Coronavirus, seppellito per sempre il There is no Altertative (TINA)

Coronavirus, seppellito per sempre il There is no Altertative (TINA)

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di  Niccolo' Monti


Tutti i paesi occidentali che hanno applicato misure liberiste alle proprie economie dagli anni '80 ad oggi, con un particolare incremento delle stesse dal 2000 ad oggi, nell'emergenza coronavirus si ritrovano ad affrontare un collasso generale del sistema.



Il capitalismo ha raggiunto la sua massima espressione e realizzato il suo scopo e lo slogan "There is no Alternative" (TINA) per anni è sembrato vero e incontestabile agli occhi dell'opinione pubblica.

Seguendo l'ideologia malata di Von Hayek e dei Chicago Boys del "meno Stato più Mercato", Europa e Stati Uniti hanno annichilito lo stato sociale, degradando lo Stato a bancomat delle imprese e lasciando al libero mercato la gestione di ogni aspetto fondamentale della vita quotidiana, compresa la Sanità.

La pandemia di coronavirus ha smontato ogni convinzione, lasciando a nudo un sistema che per sua natura crea miseria, è inumano e predatorio, dove il profitto è l'unico valore che conta e la vita umana viene quantificata in dollari. Il panico generato dall'emergenza acceca il sistema, che ricorre alla logica dell'accumulo totale e della sopraffazione del più debole per poter sopravvivere. Una logica usata molte e molte volte ma che a lungo andare uccide chi la applica.

Non è un caso se le uniche misure che si stanno rivelando funzionali all'emergenza sono un diretto riferimento ad una politica economica e pubblica socialista. Dove la collettività è al primo posto e il diritto alla vita è il più importante. Cina e Cuba stanno fornendo prova di tutto questo, come nel passato l'URSS aveva fatto. La storia dell'uomo insegna che dopo grandi crisi spesso avvengono grandi cambiamenti, progressi che hanno regalato al mondo periodi diRinascimento (come dopo la peste nera del 1348).

Dovere nostro è cogliere l'occasione e dare vita anche noi ad un Rinascimento del XXI secolo. Possiamo e dobbiamo farlo.

#ilcapitalismoèilvirus #ilsocialismoèlacura

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti