Sputnik V arriva a San Marino. I diplomatici statunitensi chiedono vaccino russo

Sputnik V arriva a San Marino. I diplomatici statunitensi chiedono vaccino russo

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.

 

Il ministero della Salute sammarinese ha approvato l'uso del vaccino russo contro il coronavirus Sputnik V, riporta in un comunicato il Fondo russo per gli investimenti diretti (RDIF).

La registrazione è stata effettuata nell'ambito di un'autorizzazione all'uso di emergenza (USA). In questo modo, la Repubblica di San Marino è diventata il trentesimo Stato al mondo ad approvare il farmaco. Allo stesso tempo, il farmaco è uno dei tre vaccini globali contro il coronavirus in termini di numero di approvazioni ricevute dai regolatori statali.

 

PROSSIMAMENTE: 'Emergenza Covid' di Giulio Tarro in Collaborazione con Francesco Santoianni 

 

"Lo stato più antico d'Europa, San Marino, si è unito ad altri 29 paesi nel mondo oggi, dove lo Sputnik V diventerà uno dei principali strumenti nella lotta contro il coronavirus. Il vaccino Sputnik V è ampiamente riconosciuto dai medici specialisti e dalle autorità di regolamentazione del governo come uno dei farmaci più efficaci, sicuri e convenienti ", ha detto in un comunicato Kiril Dmitriev, direttore generale di RDIF.

Diplomatici statunitensi chiedono di essere vaccinati con lo Sputnik V

I diplomatici statunitensi in servizio in Russia hanno chiesto a Mosca di vaccinarsi contro il coronavirus con il vaccino russo Sputnik V, a causa della fornitura limitata e dell'accesso ai farmaci prodotti nel loro paese da Pfizer e Moderna, riferisce The Washington Post, che cita varie fonti a riguardo.

Il giornale rileva che lo Sputnik V non è stato ancora approvato dall'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) o dai Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie. Da parte sua, il Dipartimento di Stato non raccomanda ai suoi funzionari di  vaccinarsi con il farmaco russo, sebbene autorizza ciascuno a " prendere le proprie decisioni di salute ".

In totale, almeno 13 governi si  sono offerti di inoculare al personale diplomatico statunitense le dosi che questi stati hanno acquistato negli Stati Uniti, mentre altri 8 paesi prevedono di fare la stessa proposta. Una situazione del genere "ha prodotto  esperienze umilianti  per i diplomatici statunitensi, che rappresentano il Paese più ricco del mondo ", valuta il giornale.

"E 'vergognoso che il paese più ricco del mondo si rivolga alla  carità di altre nazioni quando si tratta di vaccini, soprattutto considerando che i migliori vaccini sono fatti negli Stati Uniti", ha sottolineato un diplomatico americano che lavora in Medio Oriente.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Il libro di Giavazzi da leggere per capire che cos'è il governo Draghi di Francesco Erspamer  Il libro di Giavazzi da leggere per capire che cos'è il governo Draghi

Il libro di Giavazzi da leggere per capire che cos'è il governo Draghi

Quale paese al mondo... di Giorgio Cremaschi Quale paese al mondo...

Quale paese al mondo...

Facebook oscura l'informazione in Australia e non succede niente? di Francesco Santoianni Facebook oscura l'informazione in Australia e non succede niente?

Facebook oscura l'informazione in Australia e non succede niente?

Europei, Uiguri e i deliri di Washington   di Bruno Guigue Europei, Uiguri e i deliri di Washington

Europei, Uiguri e i deliri di Washington

A voi che leggete i "libri" di Scanzi e Casalino... di Antonio Di Siena A voi che leggete i "libri" di Scanzi e Casalino...

A voi che leggete i "libri" di Scanzi e Casalino...

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti