25 luglio: Giornata internazionale delle donne afrodiscendenti

25 luglio: Giornata internazionale delle donne afrodiscendenti

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

di Mishell Mantuano*

Il 25 luglio 1992, nella Repubblica Dominicana, si tenne il primo incontro delle Donne Afro-Latine e Afro-Caraibiche, con la partecipazione di 400 donne provenienti da 32 Paesi del continente. Si sono incontrate con lo scopo di rendere visibili le lotte e la resistenza delle donne afro e analizzare le dure conseguenze del razzismo, del patriarcato e della disuguaglianza nella regione. Tra le risoluzioni finali dell'incontro, sono state proposte una serie di azioni con il tentativo di combattere i problemi del razzismo e del patriarcato contro le donne afro e allo stesso tempo rendere omaggio a tutte quelle donne afro-discendenti che hanno lottato per un mondo libero dalle ingiustizie e dalle disuguaglianze
A 29 anni da quell'incontro, le lotte delle donne afro-discendenti, e la loro ricerca per l'eliminazione di ogni tipo di discriminazione strutturale etnico-razziale e di genere, continuano ad esistere.

Da allora, noi donne afro-latinoamericane, afro-caraibiche e della diaspora abbiamo creato gruppi di riflessione e impegno per lavorare per i nostri diritti. Lavorare per l'eliminazione delle disuguaglianze che viviamo quotidianamente, aggiungendo a ciò la discriminazione che ancora ci colpisce, nonostante l'esistenza di politiche pubbliche che sostengono i nostri diritti e il riconoscimento come esseri umani. Per questo motivo, riconoscere i divari sociali, economici, educativi, di accesso alla salute, tra gli altri, rispetto al resto delle donne non afro-discendenti, è fondamentale per raggiungere l'obiettivo di costruire una società più giusta.

Gli ultimi anni hanno visto l'emergere di numerosi gruppi e reti di donne nere, volte a costruire strategie di azione e politiche pubbliche che aiutano a migliorare la nostra qualità della vita e a sradicare il razzismo e la discriminazione.
Anche nel XXI secolo sono evidenti molteplici forme di violenza contro le ragazze e le donne. E la situazione peggiora quando l'analisi è fatta da una prospettiva etnica. È il momento storico per combattere l'esclusione e la marginalità che ci perseguitano da più di 500 anni, dalla colonizzazione.
Il peso storico e la ferita coloniale sono evidenti anche oggi: la schiavitù presumibilmente abolita, le amministrazioni coloniali terminate e gli Stati nazionali istituiti nella regione. Le conseguenze del colonialismo, che costruisce e integra l'ordine ideologico e funzionale del sistema, che subordina le persone, sulla base di una teoria razziale, classificando il colore della pelle e i tratti fenotipici dei soggetti colonizzati. Fino ad oggi, c'è una certa legittimità al dominio imposto dalla conquista. In questo senso, è necessario sottolineare che la riduzione in schiavitù degli africani ha avuto conseguenze specifiche per le donne.

Le donne furono introdotte in numero minore rispetto agli uomini e furono particolarmente mercificate, trasformandole in oggetti sessuali e riproduttivi per il lavoro degli schiavi. Nel corso del tempo, le divisioni di classe, genere e razza hanno naturalizzato relazioni di potere completamente diseguali, con le donne in generale, e in particolare le donne afro-discendenti e nere, essendo le più oppresse, oggettivate e sfruttate nella società capitalista coloniale patriarcale.

In altre parole: “Persistono ancora gli sguardi e le pratiche che stigmatizzano le donne afro. Questi sono stati eredi di una storia che è stata violenta sin dal suo inizio. Lo stereotipo più comune delle donne afro-discendenti è l'ipersessualizzazione, cioè visualizzata come un oggetto, esposta come una cosa e vulnerabile al desiderio di possesso di qualcun altro, senza la possibilità di esprimersi ”(Afroféminas, 2017).
Questa stigmatizzazione è aggravata dalla situazione di precarietà ed esclusione a cui sono sottoposte le donne afro-discendenti, generando un alto grado di vulnerabilità. Per questo motivo, oggi ricorre un altro anno della lotta che i gruppi di donne nere stanno portando avanti a livello dell'America Latina, dei Caraibi e della diaspora. Il 25 luglio è un giorno di lotta e resistenza, per noi donne afro-discendenti. Oggi celebriamo, ricordiamo e aggiorniamo le lotte, e aggiungiamo le piccole battaglie vinte, per un presente e un futuro libero da discriminazioni e razzismo.

*Donna afrodiscendente. Giornalista e comunicatrice. Laureata presso l’Università Politecnica Salesiana di Quito

Cuba e i numeri Covid   di Francesco Santoianni Cuba e i numeri Covid

Cuba e i numeri Covid

Nuove punte di folle russofobia del Parlamento europeo di Marinella Mondaini Nuove punte di folle russofobia del Parlamento europeo

Nuove punte di folle russofobia del Parlamento europeo

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina   di Bruno Guigue I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass di Thomas Fazi Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio? di Giuseppe Masala Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Recovery Fund, è lotta di classe... e la continuano a vincere loro! di Pasquale Cicalese Recovery Fund, è lotta di classe... e la continuano a vincere loro!

Recovery Fund, è lotta di classe... e la continuano a vincere loro!

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia di Gilberto Trombetta Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti