Venezuela: arrestata una donna implicata in un complotto per assassinare Maduro

Venezuela: arrestata una donna implicata in un complotto per assassinare Maduro

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La Procura del Venezuela ha annunciato domenica l'arresto di Rocío del Carmen San Miguel Sosa, su cui pendeva un mandato di cattura per il presunto coinvolgimento nel complotto e nel tentativo di assassinio del presidente Nicolás Maduro, noto come ‘Brazalete Blanco’. 

La notizia è stata diffusa attraverso i social network del Procuratore Generale della Repubblica, Tarek William Saab, dove sono stati forniti dettagli sui motivi dell'arresto e sugli obiettivi della trama golpista oggetto di indagine.

"La Procura della Repubblica comunica l'arresto di Rocío del Carmen San Miguel Sosa, in virtù di un mandato di cattura nei suoi confronti per il presunto collegamento e riferimento al complotto e al tentativo di assassinio denominato 'Brazalete Blanco', il cui obiettivo era attentare alla vita del capo di Stato Nicolas Maduro e di altri alti funzionari", ha riferito Tarek William Saab come riporta l’emittente teleSUR.

Ha aggiunto che "le indagini proseguono, raccogliendo prove da persone legate a questi gravi fatti all'interno e all'esterno del Paese, come sempre in conformità con le disposizioni della nostra Costituzione, le leggi della Repubblica e gli standard nazionali e internazionali per la protezione dei diritti umani".

San Miguel, critica del governo venezuelano e presidente della ONG Control Ciudadano, è stata arrestata venerdì all'aeroporto Maiquetia di Caracas mentre lei e sua figlia "si stavano preparando a lasciare il Paese", ha dichiarato all'Associated Press Gonzalo Himob, vice direttore dell'organizzazione non governativa Foro Penal, altra organizzazione legata a filo doppio a Washington. 

L'arresto di San Miguel, che è anche un attivista ed esperta in tematiche militari, ha suscitato critiche da parte di alcune organizzazioni per i diritti umani e di politici dell'opposizione, definendolo un atto "arbitrario".

L'annuncio arriva dopo che il governo venezuelano ha riferito di aver neutralizzato cinque complotti di assassinio contro Maduro e altre autorità venezuelane nel corso del 2023.

Maduro ha denunciato che gli attentati sono stati pianificati in Colombia, con la partecipazione della Drug Enforcement Administration (DEA) e della Central Intelligence Agency (CIA) statunitensi, e con la collaborazione dell'opposizione interna per generare il caos e indebolire le istituzioni del Paese, proprio nel 2024, anno delle elezioni presidenziali in Venezuela.

Un totale di 36 persone coinvolte in queste cospirazioni sono state arrestate - 12 dal "Brazalete blanco" - e 22 persone con mandato di arresto, ha dichiarato Saab, come riportato da HispanTv.

Maduro ha invitato la nazione bolivariana a rafforzare l'unità in vista delle elezioni presidenziali di quest'anno e a sventare i tentativi dei “nemici” e dei “traditori della patria” di generare divisione e odio nel Paese.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti