Turchia e Russia studiano "alternative al sistema SWIFT"

Turchia e Russia studiano "alternative al sistema SWIFT"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Ankara e Mosca stanno studiando la possibilità di utilizzare un sistema alternativo a SWIFT per i pagamenti, ha dichiarato a Sputnik una fonte del settore bancario turco.

"Sì, sono state discusse alternative a SWIFT a causa della situazione", ha dichiarato la fonte a Sputnik.

La fonte ha aggiunto che la Turchia sta attualmente studiando il Financial Message Transfer System (SPFS), che è l'equivalente di SWIFT sviluppato dalla Banca Centrale della Russia.

"Per quanto ne sappiamo, ci sono già Paesi con cui la Russia effettua transazioni finanziarie con questo sistema. Pertanto, ci sono possibilità di applicazione. È necessaria un'analisi approfondita da parte di esperti di entrambe le parti per evitare possibili incidenti", ha aggiunto.

L'SPFS della Banca Centrale Russa è stato creato in risposta alla probabilità, ormai concreta, di escludere le banche russe dalla rete SWIFT, che copre più di 11.000 grandi organizzazioni di quasi tutti i Paesi del mondo.

Secondo la presidente della Banca centrale russa, Elvira Nabiullina, alla fine di gennaio si sono uniti alla piattaforma russa 159 partecipanti stranieri di 20 Paesi.

Il 1° febbraio, il quotidiano russo Vedomosti ha riferito che le banche turche hanno inasprito la loro politica nei confronti dei clienti russi. Secondo il giornale, alcuni istituti finanziari hanno chiuso i conti di società russe e stanno formulando requisiti più severi per le persone russe che richiedono carte bancarie. A differenza del 2022, queste restrizioni riguardano ora le aziende che non sono nemmeno soggette a sanzioni.

Il portavoce presidenziale russo Dmitry Peskov ha dichiarato che Mosca è al corrente della situazione e sta negoziando con Ankara.

Benefici del passaggio al sistema SPFS

Negli ultimi anni, la Russia e la Turchia hanno esplorato strade per migliorare i propri sistemi finanziari e rafforzare i propri legami economici. Uno sviluppo degno di nota è il potenziale passaggio dall’utilizzo dei sistemi di pagamento tradizionali al sistema SPFS. 

Il sistema SPFS offre notevoli vantaggi in termini di velocità delle transazioni. Rispetto ai tradizionali sistemi di pagamento internazionali, che coinvolgono intermediari, il sistema SPFS consente trasferimenti quasi istantanei tra le banche in Russia e Turchia. Questa velocità consente alle aziende di condurre transazioni transfrontaliere in modo più efficiente, riducendo i ritardi ed eliminando la necessità di lunghi processi di compensazione. Transazioni più rapide sono essenziali nell'economia globale frenetica di oggi e il sistema SPFS può aiutare ad accelerare i flussi finanziari tra la Russia e la Turchia.

Un altro vantaggio del sistema SPFS è la possibilità di ridurre i costi di transazione. I sistemi di pagamento tradizionali spesso coinvolgono più intermediari, ognuno dei quali aggiunge le proprie commissioni, il che può aumentare in modo significativo il costo complessivo delle transazioni transfrontaliere. Passando al sistema SPFS, la Russia e la Turchia possono regolare direttamente i pagamenti tra i loro sistemi bancari, mitigando la necessità di intermediari costosi.

Il sistema SPFS offre misure di sicurezza avanzate, rendendo le transazioni più robuste contro potenziali attacchi informatici. Poiché il sistema opera all’interno di una rete chiusa, riduce la vulnerabilità alle minacce esterne rispetto ai tradizionali sistemi di pagamento internazionali che sono più suscettibili ad attacchi hacker o intercettazioni.

Abbandonando lo SWIFT Russia e Turchia rafforzeranno anche la la sovranità finanziaria, poiché entrambi i paesi diventano meno dipendenti dai sistemi di pagamento esteri. Promuovendo la sovranità finanziaria, il sistema SPFS apre la strada alla Russia e alla Turchia per affermare la propria indipendenza sulla scena globale ed esercitare una maggiore influenza sul proprio destino economico.

Infine, il passaggio al sistema SPFS serve a rafforzare le relazioni bilaterali tra Russia e Turchia. Sviluppando un metodo più diretto ed efficiente per le transazioni finanziarie, entrambi i paesi possono approfondire i legami economici, migliorare le relazioni commerciali e incoraggiare gli investimenti transfrontalieri. L’utilizzo del sistema SPFS promuove la fiducia reciproca e dimostra l’impegno a collaborare e a superare le sfide nel settore finanziario. Questa relazione bilaterale rafforzata avrà effetti di ricaduta positivi, promuovendo la crescita economica, la stabilità e una maggiore cooperazione tra Russia e Turchia.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti