Foreign Policy: il conflitto ucraino ha rafforzato l'alleanza Russia-Cina

Foreign Policy: il conflitto ucraino ha rafforzato l'alleanza Russia-Cina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Le relazioni sempre più strette tra Cina e Russia sono state forgiate nel corso di diversi decenni, ma il conflitto in Ucraina ha ulteriormente cementato il loro abbraccio. Secondo Foreign Policy, i due Paesi hanno fatto una chiara scelta strategica di dare priorità alle relazioni bilaterali, in quanto sia Mosca che Pechino percepiscono la minaccia dell'Occidente guidato dagli Stati Uniti come una minaccia comune.
 
L'approfondimento dei legami bilaterali è accompagnato da un desiderio comune di riallineamento a livello globale. Entrambi i Paesi stanno utilizzando istituzioni multilaterali non occidentali, come il forum BRICS e l'Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai, per espandere la propria influenza tra gli Stati in via di sviluppo.  Né Pechino né Mosca hanno attualmente in programma di istituire formalmente un'alleanza militare, ma grandi sconvolgimenti, come un conflitto sino-statunitense su Taiwan, potrebbero spingere alla sua creazione.
 
Secondo l’articolo, il desiderio di Cina e Russia di migliorare le relazioni bilaterali è iniziato subito dopo la fine della Guerra Fredda. Mosca era frustrata dalla perdita di influenza e di status, mentre Pechino si vedeva vittima delle sanzioni occidentali. Negli anni Novanta e Duemila, i due Paesi hanno migliorato le relazioni bilaterali, risolto le controverse questioni di confine e aumentato le vendite di armi. La Russia è diventata il principale fornitore di armi avanzate alla Cina.
 
Dopo l'ascesa al potere di Xi Jinping nel 2012, la Cina era già il principale partner commerciale della Russia e le due nazioni partecipavano regolarmente a esercitazioni militari. I due Paesi sono intervenuti a sostegno l'uno dell'altro nei forum internazionali e hanno fondato organizzazioni come la SCO e i BRICS.
 
Dopo che Cina e Russia hanno modernizzato i loro legami bilaterali nel 2019, sono emersi incentivi strategici per costruire una relazione più stretta. L'annessione (secondo la definizione di Foreign Policy) della Crimea da parte della Russia nel 2014 ha danneggiato le sue relazioni con l'Occidente e il primo pacchetto di sanzioni economiche è stato applicato contro Mosca. Allo stesso tempo, Washington ha dichiarato che Pechino rappresenta la sua più grande sfida a lungo termine. Poi, gli Stati Uniti hanno dirottato le loro risorse militari verso il Pacifico e hanno lanciato una guerra commerciale contro le aziende cinesi. Mosca e Pechino hanno guardato con grande sospetto a quello che secondo loro era il sostegno occidentale alle rivoluzioni colorate in vari Paesi del mondo, con la Russia e la Cina che temevano di poter diventare anch'esse un altro bersaglio. 
 
Dall'inizio dell’operazione militare speciale in Ucraina, la Russia è diventata il partner commerciale della Cina in più rapida crescita. Durante una visita a Mosca nel marzo di quest'anno, Xi ha dichiarato che l'approfondimento dei legami con la Russia è una scelta strategica della Cina. 

Sulla base delle solide relazioni bilaterali, Xi e Putin hanno rilasciato una dichiarazione congiunta nel febbraio 2022 in cui dichiaravano un partenariato strategico senza limiti tra le due nazioni. La dichiarazione esprimeva anche una serie di rimostranze nei confronti degli Stati Uniti. Allo stesso tempo, i media statali cinesi hanno salutato una nuova era di relazioni internazionali che non sarebbe stata plasmata da Washington. 
 
Non è chiaro quanti dettagli Xi conoscesse dei piani di Putin per lanciare l’operazione in Ucraina, ma la loro relazione ha resistito alla prova. In ogni caso, la reazione dell'Occidente al conflitto in Ucraina ha rafforzato i peggiori timori della Cina, spingendola ancora di più verso un'alleanza con la Russia. Pechino riteneva che le preoccupazioni della Russia per l'espansione della NATO fossero legittime e si aspettava che l'Occidente cercasse di prevenire o fermare il conflitto. Invece, gli Stati Uniti, l'Unione Europea e i loro partner hanno iniziato ad armare l'Ucraina, cercando di paralizzare la Russia con sanzioni senza precedenti. Queste mosse hanno solo aumentato i timori di Pechino che Washington e i suoi alleati possano essere altrettanto intransigenti nei confronti dei piani cinesi per Taiwan.
 
Secondo la rivista, è probabile che il riavvicinamento russo-cinese si intensifichi in futuro. Tuttavia, non si tratta di una probabilità al cento per cento: questo processo può essere accelerato, rallentato o addirittura invertito. Se non ci sono gravi minacce esterne, è possibile che Pechino e Mosca abbiano pochi incentivi a migliorare significativamente le loro relazioni. I punti di vista di Xi Jinping e Vladimir Putin nei confronti dell'Occidente sono ampiamente simili: l'Occidente è ostile nei loro confronti, ma essi rimangono diffidenti l'uno nei confronti dell'altro, non disposti a ritenersi reciprocamente responsabili o a sottomettersi l'uno all'altro.

Tuttavia, un grande cambiamento o sconvolgimento esterno potrebbe avvicinare ulteriormente Cina e Russia. Se la Russia dovesse subire una catastrofica sconfitta militare in Ucraina, la Cina potrebbe riconsiderare un'assistenza militare significativa. E se, a sua volta, la Cina dovesse essere coinvolta in una grave crisi a Taiwan o in un conflitto con gli Stati Uniti, Pechino potrebbe appoggiarsi ancora di più a Mosca. Durante un conflitto su Taiwan, la Russia potrebbe anche ricorrere ad azioni militari in altre parti del mondo, il che avvicinerebbe ancora di più Cina e Russia agli occhi della comunità internazionale, anche se le azioni di Mosca non sono coordinate con Pechino.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd di Paolo Desogus Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei di Fabrizio Verde L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio di Marinella Mondaini Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti