per la Cina ma triste per il popolo dell'ex Unione Sovietica. Ed ecco perché.
 
La capacità della Cina di adattarsi, evolversi, reinventarsi si è trasformata nel secondo paese più importante al mondo. Se vivo una normale durata della vita, vedrò che diventerà il primo.
 
Quindi, due dei miei figli, che hanno meno di 5 anni, frequentano una scuola cinese invece delle scuole di lingua russa che avevo immaginato in precedenza.
 
E la causa della mia tristezza nello scrivere queste parole è che continuo a credere che il crollo dell'URSS non sia stato né necessario né inevitabile. Ed è stato anche un disastro per il popolo sovietico, causando il grande calo degli standard di vita e dell'aspettativa di vita. Mentre la Russia sotto Putin ha recuperato fortemente anche se in modo diseguale, ma ha ampiamente ripristinato il suo prestigio internazionale, lo stesso non si può dire per il resto dell'ex Unione Sovietica.
 
Come ha dimostrato la Cina, l'Unione Sovietica ha potuto perfettamente adattarsi, correggere errori, trovare una sintesi tra capitalismo e socialismo che ha funzionato. Un gatto né bianco né nero ma che ha continuato a catturare i topi. Una soluzione che non ha richiesto la liquidazione dello stato, l'abbandono della missione e l'abbattimento del territorio alle infinite provocazioni del campo imperialista.
 
La vittoria della rivoluzione cinese di ispirazione sovietica (e assistita) raddoppiò l'aspettativa di vita (da soli 40 a 80), raddoppiò la popolazione e sulla terraferma cedette non un centimetro di territorio. Al contrario, un giorno Hong Kong è tornata in patria come farà Taiwan.
L'economia cinese prospera nonostante tutti gli sforzi dei suoi avversari, 800 milioni di persone sono state sollevate dalla povertà e la povertà stessa sarà un pezzo da museo molto presto.
 
Il capitalismo fiorisce in Cina, ma sotto la stessa bandiera che ricopriva piazza Tiananmen 70 anni fa.
 
Gli affari privati ??prosperano ma sotto l'occhio d'acciaio dello stato. I miliardari prosperano, ma nessuno dubita del ruolo centrale dello stato e del ruolo guida del Partito comunista cinese. Chiunque lo facesse non farebbe affari per molto tempo.
 
Nonostante gli errori della leadership sovietica, hanno cambiato il mondo, aiutato anche a cambiare la Cina e certamente formarono la mia vita e i miei tempi. Ma per l'URSS e la sua Armata Rossa il mondo intero sarebbe caduto sotto il piede del fascismo e avrei scritto una specie di editoriale in tedesco.
 
Ma nulla di sbagliato in URSS doveva essere una minaccia esistenziale all'esistenza dello stato e al suo ruolo nel mondo. Se la Perestroika fosse venuta prima di Glasnost, ora non vedevo l'ora di parlare al 102° anniversario della vittoria della Rivoluzione d'Ottobre il mese prossimo invece di scriverlo con una lacrima agli occhi.
 
 

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

21 settembre. Il discorso integrale di Vladimir Putin in italiano di Marinella Mondaini 21 settembre. Il discorso integrale di Vladimir Putin in italiano

21 settembre. Il discorso integrale di Vladimir Putin in italiano

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Dal Covid alle guerre Nato: Figliuolo "premiato" a Tripoli di Michelangelo Severgnini Dal Covid alle guerre Nato: Figliuolo "premiato" a Tripoli

Dal Covid alle guerre Nato: Figliuolo "premiato" a Tripoli

Von Der Leyen e le elezioni italiane di Pasquale Cicalese Von Der Leyen e le elezioni italiane

Von Der Leyen e le elezioni italiane

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti