Delcy Rodriguez in Russia: l'Impatto delle sanzioni sulla politica energetica globale

Delcy Rodriguez in Russia: l'Impatto delle sanzioni sulla politica energetica globale

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

L'alleanza tra Russia e Venezuela, nel contesto di un mondo multipolare in rapida evoluzione, si configura come un elemento cruciale nell'attuale panorama geopolitico ed economico. La storia di entrambi i paesi, caratterizzata da pressioni e sanzioni da parte delle potenze imperialiste, ha spinto questi attori a cercare modi innovativi per difendere i propri interessi e promuovere una maggiore indipendenza economica.

L'analisi della vicepresidente venezuelana, Delcy Rodríguez, rivelando le gravi conseguenze delle misure coercitive imposte da alcune nazioni, sottolinea quanto sia essenziale trovare soluzioni alternative per proteggere il mercato energetico mondiale e promuovere la stabilità economica.

Le misure coercitive unilateralmente imposte dagli Stati Uniti e dai loro alleati contro i principali produttori mondiali di idrocarburi hanno scatenato la prima crisi energetica globale di questo secolo, ha dichiarato a tal proposito la vicepresidente del Venezuela, Delcy Rodríguez, nell'edizione attuale della Settimana Russa dell'Energia, che si tiene tra l'11 e il 13 ottobre a Mosca, come riporta l’agenzia Sputnik.

"Si tratta di un colpo duro inflitto al mercato energetico e che ha causato, inoltre, la prima crisi energetica globale di questo secolo", ha denunciato Rodríguez, che è giunta in Russia alla testa di un'ampia delegazione di alto livello del Venezuela per avanzare nelle relazioni bilaterali.

Secondo Rodríguez, che ha partecipato a un panel al quale hanno preso parte anche figure come Alexandr Novak, vicepremier russo, e il ministro del Petrolio dell'Iran, Javad Owji, "ci sono 930 sanzioni illecite e illegittime contro il Venezuela che sono assolutamente in vigore".

"L'impatto che ciò ha avuto sull'economia venezuelana è devastante. In cinque anni, il Venezuela ha perso la produzione di 3.995 milioni di barili, una cifra astronomicamente elevata che rappresenta 232.000 milioni di dollari", ha dichiarato la vicepresidente, sottolineando che se si tiene conto di "quanto contribuiva la produzione al Prodotto Interno Lordo venezuelano nello stesso periodo, la perdita è stata di 642.000 milioni di dollari".

"Sono cifre enormi, terribili, che, senza dubbio, hanno colpito il Venezuela", ha ribadito Rodríguez, sottolineando che sono state colpite anche altre nazioni dei Caraibi, tra cui Haiti, "dove la cooperazione venezuelana ha raggiunto i 4 miliardi di dollari in quattro anni, e oggi Haiti è uno Stato fallito".

Ha evidenziato che il suo paese, con sforzo proprio dal 2021, cerca di riprendersi economicamente, nonostante "in cinque anni il Venezuela abbia perso la produzione di 3.995 milioni di barili". Ha sottolineato che i paesi sanzionati dagli Stati Uniti e dai loro satelliti hanno un elemento comune, ovvero il petrolio. "Sono 31 paesi nel mondo che sono sanzionati, ma l'obiettivo geostrategico sono i paesi esportatori di petrolio e l'idea è quella di colpire l'equilibrio energetico mondiale", ha detto.

Il fulcro della politica estera degli Stati Uniti è stato concentrato nell'imporre sanzioni e promuovere la guerra in tutto il mondo, "è un obiettivo geostrategico, garantirsi la loro fonte energetica per le proprie esigenze e il mercato", ha affermato.

Il danno per l'Europa

Le restrizioni occidentali imposte alla Russia, il principale produttore di gas del pianeta e un gigante petrolifero globale, hanno seriamente danneggiato i paesi dell'Europa centrale e orientale, ha constatato la vicepresidente venezuelana. "Ad esempio, per quanto riguarda la vita dei cittadini europei, hanno bollette energetiche molto più costose per il riscaldamento, l'elettricità e i trasporti", ha osservato.

"Oggi l'Europa paga il gas il 30% più caro", ha aggiunto Rodríguez, citando il presidente russo, Vladimir Putin. "Ciò che è avvenuto in Europa è un chiaro spostamento dal principale fornitore di gas, cioè la Russia", ha aggiunto, sottolineando che le sanzioni degli Stati Uniti e dei loro alleati nel settore degli idrocarburi rispondono all'obiettivo strategico di garantirsi la fonte energetica per le proprie esigenze, ma anche di assicurarsi il mercato energetico mondiale.

L'impatto del conflitto israelo-palestinese

Secondo Rodríguez, l'attuale escalation militare del conflitto israelo-palestinese "sta venendo usata come pretesto" dagli Stati Uniti, che hanno inviato nella zona "la portaerei nucleare più potente al mondo". "Potrebbe essere l'inizio di una escalation in una regione che detiene le più grandi riserve energetiche del pianeta", ha messo in guardia denunciando un genocidio contro il popolo palestinese. Di fronte a mercati così suscettibili come quelli energetici, la vicepresidente ha menzionato che la situazione tra Palestina e Israele viene sfruttata per portare a un aumento dei prezzi delle risorse.

La de-dolarizzazione come soluzione

Per la dirigente bolivariana, una delle soluzioni per proteggere il mercato energetico mondiale dalle sanzioni occidentali è porre fine a una situazione in cui "si negozia principalmente in dollari (...). La de-dolarizzazione consente di togliere agli Stati Uniti - che hanno un controllo assoluto dei sistemi di messaggistica finanziaria internazionale, una completa egemonia sulla corrispondenza bancaria - lo strumento principale per danneggiare i paesi che non sono allineati ai loro interessi", ha dichiarato Rodríguez.

Ha spiegato che questa misura consentirà ai paesi produttori di separarsi da questo meccanismo e iniziare a negoziare le proprie risorse energetiche in valute locali.

Cooperazione in formati come l'OPEC, l'OPEC+ e i BRICS

La vicepresidente del Venezuela ha anche sottolineato l'importanza della cooperazione tra i paesi produttori di idrocarburi all'interno di organizzazioni come l'OPEC e l'OPEC+, al fine di affrontare il "cuore della politica estera degli Stati Uniti", ovvero le sanzioni. "Possiamo sviluppare politiche comuni, non solo per noi stessi, ma anche per l'equilibrio del mercato energetico mondiale", ha affermato.

Sulla stessa linea, ha sostenuto gli sforzi all'interno del crescente gruppo dei BRICS, che "oggi detiene il 43% delle riserve energetiche del pianeta, ma è diventato anche uno spazio di incontro e dialogo tra i principali produttori e consumatori del mondo".

Riguardo al mercato energetico che utilizza il dollaro come mezzo di scambio, ha affermato che l'obiettivo è implementare la de-dolarizzazione, poiché "permette di togliere strumenti agli Stati Uniti, che hanno anche il controllo assoluto dei sistemi di messaggistica finanziaria internazionale", ha affermato.

Venezuela e Russia nel mondo multipolare

In un'epoca in cui la geopolitica globale sta attraversando profondi cambiamenti, il Venezuela mette in luce l'impatto delle misure coercitive unilateralmente imposte da alcune nazioni e il loro effetto a cascata sul mercato energetico mondiale. L'analisi della vicepresidente bolivariana, Delcy Rodríguez, evidenzia quanto queste azioni abbiano avuto conseguenze devastanti non solo per il Venezuela ma anche per altri paesi, compresi quelli dell'Europa orientale.

Inoltre, bisogna evidenziare il ruolo fondamentale dell'alleanza tra Russia e Venezuela in questo nuovo contesto multipolare. Mentre il mondo si sforza di bilanciare le forze e ridurre la dipendenza da una singola valuta e un unico polo di potere, l'idea di de-dolarizzazione appare come una soluzione per garantire una maggiore indipendenza economica e un nuovo equilibrio nei rapporti internazionali.

L'unione tra questi due paesi rappresenta un passo significativo verso un mondo multipolare, in cui le nazioni collaborano per proteggere i propri interessi e promuovere un sistema globale più equo. L'energia è un elemento chiave in questa dinamica, e la cooperazione tra Russia e Venezuela sottolinea l'importanza della diversificazione economica e geopolitica. Mentre il futuro si delinea in un contesto sempre più complesso, l'alleanza tra questi due attori può contribuire a plasmare un mondo in cui le decisioni non sono dettate unicamente da un polo di potere, ma da una rete di nazioni che cercano un equilibrio basato sulla cooperazione e il rispetto reciproco.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*       di Geraldina Colotti Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*      

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*  

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La partita a scacchi più pericolosa di sempre di Giuseppe Masala La partita a scacchi più pericolosa di sempre

La partita a scacchi più pericolosa di sempre

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti