Washington ha fornito all'Ucraina armi per un valore di 1,65 miliardi di dollari

Washington ha fornito all'Ucraina armi per un valore di 1,65 miliardi di dollari

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il ministero degli Esteri russo ha sottolineato che l'aggravarsi della situazione in Ucraina è causato dall'afflusso di mercenari, reclutati dalle missioni diplomatiche ucraine.

In una dichiarazione all'agenzia di stampa Sputnik, il ministero degli Esteri russo ha affermato che negli ultimi due mesi gli Stati Uniti hanno fornito all'Ucraina armi per un valore di 1,65 miliardi di dollari.

Il ministero ha osservato che le autorità di Kiev non sono in grado di immagazzinare in sicurezza le armi che riceve dai paesi della NATO e potrebbero finire sul mercato nero.

Lo stesso scenario siriano dove le armi occidentali dovevano finire ai “ribelli moderati” i quali li rivendevano ai terroristi di al Qaeda e ISIS.

A tal proposito vi rimandiamo all'articolo che scrisse il 27 marzo del 2014 il noto reporter di guerra Robert Fisk su The Indepedent, il quale scrisse all'inizio del suo pezzo: "Beh, Dio benedica Barak Obama. Ha trovato alcuni ribelli “moderati” in Siria. Così “moderati” da fornirgli armi, addestramento e 500 milioni di dollari. Il Congresso degli Stati Uniti vuole armare questi valorosi 'combattenti per la libertà'“. Leggetevi questo articolo e diteci se ci sbagliamo a prefigurare lo stesso scenario anche in Ucraina.

Comunque, giusto per precisarlo, le cifre fornite dal Ministero della Difesa russa sono confermate dal Pentagono nel suo aggiornamento periodico sulle armi fornite all’Ucraina.

Da Mosca hanno fatto male i calcoli per difetto, dal Pentagono, infatti, ricordano che sono stati forniti “più di 1,7 miliardi di dollari in assistenza alla sicurezza dall'invasione russa del 24 febbraio e a 2,4 miliardi di dollari dall'inizio dell'amministrazione.”

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti