Spionaggio USA contro alleati. Pechino ridicolizza Washington

Spionaggio USA contro alleati. Pechino ridicolizza Washington

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il portavoce del ministero degli Esteri cinese Wang Wenbin ha dichiarato oggi che "quando si tratta di rubare segreti, gli Stati Uniti sono sempre al primo posto nel mondo", definendo "strabiliante" la quantità di misure con le quali lo attua.

Le osservazioni di Wang sono arrivate dopo che alla fine della scorsa settimana è stato svelato  che l'Agenzia per la sicurezza nazionale statunitense (NSA) ha ricevuto assistenza dalla Danimarca per spiare per diversi anni il cancelliere tedesco Angela Merkel e altri politici europei. 

Questo lunedì, il presidente francese Emmanuel Macron durante una conferenza stampa congiunta con la Merkel, ha detto di attendere spiegazioni da Washington e ha sottolineato che  "questo non è accettabile tra gli alleati" .

"Se gli alleati dell'America trovassero inaccettabile il suo comportamento di spionaggio, il mondo si sentirebbe solo più forte al riguardo. Quando si tratta di rubare segreti, gli Stati Uniti sono sempre al primo posto nel mondo. Quello a cui si applica è sbalorditivo", ha detto Wang.

Secondo il portavoce, Washington simula i segnali delle stazioni base per accedere e rubare dati dai telefoni cellulari, trasforma le "app" in unità di sorveglianza, entra nei server cloud, si connette a cavi sottomarini e colloca strutture di raccolta segrete nel mondo per scopi di spionaggio. 

Pertanto, le recenti rivelazioni secondo cui l'NSA spiava i politici europei con l'aiuto dei servizi segreti danesi è "solo la punta dell'iceberg" dell'"enorme rete globale di rapine segrete" degli Stati Uniti, ha ricordato Wang, aggiungendo che Washington "deve un spiegazione alla comunità internazionale». 

"Chi è la vera minaccia?"

Allo stesso tempo, il portavoce del ministero degli Esteri cinese ha sottolineato che gli Stati Uniti, pur spiando tutti, "reprimono insensatamente le società straniere rispettose della legge con il pretesto della sicurezza nazionale", il che "smaschera completamente la sua ipocrisia ed egemonia." 

" Chi diavolo sta rubando informazioni? E chi è la vera minaccia? " sono le domande che ha posto Wang.

Il portavoce ha anche menzionato la cosiddetta 'rete pulita', un programma proposto dall'amministrazione Trump volto a proteggere gli Stati Uniti dalle intrusioni aggressive di attori malintenzionati. Secondo Wang, il suo obiettivo è "mantenere il monopolio nel campo dell'alta tecnologia e servire da pretesto per giustificare le attività di spionaggio " di Washington. 

"Gli Stati Uniti devono immediatamente fermare la loro azione illegale di spionaggio massiccio e indiscriminato e fermare lo sporco business di reprimere le società di altri paesi con il pretesto della sicurezza nazionale. Gli Stati Uniti devono pagare il loro debito con il mondo", ha concluso il portavoce.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti