Gagarin: dal sogno di resuscitare i morti alla vittoria nello spazio della Guerra Fredda

Gagarin: dal sogno di resuscitare i morti alla vittoria nello spazio della Guerra Fredda

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

60 anni fa l'astronauta sovietico Yuri Gagarin fu il primo uomo ad andare nello spazio. Realizzò un sogno che l'umanità coltivava da secoli. Una grande vittoria dell'URSS in piena Guerra Fredda contro gli USA. Eppure questo progetto partì da molto lontano con un qualcosa che aveva poco a che fare con la scienza...

 

di Paul Robinson* 

"Poekhali" o "Andiamo". Con queste parole, il pilota sovietico Yuri Gagarin decollò dal cosmodromo di Baikonur in Kazakistan 60 anni fa, il 12 aprile 1961.

 Il suo volo storico sbalordì il mondo e trasformò Gagarin in una superstar.

Il razzo di Gagarin, Vostok 1, lo portò in orbita, dopodiché fece il giro della Terra per 108 minuti prima di tornare a terra. Con questo, Gagarin è diventato il primo essere umano a viaggiare con successo nello spazio.

Il programma spaziale sovietico aveva origini strane. 

Negli anni della morte del vecchio impero russo, un eccentrico bibliotecario di San Pietroburgo immaginò che il "compito comune" dell'umanità fosse quello di resuscitare i morti. 

L'umanità avrebbe dovuto setacciare l'universo per trovare la polvere in cui i nostri antenati si erano dissolti, e poi colonizzare altri pianeti per dare spazio ai loro corpi appena rianimati.

Poche persone lessero il lavoro di Nikolai Fyodorov, ma uno che cadde sotto il suo incantesimo fu uno studente di nome Konstantin Tsiolkovsky, che studiò nella biblioteca dove Fyodorov lavorava. Tsiolkovsky divenne il pioniere dei moderni viaggi spaziali, essendo la prima persona a sviluppare la meccanica teorica dei missili e dei veicoli spaziali. Il suo lavoro ha influenzato i futuri ingegneri spaziali, tra cui lo scienziato missilistico tedesco Wernher von Braun e il capo del programma spaziale sovietico Sergei Korolev.

Agli occhi di Fjodorov e Tsiolkovsky, il viaggio spaziale era uno strumento per la causa comune dell'umanità. 

Dopo il 1945, tuttavia, la Guerra Fredda lo trasformò in un aspetto della lotta globale tra l'Unione Sovietica e gli Stati Uniti. Entrambi i paesi hanno cercato di ottenere "primati" tecnologici che dimostrassero la superiorità dei rispettivi sistemi economici: comunismo e capitalismo. La fuga di Gagarin è stata una fenomenale vittoria propagandistica per l'Unione Sovietica.

All'inizio degli anni '60, sotto la guida di Nikita Khrushchev, l'Unione Sovietica godette di un boom economico, incoraggiando la convinzione che alla fine avrebbe potuto raggiungere e persino superare gli Stati Uniti. Abbondavano immagini di "abbondanza rossa" risultanti dall'applicazione della conoscenza scientifica e della pianificazione economica razionale.

 Nel frattempo, gli stati occidentali erano in costante ritirata; le grandi potenze coloniali abbandonarono rapidamente i loro imperi e i paesi occidentali subirono una serie di sconfitte umilianti, come quelle della Francia e degli Stati Uniti in Vietnam.

La viaggio di Gagarin simboleggiava la vulnerabilità dell'America di fronte a un futuro che sembrava appartenere al comunismo. Provocò qualcosa come un senso di panico negli Stati Uniti. 

Così scrisse Newsweek : “Il tempo e lo spazio stanno finendo per gli Stati Uniti. Il primo uomo in orbita è stato un russo. E poi? Un razzo su Marte? I russi non perderanno l'occasione quando le condizioni di fuoco saranno corrette. Il primo uomo sulla luna? Molto probabilmente, porterà la falce e il martello." 

Newsweek si sbagliò. Gagarin spinse gli Stati Uniti all'azione, con il risultato che nel 1969 un americano, Neil Armstrong, divenne il primo uomo a calpestare la luna. 

Tuttavia, Gagarin rappresenta un momento nel tempo in cui la bolla della superiorità americana scoppiò temporaneamente. Rimane anche un simbolo di orgoglio nazionale per i cittadini russi.

Il risultato di Gagarin non è venuto fuori dal nulla. L'Unione Sovietica investì ingenti somme di denaro nella scienza, arrivando al punto di creare città scientifiche specializzate dove le élite intellettuali del paese potessero dedicarsi alla ricerca pura e applicata. La scienza, si credeva, fosse la chiave per il futuro.

Sfortunatamente per i sovietici, "la mano invisibile del mercato" si è rivelata una forza più forte, e quando l'Unione Sovietica è crollata, i fondi per la scienza in Russia si sono prosciugati. 

Un rapporto del 2010 di Thomson Reuters rilevò  "il totale abbandono della scienza fondamentale da parte dei governi post-sovietici in Russia, in particolare dal 1992 al 2002". Da allora la situazione è leggermente migliorata, ma l'incuria degli anni '90 ha lasciato il segno. 

Nel 2018, i russi hanno pubblicato 81.579 articoli di riviste scientifiche e tecniche in campi come fisica, biologia, chimica e matematica. Questo si confronta con 528.263 pubblicati in Cina e 422.808 negli Stati Uniti. Chiaramente, la Russia è molto indietro.

Detto questo, è ben lungi dall'essere un pesciolino scientifico.

I suoi 81.579 articoli lo collocano al settimo posto nel mondo, dopo Cina, America, India, Germania, Giappone e Regno Unito. Quando la polvere si è depositata dopo il crollo dell'Unione Sovietica, qualcosa è rimasto della vecchia infrastruttura scientifica. 

La Russia conserva alcune aree di specializzazione di livello mondiale. Questi includono fisica nucleare, aviazione e tecnologia militare. Il successo della Russia nella produzione rapida di tre vaccini per il virus Covid-19 è un segno che il paese conserva un notevole potenziale scientifico-tecnologico.

Un altro campo di competenza è lo spazio. 

Una settimana fa, il governo russo ha approvato una proroga fino a dicembre 2030 del suo accordo con gli Stati Uniti sulla cooperazione spaziale, e venerdì scorso un equipaggio russo-americano congiunto è stato lanciato con successo da Baikonur e si è unito alla Stazione Spaziale Internazionale. 

Nel frattempo, a marzo, Russia e Cina hanno deciso di lavorare insieme per costruire una base lunare congiunta.

L'agenzia spaziale russa Roscosmos ha dichiarato che l'avamposto lunare fornirebbe un'opportunità per "l'uso dello spazio esterno per scopi pacifici nell'interesse di tutta l'umanità". 

Una volta un'area di concorrenza, sembrerebbe che lo spazio ora sia una sfera di cooperazione internazionale.

In questo senso, forse sta finalmente incontrando il sogno dell'umanità che persegue un "compito comune", piuttosto che essere fonte di rivalità, come fu 60 anni fa quando Yuri Gagarin intraprese il suo eroico viaggio in orbita e aprì una nuova era in storia umana.

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

L'opposizione al capitale che non c'è di Paolo Desogus L'opposizione al capitale che non c'è

L'opposizione al capitale che non c'è

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer di Francesco Santoianni Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Caffè: i prezzi andranno alle stelle di  Leo Essen Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Caffè: i prezzi andranno alle stelle

In Cina i salari crescono più del Pil di Pasquale Cicalese In Cina i salari crescono più del Pil

In Cina i salari crescono più del Pil

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Paolo Mieli e la dittatura antifascista di Antonio Di Siena Paolo Mieli e la dittatura antifascista

Paolo Mieli e la dittatura antifascista

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund di Gilberto Trombetta "Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti