Corridoio Nord-Sud. Accordo record tra Iran e Russia: un colpo alle sanzioni Usa

Corridoio Nord-Sud. Accordo record tra Iran e Russia: un colpo alle sanzioni Usa

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

L' Economic Times of India ha rivelato in un articolo pubblicato, oggi, che la Russia e l'Iran hanno concordato di aumentare il volume del transito di merci lungo il corridoio internazionale di trasporto nord-sud (INSTC) a 12 milioni di tonnellate.

L'accordo è stato siglato durante una recente visita del capo dell'infrastruttura ferroviaria iraniana, Miad Salehi, che ha incontrato il suo omologo a Mosca durante una visita di due giorni.

"Con l'obiettivo di 12 milioni di tonnellate di transito nell'accordo odierno con il capo delle ferrovie russe, si apre una nuova pagina nelle relazioni ferroviarie internazionali dell'Iran", ha spiegato Salehi ai media statali iraniani.

L'accordo mira ad accogliere l'aumento dei volumi commerciali tra Mosca e Nuova Delhi - attraverso l'Iran - in un corridoio commerciale solido e conveniente.

Con una rete di circa 7.500 km di rotte terrestri e marittime, l'INSTC ridurrà i costi di transito delle merci di circa il 30% e ridurrà notevolmente i tempi di trasporto da 40 a 25 giorni, rispetto alle rotte esistenti.

Il rapporto ha aggiunto che questa cooperazione economica è stata l'obiettivo principale del ministro indiano degli Affari esteri, Subrahmanyam Jaishankar, durante la sua recente visita in Russia l'8 novembre scorso.

Inoltre, la Russia ha accettato di aumentare i suoi investimenti nei porti di Shahid Rajaei e Chabahar per aumentare la loro capacità.

All'inizio di giugno, l'Islamic Republic of Iran Shipping Line Group (IRISL) ha iniziato a far transitare merci tra la Russia e l'India lungo l'INSTC.

La decisione è stata il risultato di una recente visita diplomatica del ministro degli Esteri iraniano Hossein Amir-Abdollahian a New Delhi per colloqui con i suoi omologhi indiani.

Secondo i dettagli rivelati dai funzionari iraniani, il carico passerà attraverso il porto di Anzali nel Mar Caspio per raggiungere il porto iraniano di Bandar Abbas, verso il più grande porto per container dell'India.

La cooperazione tra India e Iran potrebbe essere ampliata per accogliere le spedizioni di petrolio ignorando le sanzioni statunitensi contro il settore energetico iraniano.

Durante la visita in India del viceministro degli Esteri iraniano Bagheri Kani il 24 novembre, Kani si è offerto di riprendere le esportazioni di petrolio per soddisfare la domanda energetica di Nuova Delhi.

Analoga affermazione è stata data dall'ambasciatore del Paese in India, Iraj Elahi, che ha espresso la “disponibilità dell'Iran ad accrescere i nostri legami economici con l'India. Tocca all'India. Siamo pronti a consegnare il petrolio. L'indipendenza dell'Iran è la migliore garanzia per l'India”.

Inoltre, la cooperazione tra Teheran, Nuova Delhi e Russia contrasta indirettamente il corridoio economico cino-pakistano, che l'India considera una grave minaccia alla sua sicurezza nazionale.

 

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream di Andrea Puccio Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream

Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative di Michele Blanco OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti