Scott Ritter: "I russi avanzano a Kharkov e gli ucraini non possono fermarli"

Scott Ritter: "I russi avanzano a Kharkov e gli ucraini non possono fermarli"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Le forze russe hanno lanciato un'offensiva su larga scala verso Kharkov, rivelando evidenti lacune nelle difese fortificate precedentemente proclamate dall'Ucraina lungo il confine settentrionale. Secondo l'analista militare Scott Ritter, intervistato da Sputnik: "l'esercito ucraino, che si aspettava difese robuste, tra cui ostacoli anticarro e campi minati, è stato notevolmente superato."

Mentre le truppe russe continuano a spingersi verso sud dall'area di Belgorod, Ritter osserva che la situazione espone una più ampia vulnerabilità nella strategia di difesa ucraina. "Gli ucraini sono ora in preda al panico, e stanno ritirando forze da fronti critici altrove", ha spiegato. Questa riallocazione di truppe a nord lascia altre aree strategiche, come Kherson e Odessa, potenzialmente esposte a nuovi attacchi russi". Contemporaneamente, l'esercito russo sembra capitalizzare la mancanza di riserve ucraine, con pressioni simultanee nelle regioni di Zaporozhye e Donetsk che contribuiscono a quello che Ritter descrive come "il collasso dell'Ucraina come forza di combattimento coesa".

Nel mezzo di questi sviluppi sul campo di battaglia, la Russia ha nominato un nuovo Ministro della Difesa, Andrei Belousov, una mossa che ha scatenato discussioni e speculazioni sia all'interno della Russia che a livello internazionale. Belousov, un economista con una vasta esperienza di governo ma senza un passato militare. "Ci sono molte persone in Occidente che sono confuse da questo cambiamento. Pensano che sia un segno di debolezza da parte della Russia. È tutt'altro... È esattamente il tipo di persona di cui la Russia ha bisogno", ha dichiarato Ritter, affermando che la nomina strategica mira a rafforzare le capacità militari della Russia indirettamente attraverso la stabilità economica e la riduzione della corruzione.

Nel frattempo, il generale Gennady Gerasimov continuerà a supervisionare le operazioni militari, garantendo la continuità della leadership. Secondo Ritter, questa combinazione di leadership economica e militare non è affatto un segno di debolezza della Russia. "Con l'arrivo di Andrei Belousov, Putin sta creando acciaio temperato", ha osservato, suggerendo che l'Occidente potrebbe sottovalutare il posizionamento strategico della Russia.

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

L'UE e quel "lei deve stare molto attento!" di Marinella Mondaini L'UE e quel "lei deve stare molto attento!"

L'UE e quel "lei deve stare molto attento!"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Il mio messaggio a Bengasi di Michelangelo Severgnini Il mio messaggio a Bengasi

Il mio messaggio a Bengasi

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa di Giuseppe Masala Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa

Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti