BRICS: presentato progetto di Consiglio per il Clima

BRICS: presentato progetto di Consiglio per il Clima

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

I paesi BRICS hanno fatto della sostenibilità ambientale una priorità assoluta nelle loro politiche. A tal proposito, Alexander Vedyakhin, primo vicepresidente del consiglio di amministrazione di Sberbank, ha partecipato a un seminario sul finanziamento dello sviluppo sostenibile organizzato dalla Banca di Russia per le banche centrali dei Paesi BRICS.

Nell'ambito del seminario, Alexander Vedyakhin ha presentato il concetto di Consiglio per il clima dei BRICS, che riflette una comprensione dei suoi compiti, della sua funzionalità e delle sue aree di lavoro. Sber aveva già presentato questa proposta alla COP28, ricevendo un feedback positivo dai rappresentanti delle delegazioni BRICS.

Secondo Alexander Vedyakhin, per unire gli sforzi, i Paesi dell'alleanza devono creare un unico organismo che diventi un centro per lo sviluppo di soluzioni comuni e l'attuazione di progetti per una transizione energetica equa. Il Consiglio per il clima dei BRICS potrebbe diventare una piattaforma di questo tipo. Ha sottolineato che il sostegno delle banche centrali e delle autorità di regolamentazione è importante per la creazione di una tassonomia comune dello sviluppo sostenibile nello spazio BRICS.

"L'obiettivo del Consiglio per il clima è quello di creare un meccanismo per la cooperazione dei Paesi BRICS nel campo del clima, dell'economia verde e dello sviluppo sostenibile a livello sovranazionale. Il compito principale è quello di creare un punto focale per le pratiche, le soluzioni, gli standard e le competenze di un'ampia gamma di stakeholder sotto il patrocinio dei rappresentanti dei BRICS in materia di clima, economia verde e sviluppo sostenibile. A questo proposito vorrei sottolineare il ruolo speciale delle banche centrali e delle autorità di regolamentazione, poiché il loro sostegno è importante per la creazione di una tassonomia comune dello sviluppo sostenibile nello spazio BRICS", ha affermato Vedyakhin.

Oltre alla sincronizzazione degli approcci e alla creazione di un'infrastruttura olistica per i Paesi BRICS nel campo della regolamentazione delle emissioni di carbonio, le principali aree di lavoro del consiglio potrebbero includere la ricerca congiunta e lo sviluppo di tecnologie verdi, la finanza climatica, i progetti nel campo della valutazione dei rischi climatici e i programmi educativi congiunti.

Sber ha esperienza nella creazione di piattaforme tecnologiche intersettoriali in ambito ESG. Ad esempio, nel settembre 2023, Sber ha registrato presso Rosstandart il primo sistema di certificazione energetica volontaria russa a basse emissioni di carbonio. Il certificato rilasciato nel sistema conferma la creazione di energia elettrica in un impianto di generazione (centrale elettrica) da fonti rinnovabili e a basse emissioni di carbonio. La creazione del sistema di certificati verdi prosegue la politica coerente di Sber nella realizzazione dell'agenda ESG. 

"I Paesi BRICS hanno sfide abbastanza simili per quanto riguarda l'agenda sul clima e lo sviluppo sostenibile in una serie di aree. Per risolverle in modo efficace è necessario unire gli sforzi, condividere competenze e pratiche, sincronizzare le tassonomie e formare un'infrastruttura ESG comune nello spazio BRICS, anche per il riconoscimento reciproco e lo scambio di certificati verdi e unità di carbonio", ha sottolineato Vedyakhin.

Come ulteriore lavoro sulla formazione del Consiglio per il clima, Alexander Vedyakhin ha proposto di istituire un gruppo di lavoro di rappresentanti dei Paesi BRICS (compresi i nuovi Paesi) per elaborare il concetto di Consiglio per il clima in modo più dettagliato. 

L'agenda sul clima e il tema dello sviluppo sostenibile è uno dei principali per tutti i Paesi BRICS, poiché oltre il 45% delle emissioni di gas serra a livello mondiale sono emesse dai Paesi BRICS, con un impatto diretto sul cambiamento climatico. La Russia quest’anno presiede il blocco delle economie emergenti del mondo multipolare. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi di Pasquale Cicalese Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti