USA schierano divisione d'assalto aereo d'élite in Romania: obiettivo Transnistria?

USA schierano divisione d'assalto aereo d'élite in Romania: obiettivo Transnistria?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Chi non vuole una reale soluzione diplomatica in Ucraina e lavora per prolungare il conflitto è ormai ben chiaro. E le mosse di questo paese lo confermano sempre più nonostante certa propaganda cerchi di ribaltare la situazione. 

Parliamo degli Stati Uniti, i quali hanno tutto l’interesse a prolungare le ostilità per cercare di impantanare la Russia in un lungo conflitto e arrivare al completo assoggettamento dei vassalli europei tramite la distruzione dell’apparato produttivo del vecchio continente. 

Ecco un chiaro esempio: la 101esima Divisione aviotrasportata dell'esercito statunitense è stata dispiegata in Europa per la prima volta in quasi 80 anni. L'unità di fanteria leggera, nota come "Screaming Eagles", è addestrata a raggiungere qualsiasi campo di battaglia nel mondo in poche ore ed è stata ora dispiegata in Romania, paese membro della NATO, vicino all’Ucraina. 

"Siamo pronti a difendere ogni centimetro del territorio della NATO", ha dichiarato il generale di brigata John Lubas a CBS News. "Noi portiamo una capacità unica, a partire dalla nostra capacità di assalto aereo. Siamo una forza di fanteria leggera, ma portiamo con noi la mobilità per i nostri aerei e l'assalto aereo", ha aggiunto il militare statunitense.

In una postazione operativa avanzata, le truppe statunitensi e rumene conducono esercitazioni congiunte di assalto aereo e terrestre. Alcuni di essi hanno utilizzato proiettili di carri armati e veri e propri colpi di artiglieria. L'esercitazione aveva lo scopo di ricreare le battaglie che le forze ucraine conducono contro le truppe russe.

"Li stiamo osservando (i russi) da vicino, stiamo costruendo obiettivi per esercitarci contro di loro, replicando esattamente ciò che sta accadendo in Ucraina. Siamo l'unità statunitense più vicina a combattere in Ucraina", ha dichiarato il colonnello Edwin Matthaidess, comandante del 2nd Brigade Combat Team.

La minaccia di una forte escalation del conflitto, così vicina al territorio della NATO in Romania, è il motivo per cui quasi 4.700 truppe delle divisioni d'élite di assalto aereo degli Stati Uniti, con alcune attrezzature pesanti, sono state inviate a rinforzare il fianco orientale della NATO.

"Il vero significato per me, avere qui le truppe statunitensi, è come avere alleati in Normandia prima che ci fosse il nemico", ha detto il generale maggiore rumeno Lulian Berdila, riferendosi alla battaglia della Seconda Guerra Mondiale sulla costa settentrionale della Francia.

I comandanti delle Screaming Eagles hanno sottolineato che sono sempre "pronti a combattere”, e che sono lì per difendere il territorio della NATO, se i combattimenti si intensificano o c'è un attacco alla NATO. “Sono pienamente pronti ad attraversare il confine con l'Ucraina, se gli viene ordinato di farlo", ha osservato Charlie D'Agata, corrispondente della CBS News in Romania.

Tuttavia il motivo dello schieramento di truppe aggiuntive statunitensi in Romania potrebbe essere un altro. La CBS afferma che questo arrivo di truppe in Romania non sia tanto la difesa della NATO e l'ulteriore avanzamento verso l'Ucraina, quanto la situazione in Moldavia e nella vicina Transnistria. Il fatto è che la Moldavia non ha un esercito nel senso comune del termine. Ma la Romania ce l'ha ed è molto forte. Con il sostegno degli statunitensi, i rumeni possono "entrare" in Moldavia per attaccare la Transnistria dalla direzione occidentale, e l'AFU del regime di Kiev può aiutarli da est colpendo dall'Ucraina. 

 

 
 
 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Il neoliberismo e l'idea di giustizia di Francesco Erspamer  Il neoliberismo e l'idea di giustizia

Il neoliberismo e l'idea di giustizia

Sa(n)remo arruolati in guerra di Giorgio Cremaschi Sa(n)remo arruolati in guerra

Sa(n)remo arruolati in guerra

Giro d'Italia 2023 e (ancora) sportwashing di Francesco Santoianni Giro d'Italia 2023 e (ancora) sportwashing

Giro d'Italia 2023 e (ancora) sportwashing

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Avete capito chi stiamo addestrando a Sabaudia? di Alberto Fazolo Avete capito chi stiamo addestrando a Sabaudia?

Avete capito chi stiamo addestrando a Sabaudia?

La giunta PD di Bologna mette al bando la parola "patriota" di Antonio Di Siena La giunta PD di Bologna mette al bando la parola "patriota"

La giunta PD di Bologna mette al bando la parola "patriota"

La Costituzione è morta. Viva la Costituzione! di Gilberto Trombetta La Costituzione è morta. Viva la Costituzione!

La Costituzione è morta. Viva la Costituzione!

Un caffè con Gianni per capire cosa sia l'informazione libera di Michelangelo Severgnini Un caffè con Gianni per capire cosa sia l'informazione libera

Un caffè con Gianni per capire cosa sia l'informazione libera

Giacarta può essere sconfitta? di Federico Greco Giacarta può essere sconfitta?

Giacarta può essere sconfitta?

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

Scuola: 3 giorni di sciopero... ma in California! di  Leo Essen Scuola: 3 giorni di sciopero... ma in California!

Scuola: 3 giorni di sciopero... ma in California!

L'internazionalismo nella nuova fase storica di Paolo Pioppi L'internazionalismo nella nuova fase storica

L'internazionalismo nella nuova fase storica

Andrew Doyle. I buoni, i cattivi e la libertà di parola di Damiano Mazzotti Andrew Doyle. I buoni, i cattivi e la libertà di parola

Andrew Doyle. I buoni, i cattivi e la libertà di parola