Zizek: I 'rimedi' di Gates e Soros sul capitalismo "non curano, ma prolungano la malattia"

Zizek: I 'rimedi' di Gates e Soros sul capitalismo "non curano, ma prolungano la malattia"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il filosofo Slavoj Zizek ha ricordato in un editoriale che i miliardari come Bill Gates e George Soros cercano di combattere le conseguenze del capitalismo con "rimedi" che aggravano solo la situazione.

"La routine di questi miliardari non è altro che una bugia: sfruttamento speculativo seguito da vuote preoccupazioni umanitarie sulle conseguenze catastrofiche di cui è responsabile in primo luogo il loro spietato capitalismo", ha affermato il filosofo sloveno.

In questo contesto, ha sottolineato che l'umanità affronta "un'orribile povertà, un'orribile bruttezza, un'orribile fame". "Di conseguenza, con ammirevoli intenzioni, anche se mal indirizzate, si pongono molto seriamente e sentimentalmente il compito di porre rimedio ai mali che vedono", ha indicato, aggiungendo che queste azioni "non curano la malattia: semplicemente la prolungano" e sono "parte della stessa malattia".

Secondo Zizek, l'obiettivo corretto sarebbe quello di sforzarsi di cambiare la società in modo tale che la povertà sia impossibile, ma le "virtù altruistiche" ne hanno ostacolato il raggiungimento. " È immorale usare la proprietà privata per alleviare gli orribili mali che derivano dall'istituzione della proprietà privata", ha ribadito.

"L'unico nemico siamo noi stessi"

Il filosofo ha ricordato di aver visto una volta una tavoletta di cioccolato lassativo, il cui produttore ha incoraggiato a mangiarne di più per far fronte alla stitichezza, "cioè, consumare la stessa cosa che causa la stitichezza". "La stessa struttura delle 'caramelle lassative' è anche ciò che rende figure come Bill Gates o George Soros così eticamente problematiche: non rappresentano il più spietato sfruttamento speculativo finanziario combinato con il suo contro-agente , la preoccupazione umanitaria per le conseguenze sociali eventi catastrofici di l'economia di mercato dilagante?", è la domanda che ha posto l'intellettuale.

Zizek ha evidenziato che viviamo siamo in una crisi molto grave. "Non siamo (ancora) in una guerra, ma probabilmente siamo in qualcosa di ancora più pericoloso: non stiamo combattendo un nemico, l'unico nemico siamo noi stessi, le conseguenze distruttive della produttività capitalista", ha concluso.

 

Potrebbe anche interessarti

Green Pass e lavoro:  perché è una misura incostituzionale di Savino Balzano Green Pass e lavoro:  perché è una misura incostituzionale

Green Pass e lavoro: perché è una misura incostituzionale

Il Govermo dei padroni di Giorgio Cremaschi Il Govermo dei padroni

Il Govermo dei padroni

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina   di Bruno Guigue I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass di Thomas Fazi Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio? di Giuseppe Masala Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia di Pasquale Cicalese I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia

I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia

Svenduta ai privati anche la società elettrica greca di Antonio Di Siena Svenduta ai privati anche la società elettrica greca

Svenduta ai privati anche la società elettrica greca

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia di Gilberto Trombetta Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico di Michelangelo Severgnini Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico

Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti