Egemonia (9). Il genocidio a Gaza e il collasso della propaganda occidentale - Patrick Lawrence

Egemonia (9). Il genocidio a Gaza e il collasso della propaganda occidentale - Patrick Lawrence

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Alessandro Bianchi


Assistiamo ad un cambiamento reale della propaganda occidentale nel racconto delle barbarie a Gaza? C’è uno scontro vero nell’oligarchia statunitense al potere sul come relazionarsi con l’alleato israeliano? E se sì, perché adesso?

Queste sono le domande principali che abbiamo rivolto, per "Egemonia", ad un grande giornalista statunitense, un maestro, Patrick Lawrence – scrittore, inviato per molti anni all'estero principalmente con l'International Herald Tribune ed oggi uno dei massimi conoscitori e svelatori della propaganda occidentale. In un recente articolo su Scheer Post, Lawrence ha illustrato magistralmente il fallimento etico dentro il principale quotidiano statunitense, il New York Times, dove si è prodotta una spaccatura che esemplifica molto bene la frattura morale dell’occidente. “Israele ha osato e ha chiesto qualcosa che ora non è più tollerabile”.  La pulizia etnica e le sofferenze indicibili prodotte dallo stato ormai “paria” – lo ribadisce più volte Lawrence nella sua analisi - non può essere più nascosto e sta producendo un cambio di percezione reale. Avvertibile anche in colonia Italia, gli facciamo presente, con articoli di diverso tenore da parte di Repubblica e con il PD che ora ha la “libertà” di presentare una mozione in cui si accorge di 75 anni di massacri.

Il via libera, lo comprendiamo bene nel confronto con Lawrence, è partito dal dibattito che sta nascendo negli Stati Uniti. “Il sostegno alle brutalità quotidiane degli israeliani sta facendo letteralmente a pezzi il mio paese”, sostiene il grande giornalista statunitense, secondo il quale gli storici quando dovranno scrivere “la fase finale dell’impero statunitense vedranno nella crisi di Gaza un ruolo chiave”.

Abbiamo insistito molto, per comprendere insieme a lui il cambio di passo, sul coraggio del Sudafrica, sul chiaro rifiuto della comunità internazionale (meno l’occidente) a chiudere gli occhi sulle barbarie israeliane e abbiamo trovato conferma sul ruolo decisivo avuto dalla decisione del tribunale dell'Aia nel fare implodere definitivamente gli Stati Uniti (e quindi i suoi vassalli). “Dopo Gaza e dopo quella decisione, ora è improbabile che l'Israele dell'apartheid recuperi il posto nella comunità delle nazioni. Ora è tra i paria.”  

I veri sconfitti, su questo Lawrence non ha dubbi, sono i media occidentali. Nel commentare il suo lungo reportage su Scheer Post in cui analizza lo scontro enorme all’interno del New York Times - da cui, questo lo aggiungiamo noi, deriva anche la differente percezione in Italia della vicenda - il giornalista ci ricorda come dopo il 7 ottobre il NYT ha subito rivestito il ruolo di apologeta di Israele. “L'intento genocida di Israele era volutamente nascosto e la distruzione di Gaza non veniva mai descritta come sistematica. L'IDF non prendeva di mira i civili”. Come fonti e “prove” venivano prese come dati di fatto le dichiarazioni dei funzionari e dei militari israeliani senza mai che venissero messe in dubbio. “Prendete ad esempio l’articolo del 22 gennaio del NYT di David Leonhardt dal titolo "Il declino delle morti a Gaza" che vuole dimostrare (su fonti israeliane!) che le morti civili palestinesi si siano dimezzate dal mese precedente. Come se 150 morti invece che di 300 al giorno non sia un massacro!”.

L’operazione dei media occidentali che Lawrence analizza alla perfezione è stata quella di far credere che la storia abbia avuto inizio il 7 ottobre. Ci domanda: “Avete per caso letto la storia palestinese sui media italiani? Perché nei media statunitensi non è esistita”. Silenzio.

Il punto di non ritorno, Lawrence non ha dubbi, è stato il lavoro di Jeffrey Gettleman sui presunti stupri “come arma di terrore” da parte delle milizie di Hamas. “Ha infangato il nome del New York Times” e messo “in subbuglio il principale giornale statunitense”. “Tutte le affermazioni di quell’articolo che ha purtroppo fatto il giro del mondo e arrivato come mi dici anche nel vostro paese si basavano su illazioni ridicole, senza nessuna prova. Testimonianze inconsistenti e video che non dimostrano nulla. Fino al tonfo - prosegue Lawrence - della ‘donna con il vestito nero’, in riferimento a un cadavere trovato e filmato sul ciglio di una strada l'8 ottobre. Gli ultimi messaggi della donna smentiscono la ricostruzione del giornalista del New York Times, che ha subito anche gli attacchi della famiglia della donna di nome Abdush, che lo ha accusato di aver distorto le prove e di averle manipolate nel corso del suo reportage. “Blumenthal e Aaron Maté su The Grayzone, hanno iniziato a esaminare i servizi del Times sulle presunte violenze sessuali subito dopo la pubblicazione del primo articolo di Gettleman, il 4 dicembre. Vi invito a leggere il loro lavoro esaustivo. Non c’è veramente null’altro da aggiungere”.

Da quel reportage il giornale è esploso ed ha iniziato a cambiare rotta. “Il merito di Jeffery Gettleman è stato quello di aver alzato il velo di Maya di tutto il mainstream. CNN, The Guardian, MSNBC, PBS e altri ancora: tutti avevano seguito la stessa procedura riproducendo la storia dell'abuso sessuale sistematico così come gli israeliani l'hanno fornita.” Facciamo presente che anche i vari media italiani avevano fatto lo stesso.

Il merito di Gettleman è stato, dunque, quello di aver aperto uno squarcio e, sottolinea Lawrence, da allora il NYT ha iniziato a pubblicare reportage sulle barbarie dei coloni in Cisgiordania e addirittura i video “dei soldati israeliani: Che incitano alla distruzione e deridono i gazesi". Perché ora? Gli domandiamo. Non ha risposte certe Lawrence, ma un riferimento storico illuminante indica il sentiero da seguire. “Come per il Vietnam, il Times iniziò a scrivere dei massacri nel sudest asiatico quando le oligarchie politiche di Washington iniziarono a dividersi. L'atmosfera a Washington sta cambiando. C'è una frattura a Capitol Hill che diventa sempre più evidente”.

Prima dell’inizio di una campagna elettorale negli Stati Uniti che vedrà inevitabilmente il genocidio a Gaza come uno dei temi di riferimento, l’atmosfera a Washington sta cambiando e si aprono spazi anche in Colonia Italia. Si spiegano così alcuni articoli più neutri di Repubblica, le prese di posizione del Pd e una differente percezione nel mainstream della questione. Perché, come spiega Lawrence, Israele ha chiesto ai suoi propagandisti qualcosa che non poteva essere accettato per un periodo lungo: mettere da parte il minimo senso del pudore etico e di umanità. Il regime israeliano ha rischiato e perso, mettendo l'occidente dinanzi ad un bivio tremendo della sua storia. Tutto questo è stato possibile grazie al coraggio del Sudafrica e di tutta la comunità internazionale, quella vera, che non si è mai piegata alle barbarie e alle tentate imposizioni. E la propaganda occidentale ne esce, nuovamente, sconfitta.

LEGGI:

Nasce "Egemonia" di Alessandro Bianchi

"Egemonia" (1). I responsabili del massacro a Gaza: quale ruolo per la diplomazia e il diritto internazionale? - Alberto Bradanini

"Egemonia" (2). "L'Afghanistan dei talebani: quello che non vi raccontano" - Pino Arlacchi

"Egemonia" (3). Gaza e non solo: "L'Italia della Meloni ultima pedina del carro" - Elena Basile

Egemonia (4). Dove è finita la classe dirigente europea? - Alberto Bradanini


Egemonia (5). Linea rossa Taiwan - Laura Ruggeri

Egemonia (6). Hamas e le menzogne su Gaza - Patrizia Cecconi (PRIMA PARTE)

Egemonia (7). Hamas, il 7 ottobre e la profezia dello sceicco Yassin - Patrizia Cecconi (SECONDA PARTE)

Egemonia (8). Come il neoliberismo si è impossessato delle nostre menti - Ernesto Limia Díaz

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi di Pasquale Cicalese Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti