Xi parteciperà alla cerimonia di apertura del 3° Forum della Belt and Road per la cooperazione internazionale

Xi parteciperà alla cerimonia di apertura del 3° Forum della Belt and Road per la cooperazione internazionale

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il terzo Belt and Road Forum per la cooperazione internazionale (BRF) si terrà a Pechino dal 17 al 18 ottobre. Il presidente Xi Jinping parteciperà alla cerimonia di apertura del forum e pronuncerà un discorso programmatico, oltre a un banchetto di benvenuto ed eventi bilaterali per la cooperazione internazionale. ospiti presenti al forum, ha annunciato il portavoce del Ministero degli Esteri di Pechino Hua Chunying. 

Secondo Hua, il tema del terzo BRF è "Cooperazione di alta qualità sulla Belt and Road: insieme per lo sviluppo e la prosperità comuni".

Grandi progetti 

Nell'autunno del 2013, Xi Jinping, che aveva appena assunto la carica di presidente della Repubblica Popolare Cinese, durante una visita in Kazakistan tenne un discorso "Sviluppare l'amicizia tra i popoli, creando insieme un futuro meraviglioso", proponendo la formazione del Cintura economica della Via della Seta (SREB). Ben presto, già in Indonesia, avanzò l’idea della Via della Seta Marittima (MSR) del 21° secolo. Tutto ciò era collegato al concetto di “One Belt, One Road”: diversi corridoi economici su larga scala dalla Cina all’Asia centrale e sud-orientale, al Medio Oriente, all’Africa, all’Europa e alla Russia.

A tal proposito venne un fondo di investimento con un capitale iniziale di 3,2 miliardi di dollari (che salirà a 16 il 2020), il Silk Road Fund (dieci miliardi con la prospettiva di arrivare a 40). Ora le banche e le aziende cinesi stanno finanziando e costruendo centrali elettriche, ferrovie, autostrade, porti, infrastrutture di telecomunicazioni – fino alle città intelligenti – in tutto il mondo.

Il primo forum di alto livello dedicato alla BRI si è tenuto nel maggio 2017 alla presenza di 29 Stati. Il Secondo forum ha avuto invece luogo nel nel 2019. A quel punto, il numero di paesi che cooperavano con la Cina in un modo o nell’altro sulla BRI era aumentato notevolmente. Anche le strutture internazionali hanno mostrato interesse, tra cui l’ONU, il FMI e l’Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai (SCO).

Ora più di centocinquanta Stati sono coinvolti nella “One Belt, One Road” a livello di vari accordi. “Promuovere la pace, lo sviluppo e i diritti umani, la cooperazione reciprocamente vantaggiosa, il rispetto degli scopi e dei principi della Carta delle Nazioni Unite e del diritto internazionale sono nostre responsabilità comuni – si legge nel comunicato seguito al secondo forum – Raggiungere una crescita forte, sostenibile, equilibrata e inclusiva e migliorare la qualità della vita delle persone sono i nostri obiettivi comuni. Creare un mondo prospero e pacifico con un futuro condiviso è la nostra aspirazione comune”.

La pandemia di coronavirus ha apportato modifiche all’agenda internazionale, pertanto il prossimo incontro ad alto livello sulla BRI, previsto per il 2021, è stato rinviato. Tuttavia, il lavoro nell’ambito dell’iniziativa è continuato. Putin ha ripetutamente sottolineato le prospettive di un'ampia interazione tra vari formati. Così, questo mese, in una riunione plenaria del Valdai International Club, è stato sottolineato: “One Belt, One Road” non è in concorrenza con l’Unione Economica Eurasiatica (EAEU), “un progetto integra armoniosamente l’altro”.

Libro Bianco: "Belt and Road Initiative: A Key Pillar of the Global Community of Shared Future"

n occasione del 10° anniversario della Belt and Road Initiative (BRI), la Cina ha pubblicato - come evidenzia il quotidiano Global Times - un libro bianco: “Belt and Road Initiative: A Key Pillar of the Global Community of Shared Future", che evidenzia il ruolo che l'iconico "progetto del secolo" ha svolto nell'ultimo decennio e i risultati ottenuti nel perseguire l'obiettivo di fornire una piattaforma per la costruzione di una comunità globale dal futuro condiviso.

Con l'espansione della sua portata, la BRI è diventata la più grande piattaforma di cooperazione internazionale al mondo, con la più ampia copertura che va dal coordinamento delle politiche alla connettività delle infrastrutture, al commercio senza ostacoli, all'integrazione finanziaria e a scambi interpersonali più stretti.

Nell'ultimo decennio, la cooperazione BRI ha portato vantaggi reali ai Paesi partecipanti. Ha contribuito al solido sviluppo della globalizzazione economica e ha aiutato a risolvere le sfide dello sviluppo globale e a migliorare il sistema di governance globale. 

"L'iniziativa congiunta ha anche aperto una nuova strada per l'intera umanità per realizzare la modernizzazione e garantire che gli sforzi per costruire una comunità globale dal futuro condiviso stiano dando risultati reali", si legge nel libro bianco.

Il libro bianco, pubblicato dall'Ufficio informazioni del Consiglio di Stato di Pechino, offre alla comunità internazionale una migliore comprensione del valore dell'iniziativa. Mira inoltre a facilitare una cooperazione BRI di alta qualità in futuro e a garantire che l'iniziativa porti benefici a un maggior numero di Paesi e popoli.

Il libro bianco illustra il contesto in cui è stata lanciata la BRI. In risposta al cambiamento della situazione globale e alle aspettative della comunità internazionale, e tenendo conto del futuro e degli interessi generali dell'umanità, la Cina ha proposto la BRI. L'iniziativa è stata lanciata dalla Cina, ma appartiene al mondo e va a beneficio dell'intera umanità, si legge nel Libro bianco.

Inoltre, la globalizzazione economica dominata da pochi Paesi non ha contribuito allo sviluppo comune che porta benefici a tutti. Al contrario, ha ampliato il divario di ricchezza tra ricchi e poveri, tra Paesi sviluppati e in via di sviluppo e all'interno dei Paesi sviluppati.

Il Libro bianco afferma che è imperativo affrontare questi problemi globali, tra cui la crescita economica lenta, le carenze nella governance economica e lo sviluppo economico squilibrato. 

"Non è più accettabile che solo pochi Paesi dominino lo sviluppo economico mondiale, controllino le regole economiche e godano dei frutti dello sviluppo".

L'obiettivo finale della BRI è quello di contribuire a costruire una comunità globale dal futuro condiviso. L'iniziativa congiunta promuove la via del benessere globale, la via della pace, la via della prosperità, la via dell'apertura, la via dell'innovazione e la via del progresso sociale", si legge nel libro bianco.

Il libro bianco sottolinea inoltre che "la BRI è una strada pubblica aperta a tutti, non un percorso privato di proprietà di una singola parte. È libera da calcoli geopolitici. Non mira a creare un club esclusivo, né si rivolge a nessun partito".

Attualmente il mondo si trova in un periodo di turbolenza e trasformazione. La rivalità e la competizione tra i principali Paesi si stanno intensificando; la situazione geopolitica rimane tesa; la ripresa economica globale non si vede ancora all'orizzonte; la guerra fredda e la mentalità a somma zero stanno risorgendo; proliferano anche l'unilateralismo, il protezionismo e l'egemonismo. Un nuovo ciclo di rivoluzioni tecnologiche e trasformazioni industriali ha dato vita a una concorrenza sempre più feroce. Tutto questo pone all'umanità sfide senza precedenti.

Nel Libro bianco si afferma che alcuni Paesi esagerano con il concetto di sicurezza nazionale e cercano il "disaccoppiamento" in nome del "de-risking". In questo contesto, la BRI assume un significato maggiore ed è un'iniziativa di importanza globale.

In qualità di Paese grande e in via di sviluppo che si assume le proprie responsabilità, la Cina continuerà a promuovere la BRI come piano generale e progetto di primo livello per l'apertura e la cooperazione internazionale win-win, si legge nel Libro bianco.

Lo sviluppo impetuoso della BRI dimostra che la Cina non solo ha beneficiato della globalizzazione economica, ma vi ha anche contribuito in quanto ferma sostenitrice e difensore della globalizzazione economica. 

La BRI è in linea con l'Agenda 2030 delle Nazioni Unite per lo sviluppo sostenibile per quanto riguarda il concetto, le misure e gli obiettivi. La BRI mira a promuovere uno sviluppo di qualità superiore attraverso un'apertura di livello superiore e a condividere le opportunità di sviluppo della Cina con il resto del mondo.

Entro giugno 2023, la Cina aveva firmato più di 200 accordi di cooperazione BRI con oltre 150 Paesi e 30 organizzazioni internazionali.

A livello globale, i 193 Stati membri delle Nazioni Unite hanno concordato all'unanimità di incorporare la BRI nella risoluzione delle Nazioni Unite. A livello bilaterale, la BRI è riuscita a coordinarsi con un'ampia gamma di strategie e iniziative, tra cui il quadro dell'Unione Economica Eurasiatica della Russia, la politica economica Bright Road del Kazakistan, l'iniziativa Global Marine Fulcrum dell'Indonesia e il piano di ricostruzione e ripresa economica del Sudafrica.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse di Clara Statello La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO) di Michelangelo Severgnini "L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti