Venezuela: Maduro chiede alla Guyana di cessare le provocazioni nella disputa territoriale sull'Essequibo

Venezuela: Maduro chiede alla Guyana di cessare le provocazioni nella disputa territoriale sull'Essequibo

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

In relazioni alle recenti provocazioni riguardo il territorio conteso dell’Essequibo, il presidente della Repubblica Bolivariana del Venezuela Nicolas Maduro ha chiesto al governo della Guyana di cessarle immediatamente. 

Maduro ha fatto riferimento ai commenti del primo ministro della Guyana Mark Phillips, il quale ha affermato che "il tempo è finito" per un negoziato sulla questione.

Durante un atto dell'Unione Nazionale in Difesa dell'Essequiba Guayana al Teatro Teresa Carreño di Caracas, Maduro ha definito tali commenti "arroganti" e "sconsiderati", osservando che Phillips stava "offendendo e provocando il Venezuela".

"Il Venezuela non è un Paese di vigliacchi, siamo un Paese di pace, ma disposto a difendere i diritti storici, i propri diritti”, ha detto Maduro e ha invitato "a rispettare il Venezuela, primo ministro della Guyana. Basta offese, basta provocazioni".

Il presidente venezuelano ha anche fatto riferimento al referendum previsto per il 3 dicembre, che si terrà nonostante l'azione sconsiderata della Guyana nella sua richiesta senza precedenti alla Corte Internazionale di Giustizia (CIG), che si è dichiarata competente a decidere sulla questione.

"Il nostro popolo deciderà, sovranamente e democraticamente, il proprio futuro, il proprio destino. Io credo nel Venezuela, credo nella nostra patria. Uniamoci al di sopra delle differenze e la nostra patria sarà grande", ha detto il presidente. 

Il giorno precedente l’intervento di Maduro, il Primo Ministro della Guyana aveva espresso in una sessione straordinaria dell'Assemblea legislativa del Paese la sua fiducia nel processo portato avanti dalla CIG in relazione all'Essequibo. La sessione si è conclusa con una mozione per respingere il referendum in Venezuela.

Caracas ha lanciato lunedì la campagna “Venezuela Toda“ per "cinque volte sì" nel referendum del mese prossimo, che consiste in cinque domande sulla storica disputa del Venezuela con la Guyana sul territorio dell'Essequibo. Una mobilitazione nazionale ha segnato l'inizio della campagna per il referendum, al quale potranno partecipare oltre 20 milioni di cittadini.

Il 71% dei venezuelani vuole partecipare al referendum consultivo

Il presidente della società di sondaggi Hinterlaces, Oscar Schémel, ha affermato che il 71% dei venezuelani è orientato a votare al referendum consultivo sull'Essequibo, che si terrà il 3 dicembre.

Attraverso il social network X, Schémel ha sottolineato che solo nel primo giorno della campagna 5 volte sì, la grande maggioranza dei venezuelani ha espresso la propria intenzione di partecipare al processo consultivo.

"Nel primo giorno della campagna 5 VOLTE SI', il 71% dei venezuelani ha dichiarato la propria volontà di votare al Referendum consultivo in difesa dei nostri diritti storici sul territorio ESSEQUIBO”, ha scritto nel suo post su X. 

Campagna Venezuela Toda 

Da questo lunedì e fino al 1° dicembre si svolgerà in tutto il Paese una campagna sul referendum consultivo in difesa dell'Essequibo. Nel primo giorno della campagna Venezuela Toda sono state registrate più di 335 mobilitazioni in tutto il Paese.

A questo proposito, il Presidente della Repubblica, Nicolás Maduro, attraverso il social network X, ha ringraziato i venezuelani per la partecipazione a tutte le attività in difesa dell'Essequibo.

Questo 6 novembre è iniziata una campagna elettorale educativa, istruttiva, mobilitante e gioiosa in tutte i quartieri, i comuni e gli Stati del Paese. ¡Venezuela Toda! Abbiamo avuto giornate esemplari in cui i bambini e i giovani hanno realizzato canzoni, video, poesie, disegni e danze in difesa del nostro Esequibo", ha affermato il leader bolivariano.

Ha inoltre sottolineato che i venezuelani sono disposti a combattere per il loro territorio e la loro sovranità. "Il Venezuela è pieno di forza morale e spirituale per la difesa del nostro Essequibo. Verso il grande giorno di consultazione popolare del 3 dicembre, il sole del Venezuela sorge nell'Essequibo”. 

Maduro ha poi ricordato che il Consiglio Nazionale Elettorale (CNE) ha programmato una simulazione della consultazione popolare per il 19 novembre. "Siamo l'unico Paese al mondo che effettua simulazioni e dispone di un sistema automatizzato, sicuro e affidabile. Il popolo venezuelano è esperto di processi elettorali e lo dimostreremo il 3 dicembre".

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Meloni al contrattacco di Pasquale Cicalese Meloni al contrattacco

Meloni al contrattacco

La rete di ingerenza creata dagli Stati Uniti contro Cuba di Andrea Puccio La rete di ingerenza creata dagli Stati Uniti contro Cuba

La rete di ingerenza creata dagli Stati Uniti contro Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti