Attacchi israeliani su Gaza e scontri al confine con 41 palestinesi feriti

Attacchi israeliani su Gaza e scontri al confine con 41 palestinesi feriti

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Non c'è solo l'Afghanistan. I palestinesi continuano come sempre a subire soprusi dall'occupazione israeliana. E come sempre continuano a resistere

La scorsa notte, diverse esplosioni hanno scosso Gaza dopo che l'esercito di occupazione israeliano ha lanciato una serie di attacchi aerei in un'apparente rappresaglia ai violenti scontri al confine, in cui un soldato israeliano è stato gravemente. Secondo quanto riferiscono le autorità israeliane.

I primi attacchi hanno colpito l'enclave poco prima della mezzanotte, secondo testimoni e resoconti dei media palestinesi. Diversi video che circolano online hanno mostrato massicce esplosioni che hanno scosso tutta la Striscia.

"In risposta alle violente rivolte istigate da Hamas oggi al confine tra Israele e Gaza, le nostre forze hanno appena colpito 4 depositi armi di Hamas e siti di produzione di stoccaggio", ha confermato l'IDF in un tweet. L'esercito israeliano ha annunciato in precedenza che stava inviando "rinforzi" alla Divisione di Gaza.

 

Alcuni rapporti suggeriscono che almeno uno degli attacchi ha colpito un'area vicino al campo profughi di Nuseirat nel centro di Gaza, ma non ci sono state notizie immediate di vittime.

 

Scontri importanti sono scoppiati nella zona di confine dopo che centinaia di palestinesi si sono riuniti ieri pomeriggio per protestare contro il blocco israeliano in corso e per ricordare l'incendio doloso della Moschea di Al Aqsa avvenuto nel 1969.

L'IDF ha risposto con "mezzi di dispersione antisommossa" - e ha ammesso di aver usato fuoco vivo "quando necessario " - dopo che alcuni manifestanti hanno cercato di scalare la recinzione, mentre altri avrebbero "lanciato esplosivi contro le truppe israeliane". Cosa si inventa per sparare a bruciapelo e lanciare bombardamenti.

 

Ad un certo punto durante gli scontri, sembra che i giovani palestinesi abbiano cercato di prendere l'arma di un soldato israeliano, esposta attraverso una feritoia nel muro di Gaza. Un altro video ampiamente diffuso mostrava il rivoltoso che sparava con la sua stessa pistola attraverso il foro.

 

 

Almeno 41 palestinesi sono rimasti feriti negli scontri, tra cui un ragazzo di 13 anni che è stato colpito alla testa, secondo il ministero della salute di Gaza. Da parte israeliana, una guardia di frontiera è stata colpita da un fuoco transfrontaliero e portata d'urgenza in ospedale con ferite gravi, hanno detto i militari.

Israele ha strettamente controllato i valichi di frontiera e il flusso di merci in entrata e in uscita da Gaza per anni, con tutti i commerci che si sono effettivamente fermati durante la guerra degli 11 giorni a maggio, colpendo pesantemente l'economia già paralizzata di Gaza. Da allora, Israele e Hamas hanno condotto trattative indirette tramite intermediari per stabilire un nuovo status quo. L'escalation del confine arriva pochi giorni dopo che Israele ha annunciato la ripresa degli aiuti del Qatar a Gaza, mentre i palestinesi continuano a chiedere la completa revoca del blocco.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

L'opposizione al capitale che non c'è di Paolo Desogus L'opposizione al capitale che non c'è

L'opposizione al capitale che non c'è

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer di Francesco Santoianni Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Caffè: i prezzi andranno alle stelle di  Leo Essen Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Caffè: i prezzi andranno alle stelle

In Cina i salari crescono più del Pil di Pasquale Cicalese In Cina i salari crescono più del Pil

In Cina i salari crescono più del Pil

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Paolo Mieli e la dittatura antifascista di Antonio Di Siena Paolo Mieli e la dittatura antifascista

Paolo Mieli e la dittatura antifascista

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund di Gilberto Trombetta "Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti