750 miliardi di dollari in più per il Pentagono. Chi minaccia chi?

750 miliardi di dollari in più per il Pentagono. Chi minaccia chi?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

L'amministrazione di Joe Biden ha chiesto un aumento di 715 miliardi di dollari nel bilancio del Pentagono, affermando che parte di esso sarà per contenere Cina e Russia.

“La richiesta discrezionale del presidente per il 2022 include 715 miliardi di dollari per il Dipartimento della Difesa (il Pentagono) per scoraggiare la Cina. La richiesta discrezionale dà la priorità alla necessità di contrastare la minaccia proveniente dalla Cina come la principale sfida del Dipartimento” , indica la Casa Bianca nella sua richiesta iniziale di budget per le spese discrezionali, inviata ieri al Congresso degli Stati Uniti, come riporta il portale Bloomberg .

Il documento aggiunge anche che il Pentagono "cercherà anche di scoraggiare il comportamento destabilizzante della Russia", così come la modernizzazione del programma nucleare del paese, tra gli altri.

Secondo il rapporto, il piano del Pentagono per contrastare Russia e Cina include l'avanzamento di armi ipersoniche e il rafforzamento della Marina degli Stati Uniti con sottomarini con missili balistici e navi senza pilota.

Inoltre, nel testo della richiesta dell'amministrazione Biden si ricorda che il Pentagono, approfittando dell'iniziativa Pacific Deterrence e collaborando con i suoi alleati nella NATO, garantirà che il Paese nordamericano "sviluppi i concetti , abilità e postura necessarie per affrontare queste sfide ".

Le già tese relazioni tra gli Stati Uniti e la Cina si stanno deteriorando, poiché la Casa Bianca mette in discussione questioni tra cui il commercio, la sicurezza informatica, la tecnologia, la nuova legge sulla sicurezza nazionale di Hong Kong e le controversie territoriali nel Mar della Cina meridionale.

Tuttavia, ci si aspettava che Washington, a seguito del cambiamento nell'amministrazione statunitense nel gennaio 2021, avrebbe assunto una posizione meno bellicosa rispetto al precedente team installato alla Casa Bianca e, invece, sarebbe stato più coerente e costruttivo nel migliorare i suoi rapporti con Pechino.

D'altra parte, gli Stati Uniti ei loro alleati occidentali stanno cercando di affrontare il graduale sviluppo del potere geopolitico della Russia, che sta prendendo forma in tutto il mondo, sotto la guida del presidente russo Vladimir Putin.

In effetti, le misure militari e politiche recentemente adottate da Washington, dimostrano che Biden continuerà nella stessa linea di molestie promossa dal suo predecessore, Donald Trump.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

9 maggio. Cambiare la Storia è un crimine di Marinella Mondaini 9 maggio. Cambiare la Storia è un crimine

9 maggio. Cambiare la Storia è un crimine

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia di Thomas Fazi Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

In Etiopia arriva Feltman “il destabilizzatore” di Giuseppe Masala In Etiopia arriva Feltman “il destabilizzatore”

In Etiopia arriva Feltman “il destabilizzatore”

Il vero "dividendo dell'euro" di Gilberto Trombetta Il vero "dividendo dell'euro"

Il vero "dividendo dell'euro"

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi di Pasquale Cicalese Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti