Sesto giorno di aggressione israeliana ad Al Aqsa. Decine di palestinesi feriti

Sesto giorno di aggressione israeliana ad Al Aqsa. Decine di palestinesi feriti

Foto di Al Quds Network. Ragazza palestinese passa accanto a un soldato israeliano che punta il suo fucile verso i civili diretti alla moschea di Al-Aqsa a Gerusalemme occupata.

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Non è la guerra in Ucraina a distogliere l’attenzione è un silenzio complice quello dei media occidentali sui crimini israeliani contro i palestinesi.

Le provocazioni di Israele nel sacro mese di Ramadan per i musulmani nella spianata delle Moschee di Gerusalemme, avrebbe l’apertura di tutti i media se l’avessero fatto i cinesi contro la minoranza uigura di religione musulmana. Soprattutto, se al posto dei cecchini israeliani appostati per colpire i palestinesi ci fossero, poliziotti cinesi, russi, venezuelani, iraniani.

 

Ormai siamo giunti al sesto giorno consecutivo di violazioni israeliane nella moschea di Al-Aqsa, situata nella città santa di Al-Quds (Gerusalemme), con un numero rilevante di feriti solo nelle prime ore di questo venerdì.

Mentre migliaia di fedeli palestinesi si erano radunati al tramonto ad Al-Aqsa per eseguire le importanti preghiere di questa giornata, le forze israeliane sono tornate ad attaccare la folla di persone, con gas lacrimogeni e granate assordanti, come riportato dall'agenzia palestinese di WAFA .

Tra l'altro, per non farsi mancare nulla, loccupazione israeliana ha lanciato lacrimogeni con i droni.

La Società Palestinese della Mezzaluna Rossa (PRCS) ha annunciato che almeno 31 palestinesi sono rimasti feriti nell'assalto, mentre molti altri sono stati soffocati dall'inalazione di gas lacrimogeni. "Due delle persone ferite sono in condizioni critiche, mentre un totale di 11 casi sono stati trasferiti in ospedale ".

Tuttavia, altre fonti locali, citando medici palestinesi, hanno evidenziato che almeno 43 palestinesi sono rimasti feriti nel raid di questa mattina.

Nel report si precisa che almeno un uomo ferito è stato arrestato dalle forze israeliane attaccanti. Inoltre, molti altri uomini e donne fedeli sono stati costretti a entrare negli edifici del complesso e a rimanervi fino alla fine dell'attacco israeliano poche ore dopo.

Secondo i media palestinesi, le forze del regime di Tel Aviv hanno chiuso tutti gli ingressi alla moschea di Al-Aqsa per impedire l'ingresso ai musulmani palestinesi. Dopo aver sparato bombe sonore e proiettili di plastica contro i palestinesi, anche i giovani arabi presenti sul posto hanno risposto agli attacchi “con i sassi”.

L'attacco di oggi è stato l'ultimo di una serie di raid giornalieri iniziati il ??15 aprile in cui la polizia israeliana ha permesso a folle di coloni di assaltare la moschea di Al-Aqsa durante le festività pasquali, che coincidono con il Ramadan, il nono mese del calendario lunare e il mese di digiuno dei musulmani, provocando in questi giorni grandi violenze contro i fedeli palestinesi.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti