Sukhoi e MiG conquisteranno il 10% del mercato globale dei caccia nel 2021

Sukhoi e MiG conquisteranno il 10% del mercato globale dei caccia nel 2021

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

I caccia prodotti in Russia hanno avuto in passato e continuano ad avere tutt’oggi un indubbio successo in tutto il mondo. 

Secondo le previsioni della rivista Aviation Week & Space Technology i jet da combattimento delle imprese russe Sukhoi e MiG rappresenteranno il 10% del mercato globale degli aerei da caccia nel periodo 2021-2025, come riporta l’agenzia TASS. 

Secondo quanto afferma l’agenzia di stampa russa il mercato globale degli aerei da caccia è stimato a $ 162,6 miliardi nel 2021-2025. Sukhoi ne rappresenterà il 9% ($ 15,2 miliardi), mentre MiG ne avrà l'1% ($ 2,1 miliardi).

Sukhoi sarà tra i primi tre produttori di aerei da combattimento più grandi del mondo, dopo Boeing con il 10% ($ 16,4 miliardi) e Lockheed Martin con il 48% ($ 77,8 miliardi).

Nel 2021-2025, Sukhoi dovrebbe produrre 218 aerei da combattimento, cifra che rappresenta l'11% della produzione globale di aerei da caccia. MiG dovrebbe produrre 43 velivoli (2%). 

La rivista include anche il caccia Su-35 nella sua lista dei jet da combattimento più importanti nel 2021-2025.

Settore trasporti militari

Nella sua indagine sull'industria degli aerei da trasporto militare, la rivista ha affermato che il produttore di aerei russo Ilyushin produrrà il 12% di tutti i velivoli sul mercato globale nel 2021-2025.

Secondo Aviation Week & Space Technology, Ilyushin produrrà 69 aerei da trasporto militare nel periodo riportato. Sarà il quarto nella lista dei maggiori produttori di aerei da trasporto del mondo, dopo Boeing (88 aerei o 15%), Airbus (99 aerei o 17%) e Lockheed Martin (127 aerei o 21%).

Potrebbe anche interessarti

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

L’Iran come la Siria nel 2011? di Francesco Santoianni L’Iran come la Siria nel 2011?

L’Iran come la Siria nel 2011?

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE di Marinella Mondaini L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva? di Michelangelo Severgnini Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo di Paolo Pioppi Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra