Visita a sorpresa di Assad in Russia. Putin denuncia presenza illegale Usa in Siria

Visita a sorpresa di Assad in Russia. Putin denuncia presenza illegale Usa in Siria

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Le potenze occidentali stanno ostacolando il consolidamento della Siria nonostante sia per lo più liberata dai terroristi, ha ricordato il presidente russo Vladimir Putin durante l'incontro con il suo omologo siriano, Bashar Assad, ieri al Cremlino.

 

Gli sforzi congiunti di Russia e Siria hanno inferto un duro colpo ai terroristi, permettendo a Damasco di riprendere il controllo su oltre il 90% del suo territorio, ha evidenziato Putin ad Assad, che ha fatto una visita a sorpresa nella capitale russa. 

Tuttavia, permangono alcuni ostacoli prima che nel Paese sia possibile un “pieno consolidamento del potere” e un “ritorno alla vita normale” , ha aggiunto. La Siria combatte il terrorismo internazionale dal 2011, con la svolta nel conflitto avvenuta dopo il dispiegamento delle forze russe nel paese su richiesta di Damasco nel 2015.

"Il problema principale, a mio avviso, è che forze armate straniere sono presenti in alcune zone del Paese senza alcun mandato dell'ONU, senza la tua autorizzazione, il che contraddice chiaramente il diritto internazionale, e ti impedisce di fare il massimo sforzo per consolidare il Paese e andare avanti il percorso della sua restaurazione ad un ritmo che sarebbe possibile se l'intero territorio fosse controllato da un governo legittimo", ha spiegato il leader russo.

Secondo quanto riferito, circa 900 soldati americani rimangono nel nord della Siria, assistendo le forze democratiche siriane a guida curda nel furto di petrolio e grano dei siriani.

Un altro problema sono i rimanenti "focolai di resistenza dei terroristi che non solo controllano parte del territorio, ma continuano anche a terrorizzare i civili", ha aggiunto Putin. 

Gli eserciti russo e siriano non solo hanno ottenuto risultati impressionanti nella lotta al terrorismo, ma hanno anche "facilitato il ritorno dei rifugiati che sono stati costretti a lasciare le loro case, a lasciare la loro patria", ha sottolineato dal canto suo Assad.

"Il terrorismo internazionale non conosce confini e si diffonde come un'infezione in tutto il mondo, quindi i nostri eserciti hanno dato un enorme contributo alla protezione di tutta l'umanità da questo male",  ha aggiunto il presidente siriano.

Putin si è congratulato con Assad per la sua recente vittoria per la rielezione, vedendola come un chiaro segno che il popolo siriano "si fida" di lui per riportare il Paese a una vita pacifica. Ha espresso la speranza che Assad alla fine unirà tutti gli oppositori politici in un processo di riconciliazione nazionale.

Assad ha riconosciuto la necessità di riparare il dialogo politico all'interno della Siria, ma ha espresso rammarico per il fatto che questo lavoro sia stato sostanzialmente "bloccato negli ultimi tre anni". Secondo il leader siriano, alcuni paesi hanno un' "influenza distruttiva"  sul potenziale processo politico nel paese.

Ha anche ricordato a Putin le sanzioni imposte al paese devastato dalla guerra dagli Stati Uniti, dall'UE e da alcuni stati arabi, definendole "anti-umane" e "illegali".

Ha ringraziato Mosca per il suo supporto militare e diplomatico durante il conflitto, in particolare individuando gli sforzi del ministero degli Esteri russo per difendere il diritto della Siria di decidere il proprio destino e resistere ai tentativi di alcuni paesi di "usare il terrorismo per raggiungere i propri obiettivi".

Un altro tema all'ordine del giorno è stata la pandemia da Covid-19. Putin ha ribadito che Russia e Siria "stanno lavorando insieme per risolvere il problema principale attualmente affrontato dall'umanità". Le consegne dei vaccini Sputnik V e Sputnik Lite Covid-19 in Siria sono già iniziate, ha sottolineato, con Assad che si è detto grato per queste forniture e altri aiuti umanitari forniti da Mosca a Damasco.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

L'opposizione al capitale che non c'è di Paolo Desogus L'opposizione al capitale che non c'è

L'opposizione al capitale che non c'è

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer di Francesco Santoianni Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Caffè: i prezzi andranno alle stelle di  Leo Essen Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Caffè: i prezzi andranno alle stelle

In Cina i salari crescono più del Pil di Pasquale Cicalese In Cina i salari crescono più del Pil

In Cina i salari crescono più del Pil

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Paolo Mieli e la dittatura antifascista di Antonio Di Siena Paolo Mieli e la dittatura antifascista

Paolo Mieli e la dittatura antifascista

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund di Gilberto Trombetta "Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti