Bielorussia e Russia terranno esercitazioni congiunte per proteggere il confine meridionale bielorusso

Bielorussia e Russia terranno esercitazioni congiunte per proteggere il confine meridionale bielorusso

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Situazione sempre più tesa ad est dove le forze gli Stati Uniti, vassalli NATO e provocatori a loro affini come l’Ucraina continuano ad agire minacciosamente nei confronti della Russia e dei suoi alleati come la Bielorussia. 

A tal proposito Russia e Bielorussia stanno pianificando di adottare una serie di misure per proteggere i confini meridionali di MInsk, ha reso noto il il ministro della Difesa bielorusso Viktor Khrenin.

"Stiamo pianificando di tenere un'esercitazione congiuntamente con le nostre controparti, il nostro principale alleato strategico, la Federazione Russa”, riferisce l'agenzia di stampa statale BelTA citando il capo della difesa bielorusso.

La Bielorussia sta addestrando le sue truppe insieme alla Russia "per contrastare adeguatamente le nuove minacce emergenti e respingere l'aggressione contro lo Stato dell'Unione”, ha poi aggiunto Khrenin. 

L'anno prossimo, Bielorussia e Russia continueranno a migliorare il loro sistema di difesa aerea regionale integrato, informa Minsk. 

La Bielorussia pronta a rispondere a eventuali escalation militari

La Bielorussia non si lascia intimorire o innervosire dalle provocatorie mosse dell’alleanza atlantica. Minsk ha tutte le capacità per reagire a qualsiasi escalation della situazione militare al confine, ha affermato il presidente bielorusso Alexander Lukashenko.

"Lo Stato Maggiore deve sempre ricordare in quali direzioni agiranno questi bastardi contro di noi e come reagiremo. Avete chiesto supporto nella creazione di forze di risposta rapida che potrebbero essere operative entro 2-3 ore minimo", ha detto Lukashenko a una riunione del ministero della Difesa lunedì, secondo BelTA. "Abbiamo un certo numero di unità, ben addestrate ed equipaggiate, che potrebbero essere trasferite in qualsiasi punto della Bielorussia entro tre ore".

Il presidente ha evidenziato di fare riferimento alle "forze armate in generale, non solo dell'esercito, ma del ministero degli Interni, delle forze di sicurezza delle frontiere e del Comitato per la sicurezza dello Stato (KGB)."

"Cioè, vediamo cosa sta succedendo. Non stiamo schierando le nostre unità militari. Non ho dato tali ordini", ha detto il presidente. "Ma dobbiamo avere piani per qualsiasi loro azione; dobbiamo avere piani per la nostra reazione. Abbiamo tutte le capacità […] per reagire a ogni loro mossa con le armi. E non solo con le armi, per reagire ai loro piani, i piani di quelle forze armate”.

Il presidente bielorusso ha inoltre chiarito che il suo paese non resterà a guardare se l’occidente dovesse decidere di “scatenare una guerra” nel Donbass o al confine con la Russia. “Se scateneranno di nuovo una guerra nel Donbass o da qualche parte al confine con la Russia, la Bielorussia non rimarrà ai margini. Ed è chiaro da che parte starà la Bielorussia. Lo capiscono, quindi hanno iniziato a rafforzare il loro confine settentrionale, bielorusso-ucraino”.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan... di Francesco Santoianni Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

30 anni di pagliacci. E' il lavoro la misura di ogni cosa di Pasquale Cicalese 30 anni di pagliacci. E' il lavoro la misura di ogni cosa

30 anni di pagliacci. E' il lavoro la misura di ogni cosa

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo di Gilberto Trombetta Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo

Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo