Gli Emirati Arabi Uniti sono il primo paese arabo a definire gli attacchi contro Israele una "seria e grave escalation"

Gli Emirati Arabi Uniti sono il primo paese arabo a definire gli attacchi contro Israele una "seria e grave escalation"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il Ministero degli Affari Esteri degli Emirati Arabi Uniti ha chiesto domenica la cessazione dell'escalation militare tra Israele e Hamas e ha sollecitato la protezione della popolazione civile, al pari di diversi attori regionali e internazionali. In una dichiarazione - come evidenzia RT - il dipartimento diplomatico del paese arabo ha però sottolineato che "gli attacchi di Hamas contro città e villaggi israeliani vicino alla Striscia di Gaza, compreso il lancio di migliaia di razzi contro centri abitati, costituiscono un'escalation seria e grave".

In questo contesto, ha espresso la sua preoccupazione per i cittadini israeliani presi in ostaggio durante l'ampio attacco dell'organizzazione palestinese. "I civili di entrambe le parti devono sempre godere di piena protezione in base al diritto internazionale umanitario e non devono mai essere obiettivo di conflitto".

"Il Ministero esprime profondo rammarico per la perdita di vite israeliane e palestinesi a causa dell'esplosione di violenza e chiede ad entrambe le parti di ridurre l'escalation e evitare un'ulteriore diffusione della violenza atroce con conseguenze tragiche che colpiscono la vita e le strutture dei civili", ha aggiunto.

Inoltre, il Ministero degli Esteri ha esortato la comunità internazionale a lavorare insieme per evitare che il conflitto generi "maggiore instabilità ed effetti collaterali", come il coinvolgimento di altri gruppi.

"La comunità internazionale deve rimanere determinata di fronte a questi tentativi violenti di deviare gli sforzi regionali in corso verso il dialogo, la cooperazione e la coesistenza e non deve permettere che la distruzione nichilista si impadronisca di una regione i cui popoli hanno già subito abbastanza guerre e traumi".

Gli Emirati Arabi Uniti sono diventati il primo paese del Golfo a normalizzare le relazioni con Israele nel 2020, rompendo con decenni di politica araba a favore della causa palestinese.

La posizione degli Emirati Arabi Uniti si discosta notevolmente dalla posizione di altri paesi arabi che invece sostengono con forza il diritto legittimo della Palestina a difendersi e a ottenere un proprio Stato. Questo divario di opinioni all'interno del mondo arabo riflette la complessità e la diversità delle prospettive regionali sulla questione palestinese. Mentre alcuni paesi arabi continuano a sostenere la causa palestinese in modo deciso, altri hanno scelto una strada di normalizzazione delle relazioni con Israele, probabilmente più per soddisfare l’agenda internazionale di potenze che vogliono continuare a esercitare la loro nefasta influenza sulla regione. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Public enemy di Giuseppe Giannini Public enemy

Public enemy

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti di Andrea Puccio Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti

Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti