Vaccinazioni di massa? Prima una rivoluzione che tolga il monopolio scientifico alle multinazionali del farmaco

Vaccinazioni di massa? Prima una rivoluzione che tolga il monopolio scientifico alle multinazionali del farmaco

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Antonio Di Siena*


Quello che continua a sfuggire a molti acritici sostenitori di vaccinazioni e trattamenti sanitari obbligatori è un concetto banale ma, apparentemente, complicato da capire.

Agli occhi di milioni di persone, infatti, non è la scienza di per sé ad essere in profonda crisi di credibilità. Quanto piuttosto il principio di autorità che a questa sottostà.

Detto in altre parole.

I cittadini rigettano la scienza perché non si fidano più delle realtà che la regolano e ne consentono il corretto funzionamento.

Non si fidano dello Stato, della politica, della giustizia, dell’istruzione, della sanità, del libero mercato... e quindi non si fidano della scienza.

Non è certamente un‘avversione pienamente consapevole, quanto piuttosto istintiva. Un riflesso inconscio di ripiegamento difensivo nei confronti di un mondo che ha trasformato tutto in merce, persino la vita umana.

Una ritirata che per alcuni significa attestarsi su posizioni di mera prudenza, o cautelative, mentre per altri sfocia nell’anti-scientificità. Quando non in aperto negazionismo.

La crisi quindi non è settoriale, ma sistemica. Chi pensa di risolverla con l’ottuso scientismo o, peggio ancora, a colpi di decreto non fa altro che indurre un’accelerazione degenerativa del processo in atto.

La risposta che serve dev’essere di natura organica e implica la messa in discussione dell’intero universo valoriale della modernità liberal-progressista.

Non soltanto, quindi, sottrarre il monopolio scientifico dalle mani delle multinazionali, dalle lobby del farmaco e dagli organismi sovranazionali privi di qualunque controllo democratico e popolare. Ma il superamento, prima sul
piano etico-filosofico e poi su quello giuridico, del primato della scienza sulla politica. Diversamente trecento e passa anni di battaglie illuministe altro non avranno fatto che traghettarci da una società teocratica verso un’altra pienamente scientista.

Che sarebbero più o meno la stessa cosa.

*Autore di "Memorandum. Una moderna tragedia greca" (L.A.D., 2020)



 

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti