Colombia: analisi elezioni e del momento politico attuale

Colombia: analisi elezioni e del momento politico attuale

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

In Colombia nei giorni scorsi le elezioni hanno tracciato un nuovo corso: il senatore nonché ex guerrigliero Gustavo Petro è il nuovo presidente della Colombia . È la prima volta nella storia colombiana che un leader della sinistra assume la massima carica dello stato.

Petro ha assicurato che quello che sta arrivando per il  paese è un vero cambiamento, un cambiamento reale; “per il quale intendo impegnare la mia esistenza e la mia stessa vita”. Il presidente eletto, 62 anni, ha ribadito: “Non tradiremo le promesse fatte agli elettori” e cioè che “da oggi la Colombia cambia, la Colombia è un’altra”. 

Certo che la il paese sudamericano avrà enormi sfide davanti a partire dalla questioni internazionali: ricucire i rapporti  col vicino Venuezuela e iniziare a sottrarre il paese all’ingerenza politica statunitense. Sicuramente non secondarie  come importanza e assai attese sono le riforme economiche e sociali, ma soprattutto occorrerà’ portare a compimento  il processo del dialogo di pace iniziato nel 2016 con gli accordi de L’Avana (siglati tra lo Stato colombiano e le Farc) che sottointendono anche la distribuzione delle terre ai campesinos e un cambio di prospettiva a 360’ nella lotta al narcotraffico.

Nel video proponiamo l’analisi delle elezioni e del momento politico attuale in Colombia da parte di Fabio Burani: laureato in Scienze Politiche e Relazioni internazionali all'Università di Bologna, ha studiato e vissuto in Brasile, Colombia e nel Regno Unito. Conoscitore e osservatore della storia e della realtà socio-politica latinoamericana ed in particolare quella colombiana, dove continua a fare visita tutt'oggi anche per ragioni di famiglia.

Francesco Fustaneo

Francesco Fustaneo

Laureato in Scienze Economiche e Finanziarie presso l'Università degli Studi di Palermo.
Giornalista pubblicista dal 2014, ha scritto su diverse testate giornalistiche e riviste tra cui l'AntiDiplomatico, Contropiano, Marx21, Quotidiano online del Giornale di Sicilia. 
Si interessa di geopolitica, politica italiana, economia e mondo sindacale

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale di Giorgio Cremaschi La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

La vera storia del "default russo" spiegata bene di Marinella Mondaini La vera storia del "default russo" spiegata bene

La vera storia del "default russo" spiegata bene

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO