Catturati ultimi 2 palestinesi evasi da Gilboa. Resta l'umiliazione per Israele

Catturati ultimi 2 palestinesi evasi da Gilboa. Resta l'umiliazione per Israele

Foto Quds News Network

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Ieri, il regime israeliano ha annunciato l'arresto degli ultimi due palestinesi riusciti a fuggire dalla prigione di Gilboa, che insieme ad altri quattro connazionali hanno ingegnosamente scavato un tunnel che ha permesso loro di vedere la libertà.

Per reazione, il movimento della Jihad islamica palestinese ha pubblicato oggi una dichiarazione, nella quale ha ribadito che la battaglia contro il nemico sionista continuerà fino a quando questo regime non lascerà il territorio palestinese.

"Chiediamo ai nostri militari di rimanere in massima allerta per proteggere i prigionieri, dal momento che la battaglia è ancora in corso" , ha aggiunto, sottolineando che l'arresto degli ultimi due prigionieri palestinesi, fuggiti dal carcere di massima sicurezza di Israele , non sarà in grado di coprire il fallimento del regime sionista.

Tra i palestinesi catturati, Zakaria al-Zubaidi è in gravi condizioni di salute, poiché è stato picchiato e torturato dalle forze israeliane.

Nel frattempo, la Jihad islamica ha avvertito Israele di qualsiasi danno arrecato ai prigionieri palestinesi all'interno delle carceri e dell'isolamento del regime di Tel Aviv.

La fuga dei prigionieri palestinesi ha mostrato debolezza nel sistema di sicurezza israeliano

Da parte sua, il Movimento di resistenza islamica palestinese (HAMAS) ha indicato proprio oggi che, nonostante l'arresto degli eroi palestinesi, questa operazione continuerà ad essere una prova innegabile della fragilità e della debolezza del sistema di sicurezza israeliano.

Gli esperti ritengono che, in seguito alla fuga dei prigionieri palestinesi, Israele sia stato umiliato e sia stata messa in discussione la sua capacità militare e il potere repressivo delle sue carceri.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori? di Savino Balzano Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori?

Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori?

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni di Thomas Fazi Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta di Antonio Di Siena Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

La violenza di Schrodinger di Gilberto Trombetta La violenza di Schrodinger

La violenza di Schrodinger

La rabbia sociale non è fascismo di Michelangelo Severgnini La rabbia sociale non è fascismo

La rabbia sociale non è fascismo

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti