"Hasta la vista, separatista". Il PD porta i nazisti Azov in piazza a Milano il 25 aprile

"Hasta la vista, separatista". Il PD porta i nazisti Azov in piazza a Milano il 25 aprile

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Ci sono date precise che segnano per sempre la storia di un partito. Non che al Pd, partito degli interessi delle corporazioni finanziarie e megafono di Ue-Nato in Italia, mancassero momenti di cui vergognarsi certo.

Ma quello che è successo il 25 aprile 2022 a Milano è davvero un punto storico di non ritorno.

Il partito che vede il fascismo sempre laddove non c'è veramente ha portato in piazza, il giorno della liberazione del nostro paese dal nazi-fascismo, i vessilli non solo della Nato (responsabile di milioni tra morti e profughi negli ultimi decenni), ma addirittura dei neo-nazisti ucraini Azov. 

Qui immagini e video. 

il fermo immagine del riferimento ai nazisti Azov

 

Qui per vedere meglio l'immagine che è uno degli slogan dei nazisti ucraini



Qui per chi ancora non avesse chiaro di cosa ha portato in piazza oggi il Pd a Milano...

 

"Hasta la vista, separatista". Arrivederci, separatista. Uno dei slogan con cui i nazisti Azov si sono vantati negli otto anni dall'inizio della guerra in Ucraina del massacro di migliaia e migliaia di civili (molti bambini) nelle regioni del Donbass.

Il partito di Enrico Letta ha infangato per sempre il 25 aprile e la memoria dei partigiani italiani. Al Pd, partito delle guerre e del neo-liberismo, l'onta indelebile.

La storia non li assolverà mai.

P.s. Le veementi contestazioni subite dal Pd - Partito di Azov - a Milano sono il segno più bello e forte degli anticorpi presenti nel popolo italiano. C'è un paese in macerie da ricostruire. Ripartiamo da qui.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti