Escalation al confine Bielorussia-Polonia: i soliti doppi standard dell'Unione Europea

Escalation al confine Bielorussia-Polonia: i soliti doppi standard dell'Unione Europea

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

La crisi migratoria al confine della Bielorussia con Lettonia, Lituania e Polonia è aumentata notevolmente di intensità lunedì 8 novembre. Diverse migliaia di migranti si sono avvicinati al confine polacco dalla Bielorussia e si rifiutano di lasciare l'area. Alcuni di loro hanno tentato di entrare in territorio polacco rompendo un recinto di filo spinato. I paesi dell'UE hanno accusato Minsk di aver deliberatamente provocato la crisi e hanno chiesto maggiori sanzioni contro la Bielorussia. Importanti e dure le prese di posizioni del presidente Lukashenko e delle autorità di Mosca.

 

L'Escalation

Nei report di fine ottobre al confine emergeva come le autorità polacche avessero già pianificato di inviare 2.500 soldati per aiutare le guardie di frontiera a proteggere l'area di confine dalla migrazione proveniente principalmente da quelle aree del mondo colpito dalle guerre e dalle sanzioni di Usa, Ue e Nato.

La parte polacca ha anche deciso di inviare l'unità della 10a Brigata di cavalleria corazzata con carri armati Leopard nella città di Biala Podlaska al confine con la Bielorussia. Inoltre, i carri armati statunitensi Abrams e German Leopard sono stati impiegati in esercitazioni in Lituania vicino ai confini con la Bielorussia.

La Polonia ha poi deciso di schierare 12.000 soldati nell'area dopo una riunione di emergenza tenuta nella giornata di lunedì, nella quale Varsavia ha accusato formalmente la Bielorussia di azioni ostili  nell'obiettivo di armare e spingere i migranti verso la frontiera condivisa.

Secondo gli ultimi rapporti, dalla parte bielorussa del confine si sono già radunati circa 3000-4000 migranti. Si stima, inoltre, che altri 10.000 si stiano preparando a entrare in Polonia. Lo ha affermato lunedì il portavoce del governo polacco Piotr Muller ai giornalisti al termine della riunione d’emergenza.

Il Comitato per il confine di Stato bielorusso ha ammesso come un folto gruppo di rifugiati dall'Asia e dall'Africa si stiano dirigendo verso il confine con la Polonia. Il ministero ha affermato che la situazione dei rifugiati al confine con la Polonia è rimasta estremamente tesa. Migliaia di rifugiati, tra cui un numero significativo di donne e bambini, si sono fermati davanti alle barriere polacche sulla linea di confine. Le forze di sicurezza polacche si sono rifiutate di lasciarli passare e da allora i migranti hanno tentato di superare le barriere.

Nella mattina di oggi le forze polacche hanno usato gas lacrimogeni contro i rifugiati e hanno dispiegato materiale militare vicino al campo profughi. I media presenti hanno registrato spari nella zona. Lo ha annunciato il Comitato di frontiera bielorusso, che sottolinea come la chiusura del checkpoint di Kuznica da parte polacca potrebbe essere stata causata dal tentativo di Varsavia di nascondere l'uso delle armi contro i profughi.

Nel frattempo, la portavoce del comitato di frontiera nella regione polacca di Podlaskie, Katarzyna Zdanovich, ha affermato che le guardie di frontiera polacche sentono periodicamente degli spari dalla parte bielorussa. Ha anche affermato come la Bielorussia stia ammassando forze militari al confine durante la crisi migratoria. "Stiamo monitorando la situazione dall'alto. Stiamo osservando i soldati lì. Ce ne sono sempre di più", lo ha dichiarato ai giornalisti.

 

La presa di posizione di Minsk

 

Il presidente bielorusso Alexander Lukashenko ha affermato che i paesi occidentali sono i veri responsabili di questi sviluppi perché sono proprio le loro azioni che hanno portato le persone a fuggire dai paesi devastati dalle guerre scatenate da loro. Lukashenko ha definito un ricatto le azioni più recenti della Polonia, poiché Varsavia ha inviato carri armati Leopard al confine con la Bielorussia sulla scia dell'attuale escalation di crisi tra i due stati innescata dai tentativi di migranti illegali di penetrare nel territorio dell'UE.

"Combattere contro i migranti con i Leopard? Siamo esperti militarmente e capiamo cosa significa oggi fare la guerra con questa povera gente al confine della Polonia con, diciamo, la Bielorussia, e far avanzare colonne di carri armati. È ovvio che questo è o una sorta di addestramento o ricatto", ha detto Lukashenko in un'intervista ripresa oggi da BelTA. "Devi essere d'accordo con me che nel mondo di oggi, impugnare le armi equivale alla morte o al suicidio. Soprattutto qui, nel cuore dell'Europa e ancora di più [in un conflitto] con la Bielorussia. Hai sempre scatenato tutte le guerre su questo pezzo di terra al centro e tutto è cominciato da qui. Non hai imparato niente dalla storia?" ha sottolineato Lukashenko.

Significativa la presa di posizione del ministero degli esteri della Bielorussia sempre di oggi. Rispondendo alla domanda dell'agenzia di stampa "Interfax-Zapad" sulla situazione attuale al confine bielorusso-polacco 09 novembre 2021, riportiamo la traduzione della nota: “L'escalation della situazione migratoria vicino al confine bielorusso-polacco desta serie preoccupazioni per il destino delle persone, che cercano con ogni mezzo la possibilità di entrare in uno dei paesi dell'UE. La situazione stessa è una diretta conseguenza di Varsavia nell’aver ignorato la realtà e il suo atteggiamento restio alla risoluzione di gravi problemi presenti. Con questo in mente, i tentativi falliti della Polonia di trasferire la responsabilità dello sviluppo dinamico della situazione migratoria sulla Bielorussia sembrano piuttosto fragili. Abbiamo ripetutamente incoraggiato i nostri vicini ad avere un dialogo significativo e un'interazione costruttiva tra le agenzie competenti per discutere importanti questioni transfrontaliere di indubbio interesse comune. La libera interpretazione e il rispetto selettivo dei diritti umani sono già diventati uno stile distintivo dei sostenitori della democratizzazione forzata di singoli paesi e intere regioni. È questa democratizzazione che provoca tali flussi migratori. Crediamo che l'atteggiamento della Polonia nei confronti degli stranieri in cerca di asilo e protezione diventerà un altro test e una delega che dimostrerà la vera adesione del governo polacco ai principi del diritto internazionale, dell'umanesimo, degli elevati standard democratici nella sfera della protezione dei diritti umani. Vorremmo mettere in guardia in anticipo la parte polacca dall'usare qualsiasi provocazione diretta contro la Repubblica di Bielorussia per giustificare possibili azioni illegali e forzate contro persone svantaggiate disarmate, tra le quali ci sono molti bambini e donne minorenni.”

Intanto il ministero della Difesa bielorusso ha convocato l'addetto militare della Polonia, martedì pomeriggio, per le migliaia di migranti che si sono ammassati al confine tra i due paesi europei. Lo ha annunciato il dipartimento sul suo account Twitter. Il colonnello Jaroslaw Kembrowski, che è addetto all'ambasciata polacca in Bielorussia, è stato chiamato per l'escalation della crisi.  "All'addetto militare polacco è stato detto che le accuse della parte polacca secondo cui l'esercito bielorusso è responsabile della crisi dei migranti al confine tra Polonia e Bielorussia sono infondate e illegali", ha detto il servizio stampa del ministero a Belta News, aggiungendo che sono preoccupati per il numero delle truppe polacche ammassate al confine.

 

Le prese di posizioni dalla Russia

 

Importanti le parole del ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov di oggi che ha invitato i paesi dell'Unione europea a evitare doppi standard nell'affrontare la crisi migratoria al confine tra Bielorussia e Polonia e Lituania. Vi riproponiamo le intere dichiarazioni tradotte da Un altro Punto di Vista: "È necessario evitare doppi standard in questa situazione e utilizzare un approccio comune per quanto riguarda la posizione delle nazioni dell'Unione europea", ha detto martedì in una conferenza stampa. È inammissibile usare standard diversi per la Polonia e l'Italia quando Bruxelles considera la questione di come Varsavia e Roma si stanno comportando in relazione all'afflusso di migranti. È anche necessario evitare i doppi standard in relazione ai paesi da cui provengono i rifugiati", ha affermato. Il massimo diplomatico russo ha ricordato che quando i rifugiati raggiungevano l'Europa dalla Turchia, l'Unione europea stanziava fondi per tenerli in Turchia. "Perché non possono aiutare la Bielorussia in questo modo? Anche la Bielorussia ha bisogno di soldi per garantire condizioni normali ai rifugiati che Lituania e Polonia sono riluttanti a far entrare. Queste persone non vogliono rimanere in Bielorussia o in Turchia, vogliono andare in Europa, che ha pubblicizzato i suoi stili di vita per anni. Si dovrebbe essere responsabili delle proprie azioni", ha sottolineato Lavrov. "Questa crisi deriva dalla politica che la NATO e i paesi dell'UE hanno perseguito per anni in Medio Oriente e Nord Africa, cercando di imporre loro una vita migliore e la visione occidentale della democrazia", ha affermato, aggiungendo che l'Iraq, la Libia e la Siria sono state vittime di questa politica. "Queste azioni sconsiderate hanno generato flussi di rifugiati senza precedenti. Quindi, mentre si fa qualsiasi passo, è necessario ricordare da dove ha avuto origine tutto questo e chi ne è responsabile", ha sottolineato. Secondo l'alto diplomatico russo, la responsabilità di risolvere questa crisi ricade su coloro "che hanno creato le condizioni per lo scoppio di questa crisi". Ha anche insistito che la crisi migratoria sia risolta sulla base del diritto internazionale. "Penso che qualsiasi soluzione a questo problema debba basarsi sul pieno rispetto dei principi del diritto internazionale", ha sottolineato.

"Le tensioni in Europa sono in aumento da molti anni e la situazione dei migranti al confine orientale dell'UE è solo una parte del quadro generale", ha detto sui social la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova in risposta ai commenti di Lukasz Jasina, il Portavoce del ministero degli Esteri polacco, che ha affermato che la Russia starebbe approfittando della crisi al confine polacco-bielorusso. "Non facciamo finta che sia iniziato ieri. La situazione al confine orientale dell'UE è solo una parte del quadro generale. L'incapacità di vederlo, capirlo e ammetterlo - questo è ciò che costituisce lo stravolgimento dei fatti e la menzogna. La menzogna del peggior tipo che possa mai esistere - mentire a sé stessi'', ha detto. Il diplomatico ha affermato che le tensioni in Europa sono in aumento da molti anni, il che è avvenuto "prima di tutto a causa della perdita di indipendenza di alcuni dei suoi paesi per ingraziarsi i paesi non europei nell'attuazione della loro agenda politica, e anche per all'ingerenza irresponsabile negli affari degli Stati sovrani e al doppio standard nell'approccio ai più importanti principi democratici'', ha affermato.

Ci sono molti esempi, ha detto la portavoce. "La distruzione della statualità irachena, avvenuta a causa delle azioni dell'amministrazione statunitense e degli stati alleati, ha causato spostamenti tettonici nella regione. La ''primavera araba'' sponsorizzata dall'Occidente, la campagna della NATO contro la Libia, l'interferenza della Occidente collettivo negli affari della Siria e il sostegno del terrorismo internazionale lì e, soprattutto, l'emergere dell'ISIS (il vecchio nome del gruppo terroristico IS, che è vietato in Russia) sulle rovine dello stato iracheno - tutto ciò che ha ha portato a un esodo di massa di rifugiati e migranti da quella parte del mondo verso l'Europa. E, naturalmente, le campagne di informazione che si fondano sull'umiliazione delle tradizioni e dei valori di alcuni popoli e culture a favore di altri", ha detto Zakharova.

"Ripeto quanto ha appena detto il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov. La responsabilità della risoluzione della crisi migratoria al confine polacco-bielorusso è dell'Occidente, che l'ha provocata con le sue azioni in Medio Oriente. E deve essere completamente risolto nel rispetto del diritto internazionale umanitario'', ha affermato il diplomatico.

La portavoce ha anche invitato la sua collega polacca, invece di tenere conferenze sulle tensioni nel continente europeo, ad occuparsi di ''proteggere i diritti dei giornalisti che vengono cacciati dagli avamposti di frontiera dalle forze polacche che usano una censura fisica aggressiva compreso il blocco dei telefoni cellulari e connessione internet ed effetti sonori e flash.

 

Considerazioni finali

 

Il presidente polacco ha chiamato "con urgenza" la Tikhanovskaya, “autoproclamata” presidente dopo le ultime elezioni vinte da Lukashenko e ribattezzata la “Guaidò bielorussa”. Duda ha ringraziato la sua "collega" "per il suo sostegno e la sua posizione chiara sulla crisi al confine". L'entourage del "vero presidente della Bielorussia" ha riferito che sono state discusse le possibili misure per affrontare la situazione e la consegna di aiuti umanitari.

Dopo Duda anche il premier polacco ha ulteriormente incendiato la situazione con queste dichiarazioni riprese dall'AGI: "C'è il presidente russo Vladimir Putin dietro la crisi dei migranti alla frontiera fra Bielorussia e Polonia: ne è convinto il premier polacco, Matteusz Morawiecki. Il presidente bielorusso Alexander Lukashenko, ha affermato Morawiecki in una riunione di emergenza del Parlamento polacco, è "l'esecutore dell'ultimo attacco, ma questo attacco ha il suo mandante a Mosca ed è Putin".

La perfetta sintesi di tutta la vicenda la fornisce il ministro degli esteri russo Lavrov. Ve la riproponiamo in conclusione: "È necessario evitare doppi standard in questa situazione e utilizzare un approccio comune per quanto riguarda la posizione delle nazioni dell'Unione europea", ha detto martedì in una conferenza stampa. È inammissibile usare standard diversi per la Polonia e l'Italia quando Bruxelles considera la questione di come Varsavia e Roma si stanno comportando in relazione all'afflusso di migranti. È anche necessario evitare i doppi standard in relazione ai paesi da cui provengono i rifugiati". E' necessario ma impossibile per un'Unione Europea ormai totalmente impantanata dalla russofobia dei regimi di estrema destra dell'Est Europa.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Renatino è un crumiro infelice di Giorgio Cremaschi Renatino è un crumiro infelice

Renatino è un crumiro infelice

ComeDonChisciotte, lo spettacolo triste dei falliti "scoop" di Fanpage di Francesco Santoianni ComeDonChisciotte, lo spettacolo triste dei falliti "scoop" di Fanpage

ComeDonChisciotte, lo spettacolo triste dei falliti "scoop" di Fanpage

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"   di Bruno Guigue Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Il mondo delle Scommesse e dei soldi facili negli Usa di  Leo Essen Il mondo delle Scommesse e dei soldi facili negli Usa

Il mondo delle Scommesse e dei soldi facili negli Usa

Quando Prodi cerca le cause dell'inflazione... di Pasquale Cicalese Quando Prodi cerca le cause dell'inflazione...

Quando Prodi cerca le cause dell'inflazione...

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

“L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo! di Roberto Cursi “L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo!

“L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo!

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti