Hawking aveva ragione, i buchi neri diventano solo più grandi

Hawking aveva ragione, i buchi neri diventano solo più grandi

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

I fisici hanno dimostrato, analizzando le onde gravitazionali dallo spazio, una teoria sviluppata da Stephen Hawking negli anni '70, la quale sostiene che i buchi neri non possono diminuire di superficie nel tempo.

In uno studio pubblicato ieri, gli scienziati del Massachusetts Institute of Technology (MIT) e della Cornell University hanno condiviso i risultati di un progetto di ricerca che ha analizzato le increspature nello spaziotempo create da due buchi neri che si sono sviluppati a spirale verso l'interno e alla fine si sono fusi in un buco nero più grande. 

Le increspature studiate sono state le prime onde gravitazionali mai identificate, rilevate dall'Advanced Laser Interferometer Gravitational-Wave Observatory nel 2015. 

Dividendo i dati dell'onda gravitazionale in segmenti temporali prima e dopo la fusione dei buchi neri, i ricercatori hanno calcolato le aree superficiali dei buchi neri in entrambi i periodi. 

I fisici hanno scoperto che la superficie del nuovo buco nero era in realtà maggiore dei due buchi neri iniziali messi insieme. 

La scoperta conferma una previsione fatta dal famoso scienziato, Stephen Hawking, negli anni '70, in cui affermava che i buchi neri non possono diminuire di superficie in quanto rispecchiava una regola della fisica, secondo cui l'entropia o il disordine non possono diminuire nel tempo.

La legge di Hawking afferma che la superficie del buco nero non aumenterà da sola, ma quando le cose vi entrano, guadagna massa e di conseguenza la sua superficie aumenta.

Mentre gli oggetti in arrivo possono far ruotare il buco nero, riducendo l'area superficiale, l'aumento delle dimensioni dovuto alla massa aggiuntiva sarà sempre maggiore della dimensione persa durante la rotazione. 

"È la prima volta che possiamo dare un numero a questo", ha detto Maximiliano Isi del MIT.

La premessa è nata anche dalla teoria della relatività generale di Albert Einstein che descrive la fisica e la relazione dietro i buchi neri e le onde gravitazionali.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Sa(n)remo arruolati in guerra di Giorgio Cremaschi Sa(n)remo arruolati in guerra

Sa(n)remo arruolati in guerra

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'(ancien) Regime di Antonio Di Siena L'(ancien) Regime

L'(ancien) Regime

I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara di Michelangelo Severgnini I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara

I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano di Pasquale Cicalese Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente di Damiano Mazzotti Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente