Vertice di Alaska. Pechino: "Gli Usa smettano di esportare la loro versione di democrazia"

Vertice di Alaska. Pechino: "Gli Usa smettano di esportare la loro versione di democrazia"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Gli approcci di apertura tra le due potenze sono stati caratterizzati da critiche e ammonimenti, seguiti da reciproche accuse di violazione dei protocolli.

Il Segretario di Stato degli Stati Uniti, Antony Blinken, e il consigliere per la Sicurezza Nazionale, Jake Sullivan, hanno iniziato oggi ad Anchorage (Alaska, USA) un incontro di due giorni con il direttore dell'Ufficio della Commissione Centrale degli Affari Esteri della Cina Yang Jiechi e il ministro degli Esteri Wang Yi in quelli che sono stati i primi colloqui faccia a faccia di alto livello da quando il presidente Joe Biden è entrato in carica.

Tuttavia, i discorsi di apertura, durati più di un'ora anziché pochi minuti, sono stati caratterizzati da critiche e ammonimenti tra le due parti, che si sono anche accusate a vicenda di aver violato il protocollo.  

"Concorrenza rigida" e "preoccupazioni profonde"

Allo stesso modo, il capo della diplomazia cinese ha chiesto a Washington di smettere di promuovere la propria versione di democrazia, in un momento in cui gli stessi Stati Uniti sono stati colpiti dal malcontento interno. "Crediamo che sia importante che gli Stati Uniti cambino la propria immagine e smettano di promuovere la propria democrazia nel resto del mondo", ha sottolineato Yang, ricordando che "molte persone negli Stati Uniti hanno in realtà poca fiducia nella democrazia". 

"La Cina non accetterà accuse ingiustificate da parte americana", ha avvertito Yang, sottolineando che i recenti eventi hanno fatto precipitare le relazioni bilaterali "in un periodo di difficoltà senza precedenti" che "ha danneggiato gli interessi" dei due popoli. "Non c'è modo di strangolare la Cina", ha ricordato il diplomatico, sottolineando la necessità di abbandonare la "mentalità da guerra fredda".

Accuse di "violazione del protocollo"

Il Dipartimento di Stato Usa ha criticato la delegazione cinese per aver violato il limite di tempo concordato di due minuti per le osservazioni di apertura, e ha suggerito che i suoi portavoce sembrano essere arrivati "con l'intenzione di essere roboanti, concentrati sulla teatralità pubblica e sul dramma, piuttosto che sulla sostanza".

Da parte sua, la delegazione cinese ha assicurato di essere arrivata in Alaska "con la testa al dialogo strategico", mentre la parte americana "ha sforato per prima il suo tempo e ha fatto accuse irragionevoli , che non erano in linea con il protocollo diplomatico, quindi la Cina ha dato una risposta severa."

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

L’Iran come la Siria nel 2011? di Francesco Santoianni L’Iran come la Siria nel 2011?

L’Iran come la Siria nel 2011?

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE di Marinella Mondaini L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva? di Michelangelo Severgnini Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo di Paolo Pioppi Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra