Bank of America, le nuove previsioni sull'economia cinese entro il 2035

Bank of America, le nuove previsioni sull'economia cinese entro il 2035

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

La Cina potrebbe raddoppiare il suo PIL entro il 2035, ha rivelato venerdì scorso l'economista della Bank of America Global Research Helen Qiao parlando alla CNBC.

Dopo aver preparato questo mese un rapporto sull'economia del colosso asiatico, l'esperto ha sottolineato che è cresciuta anche durante la pandemia di coronavirus.

"L'anno scorso, la Cina è stata l'unica economia considerevole che ha raggiunto una crescita positiva del PIL e quest'anno ci aspettiamo che la Cina raggiunga anche una crescita del PIL dell'8,5%. Questo numero è superiore al livello di crescita potenziale, probabilmente tra il 5,5 e il 6%", ha affermato Qiao.

"Tra oggi e il 2035, una crescita media annua del 4,7% all'anno per altri 15 anni, e crediamo che la Cina potrebbe raggiungere questo obiettivo", ha aggiunto, riferendosi alle promesse del presidente cinese Xi Jinping di raddoppiare l'economia entro il 2035, annunciato lo scorso Ottobre.

Minacce esterne

Per quanto riguarda i rischi che possono minare la crescita economica della Cina, il ricercatore ha osservato che si tratta di "molte cose che la Cina non può controllare da sola.

Quindi, con l'arrivo di Joe Biden, l'atteggiamento degli Stati Uniti nei confronti della Cina è migliorato, ma c'è ancora il rischio di un peggioramento, Qiao ha ricordato: "Sarà un rapporto leggermente più favorevole tra l'economia numero 1 e l'economia numero 2 al mondo, Stati Uniti e Cina, [ma] fino al momento in cui la Cina supererà gli Stati Uniti, forse tra il 2027 e il 2028. Quella relazione sarà ancora dolce e pacifica? Non ne siamo così sicuri ".

Altri possibili freni all'economia cinese sono gli "impegni ambientali che la Cina ha già preso, ad esempio, sull'obiettivo della neutralità del carbonio". Sono anche esposti alla geopolitica, sottolinea l'economista: "Tutto ciò richiede una maggiore collaborazione con gli altri Paesi, oltre alla determinazione e all'impegno della Cina stessa".

 

Potrebbe anche interessarti

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA di Alberto Fazolo 28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico di Gilberto Trombetta Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia di Giuseppe Masala Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo di Paolo Pioppi Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra