Verifica dei fatti: l'Iran non ha condannato a morte "15.000" manifestanti

Verifica dei fatti: l'Iran non ha condannato a morte "15.000" manifestanti

Scontri a Teheran, capitale dell'Iran, 8 ottobre 2022. (Foto: IRNA)

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Un adagio attribuito ad Eschilo recita: “in guerra la verità è la prima vittima”. Forse andrebbe aggiunto che anche il pudore non sta messo meglio. Quando si tratta di disordini in paesi non allineati all’occidente, i media maintream sono dei megalomani che superano se stessi, si sentono nel diritto di pubblicare qualsiasi tipo di menzogna, con l’arroganza di aggredire coloro che contestano le loro fake news e accusarli di essere al soldo di quello che definiscono come un Hitler di turno.

Un’altra vittima, come adesso avviene in Iran, ed era già avvenuto in Libia, Siria, Venezuela, è di certo pure la fantasia.

Il copione delle coperture mediatiche è sempre lo stesso, le fonti sono sempre uguali, “osservatori” “indipendenti” per i “diritti umani” che da chilometri di distanza sparano cifre su morti e feriti senza la minima verifica.

Facciamo un esempio. Negli ultimi giorni, i social media sono stati inondati da notizie prive di fondamento secondo cui la Repubblica islamica dell'Iran avrebbe condannato a morte 15.000 manifestanti sulla scia delle proteste di piazza e dei violenti disordini scatenati dalla morte di Mahsa Amini.

Le accuse fuorvianti derivano in gran parte da un articolo del 6 novembre dell'agenzia di stampa Iran International , con sede nel Regno Unito e finanziata dai sauditi, di proprietà di Volant Media UK Ltd, riguardante una lettera firmata dalla maggioranza dei legislatori iraniani.

In questa lettera, 227 legislatori su 290 hanno esortato la magistratura a prendere in considerazione severe punizioni per le persone coinvolte nei disordini.

“Noi, i rappresentanti di questa nazione, chiediamo a tutti i funzionari statali, compresa la magistratura, di trattare coloro che hanno fatto la guerra [contro la Repubblica islamica] e hanno attaccato la vita e le proprietà delle persone come [terroristi dell'ISIS], in un modo che servirebbe da una buona lezione nel più breve tempo possibile”, si legge nella loro lettera-comunicato.

Nel giro di pochi giorni, organi di stampa occidentali come Newsweek hanno scelto di fraintendere questa storia, trasformandola completamente in una notizia falsa, sostenendo che il parlamento iraniano "ha votato in modo schiacciante a favore della pena di morte per i manifestanti".

Molti personaggi pubblici occidentali – tra cui celebrità come Peter Frampton,  Sophie TurnerViola Davis e il primo ministro canadese Justin Trudeau – hanno gettato benzina sul fuoco, diffondendo spudoratamente l' ultima fake news contro l'Iran.

In realtà a Teheran non c'è stato alcun voto del genere, in quanto firmare una lettera non equivale ad approvare una legge. Inoltre, il parlamento iraniano non emette condanne, in quanto la magistratura è prevista dalla costituzione iraniana come un ramo separato del governo.

Il capitolo 11 della costituzione definisce ulteriormente il ruolo della magistratura come potere indipendente.

A confondere ulteriormente le acque, la cifra di 15.000 manifestanti arrestati dalle autorità iraniane proviene dall'agenzia di stampa per gli attivisti per i diritti umani (HRANA).

HRANA, con sede negli Stati Uniti, si sospetta, tra l'altro, che sia  il braccio mediatico degli attivisti per i diritti umani in Iran (HRAI), oltre al fatto che possa ricevere finanziamenti dal National Endowment for Democracy (NED), un fronte di soft power della CIA che per decenni ha finanziato gli sforzi per regime change in tutto il mondo globo.

Ufficialmente, l'Iran ha finora condannato a morte un manifestante con l'accusa di "disturbo della pace e dell'ordine pubblico, adunata sediziosa e cospirazione per commettere un crimine contro la sicurezza nazionale e la corruzione sulla terra", ha riferito ieri l'agenzia di stampa statale IRNA.

Secondo quanto riferito, la persona ha dato fuoco a un centro governativo nella provincia di Teheran.

Altri cinque sono stati condannati da cinque a 10 anni di carcere con l'accusa di "adunata sediziosa e collusione per commettere crimini contro la sicurezza nazionale e disturbo dell'ordine pubblico e della pace".

Alla fine del mese scorso, la magistratura iraniana ha annunciato che 1.000 persone sarebbero state processate in pubblico a Teheran per la loro partecipazione alle rivolte.

Le autorità iraniane hanno accusato le potenze straniere di aver incitato alla violenza di strada nel tentativo di forzare la caduta del governo. Anche ex funzionari statunitensi hanno ammesso che i gruppi separatisti nell'Iran occidentale vengono addestrati e armati nella regione del Kurdistan iracheno (IKR) proprio per questo scopo.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

"Attuare la Costituzione" sull'autonomia differenziata di Paolo Maddalena "Attuare la Costituzione" sull'autonomia differenziata

"Attuare la Costituzione" sull'autonomia differenziata

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Cosa resta del No Green Pass dopo la sentenza della Consulta? di Francesco Santoianni Cosa resta del No Green Pass dopo la sentenza della Consulta?

Cosa resta del No Green Pass dopo la sentenza della Consulta?

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani di Giacomo Gabellini Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare? di Alberto Fazolo Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo di Pasquale Cicalese La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Apocalisse epidemica di Damiano Mazzotti Apocalisse epidemica

Apocalisse epidemica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti