Venezuela: governo incorpora Alex Saab nel dialogo con opposizione

Venezuela: governo incorpora Alex Saab nel dialogo con opposizione

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il governo del Venezuela ha deciso di incorporare il diplomatico Álex Saab nella delegazione che il governo di Caracas ha inviato a Città del Messico per il tavolo di dialogo con l’opposizione. 

"Vogliamo informare l'opinione pubblica della decisione di incorporare il diplomatico venezuelano Alex Saab come membro a pieno titolo di questa delegazione del governo bolivariano e come delegato a pieno titolo al tavolo”, ha affermato Jorge Rodriguez, capo delegazione e presidente dell’Assemblea Nazionale venezuelana. 

Rodríguez ha ricordato che Saab è stato detenuto mentre svolgeva funzioni diplomatiche, in rappresentanza del governo della Repubblica Bolivariana del Venezuela, per ottenere medicinali e cibo per il popolo venezuelano, vittima delle conseguenze delle misure coercitive unilaterali imposte dagli Stati Uniti al Paese sudamericano.

"Il diplomatico venezuelano Álex Saab è perfettamente qualificato e possiede le caratteristiche, per le funzioni che ha svolto, per far parte a pieno titolo della delegazione del governo della Repubblica Bolivariana del Venezuela, presieduta da Nicolás Maduro Moros", ha spiegato Rodríguez.

Al contempo, ha informato che l'incorporazione di Saab sarà officiata dai facilitatori del dialogo del Regno di Norvegia, dei paesi accompagnatori e dall’opposizione venezuelana, che non ha espresso contrarietà alla volontà espressa dal governo di coinvolgere Saab nel processo di dialogo.

Bisogna ricordare che il diplomatico venezuelano si trova da oltre 400 giorni in un carcere dell'isola di Capo Verde - sequestrato secondo il governo venezuelano - dove è stato fermato mentre il suo volo faceva scalo all'aeroporto Amilcar Cabral sull'isola di Sal di Capo Verde, a causa di un mandato di cattura della governo degli Stati Uniti, paese che richiede la sua estradizione per aver collaborato con il governo venezuelano nell'acquisizione di cibo per i Claps (che forniscono cibo sovvenzionato alla popolazione colpita dalle sanzioni). Circostanza che viola le illegali sanzioni imposte dal paese nordamericano al Venezuela.

Il governo venezuelano sostiene che la detenzione è contraria a tutti i regolamenti internazionali, all'Accordo di Ginevra (dal momento che Saab era stato altrimenti nominato diplomatico dal governo venezuelano) e al diritto a un giusto processo.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

L'opposizione al capitale che non c'è di Paolo Desogus L'opposizione al capitale che non c'è

L'opposizione al capitale che non c'è

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer di Francesco Santoianni Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Caffè: i prezzi andranno alle stelle di  Leo Essen Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Caffè: i prezzi andranno alle stelle

In Cina i salari crescono più del Pil di Pasquale Cicalese In Cina i salari crescono più del Pil

In Cina i salari crescono più del Pil

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Paolo Mieli e la dittatura antifascista di Antonio Di Siena Paolo Mieli e la dittatura antifascista

Paolo Mieli e la dittatura antifascista

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund di Gilberto Trombetta "Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti