Editoriale di Xi Jinping su Ria Novosti per la visita a Mosca - Traduzione in italiano

Editoriale di Xi Jinping su Ria Novosti per la visita a Mosca - Traduzione in italiano

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Traduzione in italiano dell'editoriale del presidente Xi Jinping per Ria Novosti e Rossiyskaya Gazeta scritto in occasione della sua visita in Russia


----------


Su invito del Presidente Vladimir Putin, mi recherò in visita di Stato nella Federazione Russa. Dieci anni fa, la mia prima visita all'estero dopo essere stato eletto Presidente della Repubblica Popolare Cinese è stata in Russia. Nel corso di questi dieci anni, ho già visitato la Russia otto volte. Grazie a queste visite, che danno sempre grandi soddisfazioni e risultati, il Presidente Vladimir V. Putin e io abbiamo aperto un nuovo capitolo. Putin ha aperto un nuovo capitolo nella cronaca delle relazioni sino-russe.

 

La Cina e la Russia sono grandi vicini, partner strategici in una cooperazione globale, potenze mondiali di primo piano e membri permanenti del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. Entrambi i Paesi perseguono una politica estera indipendente e autonoma e considerano le relazioni Cina-Russia una priorità diplomatica assoluta.

Le relazioni sino-russe si stanno sviluppando secondo una chiara logica storica e su un forte motore interno. Da 10 anni, la cooperazione bilaterale si sta sviluppando in modo dinamico in tutti gli ambiti e sta entrando in una nuova era.

I contatti ad alto e altissimo livello svolgono svolgono un ruolo importante e sono di costante importanza strategica.

Meccanismi sofisticati per gli scambi e i contatti ad alto e altissimo livello e un'ampia struttura di cooperazione multiforme costituiscono un importante accompagnamento sistematico e istituzionale allo sviluppo delle relazioni bilaterali. Nel corso degli anni, il Presidente Vladimir V. Putin e io abbiamo mantenuto stretti rapporti di lavoro. Putin abbiamo mantenuto stretti rapporti di lavoro. Nel corso di oltre 40 incontri su piattaforme bilaterali e internazionali, abbiamo dato priorità alla cooperazione pratica in tutti i settori, sincronizzato i nostri orologi in modo tempestivo su questioni internazionali e regionali di interesse reciproco e stabilito il tono per lo sviluppo sostenibile delle relazioni bilaterali.

Le due parti stanno continuamente rafforzando la fiducia politica reciproca, creando un nuovo paradigma di relazioni tra le grandi potenze.

Cina e Russia aderiscono al concetto di amicizia eterna e di cooperazione reciprocamente vantaggiosa. Le relazioni bilaterali si basano sui principi del non allineamento, del non confronto e del non colpire terzi. I due Paesi si sostengono reciprocamente nel perseguire la via dello sviluppo in linea con le realtà nazionali e nel realizzare lo sviluppo e la rinascita. I legami bilaterali, maturi e stabili, si rafforzano costantemente e costituiscono un punto di riferimento per un nuovo tipo di relazioni interstatali caratterizzate da rispetto reciproco, coesistenza pacifica e cooperazione reciprocamente vantaggiosa.

Le parti stanno costruendo un'architettura di interazione completa e multivettoriale.

Grazie agli sforzi congiunti, nel 2022 il fatturato commerciale ha raggiunto la cifra record di 190 miliardi di dollari, con un aumento del 116% rispetto a 10 anni fa.

Per 13 anni consecutivi, la Cina si è posizionata come primo partner commerciale della Russia. Il volume degli investimenti reciproci dei due Paesi continua a crescere. Sono in corso di realizzazione numerosi progetti di cooperazione di importanza strategica nei settori dell'energia, dello spazio, dell'aviazione e dell'interconnessione dei trasporti.

La cooperazione in settori nuovi come l'innovazione scientifica e tecnologica e il commercio elettronico transfrontaliero è ancora vivace. La cooperazione interregionale sta rapidamente guadagnando slancio. Tutto questo non solo porta benefici reali alla gente comune, ma dà anche un impulso inesauribile allo sviluppo di entrambi i Paesi.

Le due parti stanno mettendo in pratica il concetto di amicizia tramandato di generazione in generazione, con un'amicizia tradizionale che si rafforza di giorno in giorno.

Alla vigilia del 20° anniversario del Trattato di Buon Vicinato, Amicizia e Cooperazione tra Cina e Russia, il Presidente Vladimir V. Putin ed io abbiamo deciso di estendere il Trattato con nuovi contenuti, tenendo conto delle nuove realtà. Putin ha deciso di estendere il trattato e di riempirlo di nuovi contenuti, tenendo conto delle nuove realtà dei tempi. Il successo dell'attuazione degli otto anni tematici incrociati porta l'amicizia e la cooperazione a nuovi livelli. I popoli dei nostri Paesi si sono sostenuti a vicenda finanziariamente e moralmente nella lotta contro il coronavirus, il che è un'ulteriore prova del fatto che "gli amici si vedono nel momento del bisogno".

Le due parti lavorano a stretto contatto sulla scena internazionale e hanno grandi responsabilità in quanto grandi potenze.

La Cina e la Russia sostengono fermamente il sistema internazionale incentrato sulla Nazioni Unite e l'ordine mondiale basato sul diritto internazionale, nonché le norme e i principi fondamentali delle relazioni internazionali basati sugli scopi e sui principi della Carta delle Nazioni Unite, coordinano e cooperano strettamente nell'ambito delle Nazioni Unite, della SCO, dei BRICS, del G20 e di altre piattaforme internazionali, e compiono sforzi congiunti per promuovere il multipolarismo e la democratizzazione delle relazioni internazionali.

Realizzeremo efficacemente un vero multipolarismo, promuoveremo i valori umani universali e sosterremo l'istituzione di un nuovo tipo di relazioni internazionali e di una comunità di destino comune per tutta l'umanità.

Le relazioni tra Cina e Russia hanno fatto molta strada in più di 70 anni. Guardando al passato, siamo profondamente consapevoli che l'attuale livello delle relazioni sino-russe non è stato facile, e dovremmo preservare con cura l'immutata amicizia tra Cina e Russia.

La storia e la pratica dimostrano che, di fronte alle turbolenze globali, le relazioni sino-russe hanno superato la prova della forza grazie al fatto che abbiamo intrapreso la strada giusta per costruire legami interstatali.

La mia prossima visita in Russia mira a rafforzare l'amicizia, la cooperazione e la pace. Sono pronto, insieme al presidente Vladimir Putin, a elaborare nuovi piani e misure per aprire nuove prospettive per le relazioni Cina-Russia di partenariato globale e interazione strategica.

Le parti dovrebbero concentrarsi su una pianificazione globale con un occhio agli obiettivi di sviluppo nazionale, aprire nuove opportunità con un approccio innovativo e coltivare nuovi motori. È importante promuovere la fiducia reciproca e sbloccare le potenzialità per mantenere lo slancio sostenuto delle relazioni sino-russe a un livello elevato.

Promuoveremo l'espansione parallela del volume e della qualità degli investimenti e della cooperazione economica, rafforzeremo il coordinamento politico, creeremo un ambiente più favorevole alla cooperazione per gli investimenti di alta qualità, espanderemo il commercio bilaterale, amplieremo gli interessi comuni ed esploreremo nuovi punti di crescita, costruiremo una struttura di sviluppo caratterizzata da scambi tradizionali complementari e compatibili e da nuove forme di cooperazione, e continueremo a lavorare insieme per l'integrazione.

Dobbiamo approfondire i legami culturali e umanitari, organizzare anni di cooperazione di alto livello nella cultura fisica e nello sport, liberare il potenziale del meccanismo di cooperazione interregionale, intensificare i contatti tra le province gemellate, le province e le città, incoraggiare gli scambi umani, ripristinare la cooperazione turistica tra i due Paesi, organizzare eventi come campi estivi, istituzioni educative congiunte per rafforzare continuamente l'amicizia e la comprensione reciproca tra i popoli, principalmente attraverso i giovani.

Il mondo moderno sta subendo profondi cambiamenti. La pace, lo sviluppo, la cooperazione e il beneficio reciproco sono tendenze storiche inarrestabili. Il multipolarismo, la globalizzazione economica e la democratizzazione delle relazioni internazionali sono tendenze irreversibili.

Allo stesso tempo, le sfide di sicurezza tradizionali e non tradizionali sono in rapido aumento. Gli atti di egemonia, dispotismo e prepotenza stanno causando gravi danni al mondo. La strada da percorrere per ricostruire l'economia mondiale è molto lunga. La comunità internazionale è più che mai preoccupata di trovare una via d'uscita alla crisi.

Nel marzo 2013, intervenendo al MGIMO, ho ricordato che "l'interconnessione e l'interdipendenza di tutti i Paesi hanno raggiunto un livello senza precedenti. L'umanità vive in un unico villaggio globale, diventando una stretta comunità con un unico destino".

La Belt and Road Initiative, la Global Development Initiative, la Global Security Initiative e la Global Civilizations Initiative, che ho presentato in quell'occasione, sono state utili per dare corpo all'essenza della comunità di un unico destino dell'umanità e ai mezzi per realizzarla, che sono serviti come versione cinese per rispondere in modo appropriato ai cambiamenti del mondo, dell'epoca e della storia.

In 10 anni, valori universali come pace, sviluppo, uguaglianza, giustizia, democrazia e libertà si sono radicati profondamente nel cuore delle persone. Sempre più Paesi sono uniti dal desiderio comune di un mondo pulito e bello, fatto di pace duratura, sicurezza comune, prosperità condivisa, apertura e tolleranza. La comunità internazionale è perfettamente consapevole che nessun Paese al mondo è migliore di un altro. Non esiste un modello di governance uguale per tutti e non esiste un ordine mondiale in cui un solo Paese abbia l'ultima parola. La solidarietà e la pace nel mondo, senza divisioni e disordini, sono nell'interesse comune di tutta l'umanità.

Dall'inizio dello scorso anno, la crisi ucraina si è totalmente aggravata. La Cina ha sempre assunto una posizione obiettiva e imparziale, basata sull'essenza stessa di ciò che sta accadendo, e ha compiuto sforzi attivi per promuovere la riconciliazione e i negoziati di pace.

La serie di visioni che ho espresso costituiscono un principio fondamentale della gestione della crisi ucraina da parte della Cina. Queste includono la necessità di rispettare gli scopi e i principi della Carta delle Nazioni Unite, di rispettare le legittime preoccupazioni di tutti gli Stati in materia di sicurezza, di sostenere tutti gli sforzi per risolvere pacificamente la crisi ucraina e di garantire la stabilità delle catene di produzione e di approvvigionamento globali.

La recente pubblicazione della "Posizione cinese su una soluzione politica alla crisi ucraina", tenendo conto delle preoccupazioni razionali di tutte le parti, riflette il più possibile l'unità di vedute della comunità mondiale sul superamento della crisi ucraina.

Il documento funge da fattore costruttivo per neutralizzare le conseguenze della crisi e far progredire una soluzione politica. Non esistono soluzioni semplici a problemi complessi.

Siamo convinti che una via d'uscita razionale dalla crisi ucraina e il cammino verso una pace duratura e una sicurezza universale nel mondo si troveranno se tutti saranno guidati dal concetto di sicurezza comune, globale, cooperativa e sostenibile e se continueranno il dialogo e la consultazione in modo equo, prudente e pragmatico.

Prima di risolvere i problemi globali, bisogna risolvere i propri affari. Il Partito Comunista Cinese, che riunisce e guida il popolo cinese, sta perseguendo in modo globale la grande rinascita della nazione cinese attraverso la modernizzazione cinese, che si caratterizza per il coinvolgimento di un'enorme popolazione, per il raggiungimento della prosperità universale, per lo sviluppo armonioso della cultura materiale e spirituale, per la coesistenza armoniosa con la natura e le persone e per il perseguimento della via dello sviluppo pacifico.

Queste caratteristiche distintive della Cina si sono formate sulla base di molti anni di pratica e di una profonda valutazione dell'esperienza internazionale. Promuoveremo vigorosamente la modernizzazione della Cina, ci impegneremo per realizzare uno sviluppo di alta qualità ed espanderemo costantemente l'apertura verso l'estero. Sono certo che ciò offrirà nuove opportunità a tutti i Paesi del mondo, compresa la Russia.

L'anno inizia con la primavera e il successo inizia con le azioni. Ci sono tutte le ragioni per credere che la Cina e la Russia, in quanto compagne di viaggio nello sviluppo e nella rinascita, daranno un contributo maggiore al progresso della civiltà umana.

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti