Un vero sessantottino... con l'aggravante del ritardo di mezzo secolo

Un vero sessantottino... con l'aggravante del ritardo di mezzo secolo

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Di Maio è un vero sessantottino, con l'aggravante del ritardo di mezzo secolo, e dunque della piena consapevolezza di cosa significhi esserlo.
 
Come i sessantottini, ha usato il bisogno di giustizia della gente e il sogno della rivoluzione, ossia di un cambiamento profondo che portasse al bene comune, per affermarsi, come mai avrebbe potuto fare con le sue scarse capacità. Procedura molto liberista: si ignorano le regole per non essere sottoposti alle loro verifiche, ma le si riafferma non appena arrivino la notorietà, il denaro e il potere, in modo da legittimare la propria nuova posizione.
 
Opportunismo? Molto peggio: perché per fare i suoi interessi Di Maio ha bruciato la fiducia nella politica di milioni di italiani. Capisco che non fosse pronto a fare il martire (il coraggio uno non se lo può dare, diceva don Abbondio, geniale rappresentazione letteraria di un tipo di carattere diffuso in Italia), ma almeno un po' di dignità poteva mostrarla dimettendosi dal governo e dal Parlamento e ritirandosi a vita privata; invece, come Renzi, il suo unico scopo era, fin dal principio evidentemente, il successo personale. Leggo che il suo nuovo gruppo si chiamerà "Insieme per il futuro": roba da americani riempirsi la bocca di ciò che non esiste e che dunque è indimostrabile, oltre a non richiedere neppure un minimo di competenza.
 
Non rimpiango di avergli dato credito; l'unica volta che l'ho incontrato mi aveva fatto una buona impressione e non riesco, nonostante tutto, a dare ragione a quelli che pregiudizialmente lo disprezzavano in quanto bibitaro. Ma ora lo considero un rinnegato, un traditore, da sbattere in fondo all'inferno, nel nono cerchio, ma soprattutto da contrastare, sconfiggere; quale che sia il partito che lo accoglierà (o lo ha già accolto?), sarà per me il partito contro cui combattere. Cosa difficile, lo so, perché sicuramente si tratterà di un partito di gomma, aggregazione di arrivisti, trasformisti e conformisti, in sostanza dei personaggi che da decenni stanno immiserendo il nostro paese.

Francesco Erspamer

Francesco Erspamer

 

Professore di studi italiani e romanzi a Harvard; in precedenza ha insegnato alla II Università di Roma e alla New York University, e come visiting professor alla Arizona State University, alla University of Toronto, a UCLA, a Johns Hopkins e a McGill

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti