I tentativi delle autorità di allontanare i senzatetto da San Francisco prima del vertice APEC hanno suscitato critiche e scherno

I tentativi delle autorità di allontanare i senzatetto da San Francisco prima del vertice APEC hanno suscitato critiche e scherno

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Le autorità di San Francisco sono state oggetto di scherno perché alla vigilia del vertice APEC hanno deciso di sgomberare definitivamente i senzatetto che affollavano le strade del centro città per tenerli lontani dalla vista degli ospiti di alto livello del vertice internazionale. Il problema dei senzatetto è diventato un bersaglio per i media degli Stati Uniti, che hanno condannato le azioni delle autorità locali e i metodi utilizzati. Tuttavia, non è passato inosservato all'attenzione dei commentatori stranieri, scrive Eduardo Jaramillo in un articolo per il South China Morning Post. 

Il vertice della Cooperazione Economica Asia-Pacifico (APEC) di questa settimana ha portato in città più leader mondiali che in qualsiasi altro momento dal 1945, quando cinquanta leader si riunirono per celebrare la fondazione delle Nazioni Unite, spiega l'articolo. La famosa città statunitense sul golfo si è quindi impegnata per mettere in scena il suo spettacolo migliore.

Lo storico incontro dei leader dell'APEC e dei rappresentanti dell'economia internazionale ha stimolato una campagna di abbellimento: le autorità di San Francisco hanno iniziato a pulire le strade e a mettere in ordine la città. Hanno anche rimosso gli accampamenti di senzatetto dalle strade del centro e hanno inviato migliaia di persone per mettere in sicurezza l'area intorno al Moscone Centre, dove si tengono i colloqui dei leader mondiali, tra cui il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e il suo omologo cinese Xi Jinping, spiega il quotidiano di Hong Kong.

Più di 1.000 membri della California Highway Patrol hanno presidiato le strade del centro di San Francisco. Inoltre, sono state erette barriere metalliche lungo diversi isolati per controllare i flussi pedonali e garantire la sicurezza. Ma nonostante tutte queste misure, anche martedì, il giorno precedente all'incontro tra Biden e Xi Jinping, c'erano ancora senzatetto nella zona.

Secondo i dati ufficiali, nel 2022 a San Francisco c'erano circa 7.750 senzatetto. Il 57% di loro viveva al di fuori dei rifugi ufficialmente autorizzati. Il problema è anche direttamente collegato allo spaccio di droga nella zona, si legge nell'articolo: l'UN Plaza di San Francisco, situata a circa 1,6 km dal Moscone Centre, ha registrato più overdose ogni anno dal 2018 al 2022 rispetto a qualsiasi altro quartiere della città.

Il Dipartimento per i senzatetto e gli alloggi della città di San Francisco ha dichiarato di non avere in programma di espandere la capacità dei rifugi durante il vertice APEC, ma che stanzierà fondi per creare 300 nuovi posti letto per i senzatetto all'approssimarsi dell'inverno. Da parte sua, anche il governatore della California Gavin Newsom - un possibile futuro candidato alla presidenza che ha visitato Pechino in ottobre e ha incontrato Xi Jinping - ha affrontato la questione in una conferenza stampa all'inizio del mese.

"So che la gente dice: ‘Stanno solo ripulendo il posto perché tutti questi leader stanno arrivando in città’. È vero, perché è così", ha affermato Newsom. Tuttavia, ha anche detto che l'attuale trasferimento dei senzatetto fa parte del più ampio progetto Clean California, che ha già contribuito a reinsediare circa 3.300 accampamenti nello Stato dal 2021.

Negli ultimi mesi i problemi legati ai quartieri del centro di San Francisco sono diventati il bersaglio preferito dei media negli Stati Uniti. L'aumento dei senzatetto e dell'uso di droghe illegali viene definito "sottoprodotto delle politiche liberali" in una città ora gestita dai democratici, spiega il quotidiano.

Anche gli attivisti locali di San Francisco hanno chiesto a gran voce che l'enorme quantità di denaro spesa per l'organizzazione di un summit internazionale in città venga invece destinata ad aiutare le comunità emarginate. Joema Santos ritiene che i residenti della città non trarranno alcun beneficio dagli accordi di sponsorizzazione stipulati per finanziare l'evento da 20 milioni di dollari. Come ha scritto sul suo blog, gli accordi "andranno a beneficio solo dell'élite politica e dei ricchi".

Allo stesso tempo, Pamela Holmon, direttrice esecutiva del progetto di assistenza ai senzatetto Homeless Connect, ha assicurato che la città ha "fornito molte opportunità e molti percorsi verso ulteriori risorse" per coloro che si trovano per strada. "A tutti coloro che si trovavano nell'accampamento sono stati offerti servizi di accesso al rifugio direttamente dalla squadra di pronto intervento della città e della contea di San Francisco", ha dichiarato. 

Tutti questi problemi non sono sfuggiti all'attenzione dei critici stranieri, si legge nell'articolo. Con l'avvicinarsi del vertice APEC, anche i media statali cinesi, che spesso usano esempi stranieri negativi come paragone, hanno iniziato a deridere i problemi sociali della città,. Anche i commentatori cinesi sui social media si sono uniti attivamente alle critiche, chiedendo alle autorità statunitensi di stanziare fondi per aiutare la popolazione.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative di Michele Blanco OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti