Come la Svezia ha "deviato" il disastro Covid-19

Come la Svezia ha "deviato" il disastro Covid-19

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 
Di Johan Anderberg pubblicato su UNHERD
 
(Traduzione di Maurizio Rainisio)
 
Cento anni fa, a New York City, 20.000 persone marciarono lungo la Fifth Avenue per protestare contro uno dei più grandi esperimenti di politica sanitaria pubblica della storia. Uno di loro portava un cartello con un'immagine de "L'ultima cena" di Leonardo da Vinci, accanto allo slogan "Il vino è stato servito". C'erano poster di George Washington, Thomas Jefferson e Abraham Lincoln. Un altro recitava: "La tirannia in nome della giustizia è la peggiore di tutte le tirannie".
 
Per un anno, birra, vino e liquori erano stati illegali in tutti gli Stati Uniti. Dal punto di vista della salute pubblica, sembrava una misura abbastanza ragionevole. Che l'alcol fosse una sostanza pericolosa era chiaro: malattie, violenza, povertà e crimine erano intimamente legati ad esso. Ancora oggi, nonostante il suo fallimento, è conosciuto come il "nobile esperimento". Ma era giusto impedire alle persone di produrre bevande che non solo gli piacevano, ma che servivano anche a importanti scopi culturali e religiosi? Non per la prima volta, gli americani si sono trovati in bilico tra libertà e sicurezza - né per l'ultima.
 
Fino a poco tempo fa, il proibizionismo rimaneva il più grande esperimento di ingegneria sociale che una democrazia avesse mai intrapreso. E poi, all'inizio del 2020, un nuovo virus ha cominciato a diffondersi dalla Cina. Di fronte a questa minaccia, i governi del mondo hanno risposto chiudendo le scuole, vietando alle persone di incontrarsi, costringendo gli imprenditori a chiudere le loro attività e facendo indossare maschere facciali alla gente comune.
 
Come il proibizionismo, questo esperimento provocò un dibattito. In tutte le democrazie del mondo, la libertà fu soppesata contro ciò che era percepito come sicurezza; i diritti individuali contro ciò che era considerato migliore per la salute pubblica.
 
Pochi ora ricordano che per la maggior parte del 2020, la parola "esperimento" aveva connotazioni negative. Era ciò che gli svedesi erano accusati di condurre quando noi - a differenza del resto del mondo - mantenevamo una qualche parvenza di normalità. I cittadini di questo paese generalmente non dovevano indossare maschere per il viso; i bambini piccoli continuavano ad andare a scuola; le attività del tempo libero erano in gran parte permesse senza ostacoli.
 
Questo esperimento è stato giudicato presto come "un disastro" (Time magazine), un "racconto ammonitore del mondo" (New York Times), "una follia mortale" (the Guardian). In Germania, la rivista Focus ha descritto la politica come "sciatteria"; La Repubblica italiana ha concluso che il "paese modello nordico" ha fatto un errore pericoloso.
 
Ma questi paesi - tutti i paesi - stavano anche conducendo un esperimento, nel senso che stavano testando misure senza precedenti per prevenire la diffusione di un virus. La Svezia ha semplicemente scelto una strada, il resto dell'Europa un'altra.
 
L'ipotesi del mondo esterno era che la libertà della Svezia sarebbe stata costosa. L'assenza di restrizioni, le scuole aperte, l'affidarsi alle raccomandazioni invece che ai mandati e all'applicazione della polizia avrebbero provocato più morti di altri paesi. Nel frattempo, la mancanza di libertà sopportata dai cittadini di altri paesi avrebbe "salvato delle vite".
 
Molti svedesi erano persuasi da questa ipotesi. "Chiudete la Svezia per proteggere il paese", scrisse Peter Wolodarski, forse il giornalista più potente del paese. Rinomati esperti di malattie infettive, microbiologi ed epidemiologi di tutto il paese misero in guardia dalle conseguenze della politica del governo.
 
Ricercatori dell'Università di Uppsala, del Karolinska Institute e del Royal Institute of Technology di Stoccolma hanno prodotto un modello alimentato da supercomputer che prevedeva che 96.000 svedesi sarebbero morti prima dell'estate del 2020.
 
A questo punto, non era irragionevole concludere che la Svezia avrebbe pagato un prezzo elevato per la sua libertà. Per tutta la primavera del 2020, il tasso di mortalità pro capite della Svezia è stato più alto della maggior parte degli altri paesi.
 
Ma l'esperimento non finì lì. Durante l'anno successivo, il virus continuò a devastare il mondo e, uno dopo l'altro, il numero di morti nei paesi che si erano bloccati cominciò a superare quello della Svezia.
 
Gran Bretagna, Stati Uniti, Francia, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Ungheria, Spagna, Argentina, Belgio - paesi che avevano variamente chiuso i parchi giochi, costretto i loro bambini a indossare maschere, chiuso le scuole, multato i cittadini per essere usciti in spiaggia e sorvegliato i parchi con droni - sono stati tutti colpiti peggio della Svezia. Al momento in cui scriviamo, più di 50 paesi hanno un tasso di mortalità più alto. Se si misura la mortalità in eccesso per tutto il 2020, la Svezia (secondo Eurostat) finirà al 21° posto su 31 paesi europei. Se la Svezia facesse parte degli Stati Uniti, il suo tasso di mortalità sarebbe il numero 43 dei 50 stati.
 
Questo fatto è scandalosamente sottovalutato. Considerate l'enorme numero di articoli e segmenti televisivi dedicati all'atteggiamento scioccamente liberale della Svezia nei confronti della pandemia l'anno scorso - e il riferimento quotidiano a cifre che oggi sono dimenticate. Improvvisamente, è come se la Svezia non esistesse. Quando il Wall Street Journal ha recentemente pubblicato un rapporto dal Portogallo, ha descritto come il paese "ha offerto un assaggio" di come sarebbe vivere con il virus.
 
Questa nuova normalità comportava, tra le altre cose, passaporti vaccinali e maschere per il viso in occasione di grandi eventi come le partite di calcio. Da nessuna parte nel rapporto è stato menzionato che in Svezia si può andare alle partite di calcio senza indossare una mascherina, o che la Svezia - con una minore proporzione di morti di Covid nel corso della pandemia - aveva eliminato praticamente tutte le restrizioni. La Svezia ha convissuto con il virus per qualche tempo.
 
La segnalazione selettiva del WSJ è significativa. Il New York Times, il Guardian, la BBC, il Times, tutti sostenitori delle restrizioni, non riescono a mettere in dubbio la loro efficacia.
 
E anche quelli che hanno seguito l'esempio della Svezia sono stati oggetto di molte critiche. Quando lo stato della Florida - più di un anno fa e fortemente ispirato dalla Svezia - ha rimosso la maggior parte delle sue restrizioni e ha permesso la riapertura di scuole, ristoranti e parchi di divertimento, il giudizio dei media americani è stato rapido. Il governatore repubblicano dello stato fu predetto per "condurre il suo stato all'obitorio" (The New Republic). I media erano indignati dalle immagini dei floridiani che nuotavano e prendevano il sole in spiaggia.
Alla controparte di DeSantis a New York, l'imbattuto democratico Andrew Cuomo, d'altra parte, è stato offerto un accordo per un libro per le sue "lezioni di leadership dalla pandemia di Covid-19". Qualche mese fa, è stato costretto a dimettersi dopo aver molestato una dozzina di donne. Ma il risultato della sua "lezione di leadership" continua a vivere: Lo 0,29% dei residenti del suo stato è morto di Covid-19. La cifra equivalente per la Florida - lo stato che non solo ha permesso la maggiore libertà, ma ha anche la seconda più alta percentuale di pensionati nel paese - è 0,27%.
 
Ancora una volta, un fatto sottovalutato.
 
Da una prospettiva umana, è facile capire la riluttanza ad affrontare questi numeri. È difficile evitare la conclusione che milioni di persone sono state private della loro libertà, e milioni di bambini hanno avuto la loro educazione gravemente danneggiata, per un guadagno poco dimostrabile. Chi vuole ammettere di essere stato complice di questo? Ma quelli che un giudice americano ha chiamato i "laboratori della democrazia" hanno condotto il loro esperimento - e il risultato è sempre più chiaro.
 
Esattamente perché è andata così è più difficile da spiegare, ma forse il "nobile esperimento" degli anni venti negli Stati Uniti può offrire qualche indizio. Il proibizionismo non ha vinto perché ha prevalso l'argomento della libertà. Né perché la sostanza stessa era diventata meno dannosa per la salute della gente. La ragione della fine del divieto dell'alcol fu che semplicemente non funzionava. Non importa cosa dicesse la legge, gli americani non smisero di bere alcolici. Semplicemente si spostarono dai bar agli "speakeasies". La gente imparò a produrre i propri alcolici o a contrabbandarli dal Canada. E la mafia americana ebbe una periodo di superlavoro .
 
L'errore delle autorità americane fu quello di sottovalutare la complessità della società. Solo perché hanno vietato l'alcol non significa che l'alcol sia scomparso. Le pulsioni, i desideri e i comportamenti delle persone erano impossibili da prevedere o da inserire in un piano. Cento anni dopo, una nuova serie di autorità ha fatto lo stesso errore. Chiudere le scuole non ha impedito ai bambini di incontrarsi in altri ambienti; quando la vita si è spenta nelle città, molti sono fuggiti, diffondendo l'infezione in nuovi luoghi; le autorità hanno esortato i loro cittadini a comprare cibo online, senza pensare a chi avrebbe trasportato la merce da casa a casa.
 
Se i politici fossero stati onesti con sé stessi, avrebbero potuto prevedere cosa sarebbe successo. Perché proprio come i politici americani erano costantemente sorpresi a bere alcolici durante il proibizionismo, i loro successori furono sorpresi 100 anni dopo a violare proprio le restrizioni che avevano imposto a tutti gli altri.
 
I sindaci di New York e Chicago, il massimo consigliere del governo britannico, il ministro della giustizia olandese, il commissario europeo per il commercio, il governatore della California hanno tutti infranto le loro stesse regole.
 
Non è facile controllare la vita degli altri. Non è facile dettare comportamenti desiderabili in una popolazione attraverso un comando centralizzato. Queste sono lezioni che molti dittatori hanno imparato. Durante la pandemia di Covid, anche molte democrazie l'hanno imparata. La lezione forse non è ancora entrata in profondità, ma si spera che alla fine lo faccia. Allora forse passeranno altri 100 anni prima di rifare lo stesso errore.

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Sa(n)remo arruolati in guerra di Giorgio Cremaschi Sa(n)remo arruolati in guerra

Sa(n)remo arruolati in guerra

L'autogol delle sanzioni alla Russia: il caso Reliance di Giacomo Gabellini L'autogol delle sanzioni alla Russia: il caso Reliance

L'autogol delle sanzioni alla Russia: il caso Reliance

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'(ancien) Regime di Antonio Di Siena L'(ancien) Regime

L'(ancien) Regime

C'era una volta il servizio sanitario nazionale di Gilberto Trombetta C'era una volta il servizio sanitario nazionale

C'era una volta il servizio sanitario nazionale

La Meloni cerca briciole tra la sabbia libica di Michelangelo Severgnini La Meloni cerca briciole tra la sabbia libica

La Meloni cerca briciole tra la sabbia libica

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano di Pasquale Cicalese Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente di Damiano Mazzotti Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente